Articoli marcati con tag ‘verità’

 

 

Una luce per illuminare il buio.

Ognuno di noi che si sveglia dal torpore quotidiano, prende consapevolezza e cognizione del buio di morte che ci circonda e circonderà sempre più diviene una luce, una piccola luce per illuminare il buio, l’oscurità, la fosca tenebra che il progetto criminale globale chiamato Grande Reset stende sulla vita di tutti Leggi il resto di questo articolo »

 

 

Queste parole profetiche Pasolini non riuscì a pronunciarle perchè venne ucciso ad Ostia il 2 novembre del 1975 da poteri oscuri dello stato. Le avrebbe dovute leggere al XV congresso del Partito Radicale del 4 novembre del 1975 a Firenze. Leggi il resto di questo articolo »

 

GLR – CONSIDERAZIONI   (57)

ANNO V DEL REGIME SANITARIO-ECOLOGICO-DIGITALE

Le altre “GRL-CONSIDERAZIONI ” le trovate  QUI

___________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

Alessandro Manzoni, nel suo ” I Promessi Sposi“, ogni tanto si rivolgeva direttamente ai suoi “25 lettori“. Noi del GLR non speriamo che i lettori del nostro sito ( con i suoi oltre 1300 articoli dal 2010) siano così tanti: non è, infatti, il nostro tempo devastato dal genocidio culturale, come diceva Pasolini Leggi il resto di questo articolo »

 

 

Cianciano, sproloquiano, blaterano, straparlano della prossima “malattia x“, a Davos 24. Così i covidioti, i climadioti, i digidioti di ogni dove in questo tristo pianeta potranno ancora vivere Leggi il resto di questo articolo »

“Imparerai a tue spese che nel lungo tragitto della vita incontrerai tante maschere e pochi volti.”

“Ma che colpa abbiamo, io e voi, se le parole, per sè, sono vuote?… Leggi il resto di questo articolo »

 

 

Orwell  (1903-1950) ha perfettamente ragione: bisogna gridare la verità in un tempo oscuro d’inganni, propaganda mefitica e vessazioni come questo orrendo tempo del progetto criminale globale chiamato Grande Reset ( rileggi QUI) e gestito dalle menti malate degli ultra-miliardari dell’aristocrazia finanziario-usuraia attraverso OMS, ONU, WEF Leggi il resto di questo articolo »

 

Giornalista e scrittore argentino (1942)

 

Giornalisti servili. Medici servili. Scienziati servili. Intellettuali servili. Professori servili. Genitori servili.  Artisti servili. Politici ed amministratori servili. Preti di qualsiasi religione servili. Istituzioni europee e mondiali servili. E, soprattutto, masse asservite alla religione del servilismo Leggi il resto di questo articolo »

GLR-NOTIZIE  119     25/8/2023

ANNO IV DEL REGIME SANITARIO-ECOLOGICO-DIGITALE Leggi il resto di questo articolo »

 

 

 

Si, ha ragione assoluta il Siracide ( libro ebraico scritto verso il I secolo a.C. e presente nella Bibbia), ragione che può certamente essere condivisa anche da una lettura laica seria.

Si, bisogna lottare fino alla morte per trovare e fare verità Leggi il resto di questo articolo »

GLR – CONSIDERAZIONI   (51)

ANNO IV DEL REGIME SANITARIO-ECOLOGICO-DIGITALE

Le altre “GRL-CONSIDERAZIONI ” le trovate  QUI

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

Scrittore ed aforista italiano (1983)

 

 

La tirannia dell’emergenza continua è il metodo di fondo del progetto criminale globale chiamato Grande Reset, gestito dai farabutti pluri-miliardari dell’aristocrazia finanziario-usuraia Leggi il resto di questo articolo »

 

Filosofo e scrittore spagnolo (1863-1952)

 

La Commissione d’inchiesta parlamentare sulla gestione del Covid, appena varata con grande fatica e forti opposizioni del PD ( e non solo) forse non arriverà a condannare ( come si dovrebbe) i malefici gestori ( conte, speranza e tanti altri complici politici e pseudo-scienziati) Leggi il resto di questo articolo »

 

 

Pseudo-vaccini di stato ( ma soprattutto di Grande Reset) che fanno ammalare e distruggono la vita.

Non c’è bisogno di altre parole per introdurre il docu-film che segue ( già proposto da noi QUI) e che v’invitiamo a vedere, o rivedere, con estrema attenzione e preoccupazione ricordando, ricordando Leggi il resto di questo articolo »

 

 

Questo articolo che segue oggi è la seconda parte di QUESTO a cui vi rimandiamo assolutamente. Ma vi rimandiamo anche a QUESTO, a QUESTO e a QUESTO: tutti articoli ( e tanti, tanti altri QUI) che ci aiutano a dare una risposta, ancora provvisoria, a questa domanda: perchè un castello di menzogne intorno allo pseudo-vaccino covid? Leggi il resto di questo articolo »

 

GLR – CONSIDERAZIONI   (44)

ANNO IV DEL REGIME SANITARIO-ECOLOGICO-DIGITALE

Le altre “GRL-CONSIDERAZIONI ” le trovate  QUI

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

scrittore e psicologo britannico (1931-2013)

 

Dopo l’importantissimo articolo sulle frodi e sui danni del vaccino ( rileggi assolutamente QUI e QUI) vogliamo fare una considerazione scomoda, molto scomoda ( sperando che nessuno si offenda inutilmente) aiutati dagli ottimi articoli che oggi trovate in questo articolo complessivo. Leggi il resto di questo articolo »

GLR – CONSIDERAZIONI   (42)

ANNO IV DEL REGIME SANITARIO-ECOLOGICO-DIGITALE

Le altre “GRL-CONSIDERAZIONI ” le trovate  QUI

______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________


Scrittore portoghese (1922 - 2010)

 

Domandiamoci: non proviamo vergogna per quanto è accaduto ed ancora continua ad accadere ( rileggi assolutamente QUI)? Non proviamo vergogna domandandoci come è potuto accadere ciò che è successo in questi ultimi tre anni Leggi il resto di questo articolo »

GLR – CONSIDERAZIONI   (41)

ANNO IV DEL REGIME SANITARIO-ECOLOGICO-DIGITALE

Le altre “GRL-CONSIDERAZIONI ” le trovate  QUI

_______________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

 

 

Considerate queste due date: 16 gennaio 2023, 24 gennaio 2023: la piovra in azione.

No, non la mafia propriamente detta ma una piovra ben più pericolosa, devastante, sconvolgente: la piovra del progetto criminale globale chiamato Grande Reset ( una mafia anch’esso, sia chiaro) gestito dall’èlite criminale dell’aristocrazia-finanziaria usuraia che detiene il vero potere globale Leggi il resto di questo articolo »

 

 

Indignazione. Nè rabbia cieca o rancore. Indignazione. Quell’indignazione che suscita impegno, resistenza, ricordo del male subito e delle ingiustizie perpetrate, che è difesa ad oltranza della propria e altrui dignità ( se volete fare una ripassata generale del male fatto in italia dal progetto criminale globale chiamato Grande Reset Leggi il resto di questo articolo »

 

NOTIZIE  108   14/10/2022

ANNO III DEL REGIME SANITARIO-ECOLOGICO-DIGITALE Leggi il resto di questo articolo »

 

 

L’11 novembre del 1938 quando vennero approvate ed entrarono in vigore le leggi razziali in italia era un venerdi. Era il 6 agosto 2001  (leggi QUI ) quando sono entrate in vigore le nuove leggi discriminatorie sociali e “razziali” previste dal DL n.105 del 23/7/2021 ( green pass) verso i non vaccinati, ed era un venerdi. Due venerdi a distanza di 83 anni. Due venerdi neri di fascismo e di vergogna. Leggi il resto di questo articolo »

 

 

Si, considerate se questo è un uomo, quello dell’epoca della patologizzazione della società e dell’affermarsi di stati terapeutici che vogliono “curarlo” a qualsiasi costo. Se vi è rimasta un po’ di lucidità mentale considerate. Come considerano gli articoli e il video che seguono in quest’articolo complessivo.

Considerate se è vita, futuro, umanità quella che i tanti articoli Leggi il resto di questo articolo »

 

 

Il ricatto è lo strumento principale di ogni dittatura, di ogni fascismo. Anche per il progetto criminale globale chiamato Grande Reset per instaurare una “nuova normalità” secondo le visioni folli di Big Money, Big Pharma e Big Tech. Naturalmente un ricatto per amore… per la nostra salute e il nostro bene, come crede il covidiota ( leggi i tanti articoli qui: http://www.gruppolaico.it/category/rassegna-stampa/emergenza-rassegna-stampa/ ).

Siamo stati ricattati, all’inizio, attraverso la paura indotta per uno pseudo virus presentato come la peste nera. Da questo ricatto iniziale ne sono derivati tutti gli altri: se non ti fai il tampone… Se non ti metti la mascherina… Se non ti distanzi… Leggi il resto di questo articolo »

 

 

“E’ bellissimo vedere file di ragazzi come quelle fuori da un concerto ma che invece vanno a vaccinarsi contro il Covid…” Ecco le ignobili dichiarazioni del 7 giugno scorso di tale pierpaolo sileri, purtroppo sottosegretario del ministero della “salute” (?) e rappresentante del m5s, il mefitico partito italiano più coinvolto, con il pd, con i progetti criminali globali del Grande Reset ( Qui puoi approfondire con moltissimi Leggi il resto di questo articolo »

 

I versi di Dante sono quanto mai attuali: la nostra è l’epoca del progetto criminale del Grande Reset e dell’esaltazione dei “bruti”, ex esseri umani ridotti alla “nuda vita”, alla pura sopravvivenza. L’epoca dell’assolutizzazione della salute come valore supremo e della scienza come fede.

L’epoca che si vantava di essere secolarizzata, svincolata gloriosamente dalle religioni e che, invece, in un momento d’emergenza manipolata ad arte dai gestori del Grande Reset e di fronte ad un’angoscia indotta dal bombardamento mediatico si è rifugiata nella “nuova religione”, nel fideismo tanto irriso: la religione della tecnoscienza, della salute come idolo divino, dei medici, virologi, infettivologi e scienziati in genere come sacerdoti ( nuovi preti da seguire ciecamente come in un medioevo prossimo venturo), delle mascherine, dei tamponi e dei vaccini come nuovi santini protettivi e miracolosi, delle nuove inquisizioni con caccia all’eretico. Leggi il resto di questo articolo »

Il progetto di regime sanitario per condurre verso la dittatura digitale e una società del controllo non riguarda solo l’Italia ma tutto il mondo. Il progetto di una “nuova normalità” all’interno di futuri “stati terapeutici” non riguarda solo l’Italia ma tutto il mondo. E in questi progetti il ruolo dei media per propagandare il pensiero unico sul virus e la conseguente paura permanente è fondamentale.  Ma c’è (e ci deve essere) “chi resiste” e non si adegua! (GLR)

 

Kennedy a Berlino: il discorso storico che i media hanno censurato

(Robert Francis Kennedy Jr. (1954) è un avvocato e attivista ambientale americano, scrittore e anti-vaccinista. Kennedy è figlio di Robert F. Kennedy e nipote dell’ex presidente John F. Kennedy. È presidente del consiglio di Waterkeeper Alliance, un gruppo ambientalista senza scopo di lucro che ha contribuito a fondare nel 1999. (GLR) ) Leggi il resto di questo articolo »

Il progetto di regime sanitario per condurre verso la dittatura digitale e una società del controllo non riguarda solo l’Italia ma tutto il mondo. Il progetto di una “nuova normalità” all’interno di futuri “stati terapeutici” non riguarda solo l’Italia ma tutto il mondo. E in questi progetti il ruolo dei media per propagandare il pensiero unico sul virus e la conseguente paura permanente è fondamentale.  Ma c’è (e ci deve essere) “chi resiste” e non si adegua! (GLR)

 

Se non ci si arrende arriva la fatwa «Chi va in piazza è un negazionista»

La nuova crociata. Manipolano la scienza e danno agli altri dei negazionistì Nonostante le proteste di chi ha subito davvero l’Olocausto, la sinistra scaglia il termine su chi è scettico sui toni allarmanti. Fanno i monopolisti della scienza per bollare gli altri come «nazisti malati di mente» Leggi il resto di questo articolo »

Da anni ormai, giornali e TV parlano tutti la stessa lingua neoliberista, espongono le medesime nozioni infondate e ripropongono le identiche cure, già viste fallire, per i mali di cui lo stesso sistema è causa. Più di recente sono divenuti intolleranti verso opinioni critiche e alternative, che crescono numerose nel web. La consapevolezza delle collettività è intollerabile per il sistema costruito su nozioni infondate. Leggi il resto di questo articolo »

Una parte dei verbali del CTS sono stati resi pubblici: i tecnici volevano misure differenziali.

Il Governo, pressato dall’opinione pubblica, ha parzialmente desecretato e trasmesso alla Fondazione Luigi Einaudi una parte dei verbali  dei Comitato Tecnico Scientifico fra fine febbraio ed i primi di aprile

Dato che a Scenari non abbiamo mai problemi a mostrarvi i documenti completi, potere trovarli e leggerli a questo link. Leggi il resto di questo articolo »

“Io non sono convinto che in questi mesi gli italiani abbiano dimostrato “responsabilità”, “disciplina”, “senso civico”. I nostri concittadini si sono fatti prendere dal panico, si sono lasciati convincere da un’informazione (soprattutto televisiva) sensazionalista, parziale, ispirata al ‘pensiero unico” del male assoluto.”

(da: Terrore sanitario e la gente comune. )

 

Manuale di resistenza al regime sanitario

Centodieci pagine sottili, per altro in piccolo formato. Tanto basta per mostrare con spietata precisione quale sia l’attuale livello del milieu culturale italiano. I fogli in questione sono quelli che compongono il nuovo, potentissimo libro di Giorgio Agamben pubblicato da Quodlibet e intitolato A che punto siamo? L’epidemia come politica. Leggi il resto di questo articolo »

Com’era scontato, la Fase 2 conferma per decreto ministeriale più o meno le stesse decurtazioni di libertà costituzionali che possono essere limitate solo per legge. Ma non meno importante è la limitazione di un diritto umano che non è sancito in alcuna costituzione: il diritto alla verità, il bisogno di una parola vera.

Leggi il resto di questo articolo »

Il manifesto di Vargas Llosa. Come impedire che la pandemia diventi un pretesto per l’autoritarismo

Che la pandemia non sia un pretesto per l’autoritarismo. È questo il titolo del Manifesto redatto dal premio Nobel per la letteratura Mario Vargas Llosa e pubblicato sul sito della sua Fundación Internacional para la Libertad (FIL). Fra i firmatari italiani: il politologo Angelo Panebianco, l’imprenditore Franco Debenedetti, l’artista Massimo Mazzone e Alberto Mingardi dell’Istituto Bruno Leoni. Leggi il resto di questo articolo »

Mentre ci misuriamo a distanza e ci adattiamo a ‘cenare senza come Dio’ (E. Dickinson), mentre ci abituiamo a vedere spegnersi, un lume per volta, la cultura (la cultura sì, nessuna Mostra, nemmeno la più discreta, nessuna scuola, nemmeno la più piccola, resta aperta; teatri, cinema e librerie sono vuoti – ma le palestre, dove mani appiccicose stringono strumenti sudati, quelle continuano ad assembrare), mentre un metro di circonferenza virtuale ci isola dal mondo come un cane da guardia, vicino a noi, a pochi altri metri, avviene forse l’evento di più asettica ferocia avvenuto sulla terra: centinaia di migliaia di persone vengono spinte e guidate sul mare e per terra verso le frontiere di un paese che li aspetta con bastoni e fucili e distrugge il cibo che li terrebbe in vita, e quando cercano di tornare indietro alle loro prigioni, quelli stessi che li hanno spinti fuori li fermano tenendoli a forza nella non-terra di mezzo che hanno creato per loro. Leggi il resto di questo articolo »

«Il popolo americano è diviso da una guerra culturale. In più, alcune parti delle sue élite hanno un interesse materiale a creare caos. […] Anche se ufficialmente erano una democrazia basata sulle regole, gli Stati Uniti erano diventati, dopo decenni di economia liberista, un contesto privo di regole per chiunque disponesse di potere tecnologico o finanziario». Paul Mason

«C’è un nuovo totalitarismo all’orizzonte, non imposto da dittatori pazzi, ma prodotto da un adattamento volontario alle nuove dimensioni sociali del potere». Jonathan Friedman

Michel FoucaultSorvegliare e punire, nascita della prigione, Einaudi, Torino 1976

Shoshana ZuboffIl capitalismo della sorveglianza, il futuro dell’umanità nell’era dei nuovi poteri, LUISS, Roma 2019 Leggi il resto di questo articolo »

Quello che sta succedendo all’informazione è molto strano: non è mai stata considerata così importante e al tempo stesso non è mai stata tanto disdegnata. Sospinta dalla rivoluzione digitale, l’informazione sarà sicuramente il principale motore del cambiamento nell’economia, nella politica e nella scienza del XXI secolo. Ma come abbiamo visto, sarà anche una pericolosa fonte di confusione, frammentazione sociale e conflitto. Leggi il resto di questo articolo »

Trump, Putin, Orbán. Sulla scia di Diogene, Socrate, Dostoevskij. Lo sguardo del filosofo tedesco sui sovranisti di oggi.

Se provassimo a prenderli sul serio, a quale scuola filosofica apparterebbero Trump e Salvini, Putin o Marine Le Pen? «Tutti i sovranisti si rifanno ad una antropologia cinica e depressa», risponde Peter Sloterdijk. Non è un caso se uno dei più prestigiosi filosofi tedeschi torni alle antiche tradizioni del cinismo per inquadrare «l’incoerenza performativa» in cui si cacciano oggi i sovranisti con le loro spietate balle quotidiane. Leggi il resto di questo articolo »

Da “DOVERI DELL’UOMO” di Giuseppe Mazzini (1860)

dai capitoli  LA FAMIGLIA, L’EDUCAZIONE e I DOVERI DELL’UOMO


Poche madri, pochi padri, in questo secolo irreligioso, intendono segnatamente nelle classi agiate, la gravità, la santità della missione educatrice : poche madri, pochi padri pensano che le molte vittime, le lotte incessanti e il lungo martirio dei nostri tempi sono frutto in gran parte dell’egoismo innestato trenta anni addietro nelle anime da madri deboli o da padri incauti i quali lasciarono che i loro figli s’avvezzassero a considerare la vita non come dovere e missione, ma come ricerca di piaceri e studio del proprio benessere.

E potete educare con la parola. Parlate loro di Patria, di ciò ch’essa fu, di ciò che deve essere. Leggi il resto di questo articolo »

I gilet gialli, i taxisti, i separatisti, i maestri, le femministe, i licenziati, i consumatori, la gente, in generale, scende in piazza nelle città europee. A volte in modo ordinato e rispettoso, a volte in modo tumultuoso. Combattono con le forze dell’ordine, attaccano i negozi, bruciano i cassonetti, vandalizzano gli arredi urbani, o semplicemente sfilano sventolando bandiere e gridando slogan non sempre rispettabili. Leggi il resto di questo articolo »

“Con l’approvazione del decreto Sicurezza si stravolge di fatto la Costituzione”. La voce dell’Associazione Nazionale Partigiani ancora una volta si leva per dire la verità. E la dura, triste verità è che festeggiamo l’ottantesimo delle leggi razziali con una legge francamente razzista. Non solo sul piano del colore della pelle, ma anche su quello sociale.

L’aspetto più odioso della legge Salvini è forse proprio l’evidente odio verso i poveri. Torna la tassa (già introdotta dalla Lega nel 2009 e poi abrogata) sulle rimesse dei migranti. Sì: non sulle transazioni finanziarie, non sui grandi capitali. Ma sui soldi che i poveri mandano a casa. Leggi il resto di questo articolo »

Il 22 settembre 1970 muore a Torino, dopo una lunga malattia, PIETRO CHIODI (55 anni, nomi di battaglia Piero e Valerio) filosofo, docente universitario, Antifascista e Partigiano.

Chiodi nacque a Corteno Golgi, zona montana in provincia di Brescia, in una famiglia della piccola borghesia. Dopo le scuole elementari, che frequentò nel suo paese, si recò a Sondrio per le scuole superiori dove alcuni insegnanti lo avviarono alla studio della filosofia. Leggi il resto di questo articolo »

«Noam Chomsky parla del suo ultimo libro e dei disastri causati dal neo-liberalismo e dal postmoderno “Gli intellettuali devono resistere contro le false realtà create dal potere”» (c.m.c)

Cinquant’anni fa, nel 1967 sulla New York Review of Books, l’allora non ancora trentanovenne Noam Chomsky, linguista geniale e innovativo (una decina di anni prima aveva cominciato a spiegare come la nostra capacità di generare frasi sia innata), pubblicava un lungo saggio sulla responsabilità degli intellettuali. Quel testo diceva, in fondo, una cosa semplice: occorre svelare le menzogne del potere e cercare di ristabilire la verità dei fatti. Era un potente manifesto che serviva alla mobilitazione della meglio gioventù d’America contro la guerra in Vietnam.

Nel frattempo, il professore, giunto all’età di ottantotto anni, è stato al centro di varie e frequenti controversie, fu più volte indicato come l’intellettuale più influente del mondo ( in genere il secondo classificato era il nostro Umberto Eco); e ora, tonico, lucido, con un eloquio difficile da interrompere concede questa intervista. Il pretesto è la pubblicazione, con Ponte alle Grazie, di un suo saggio Le dieci leggi del potere. Requiem per il sogno americano; ma poi si parla anche del ruolo appunto del pubblico intellettuale ai tempi della crisi della gerarchia del sapere, di Trump e delle fake news. Leggi il resto di questo articolo »

Il maestro non deve insegnare ciò che al governo piace che sia la verità, ma ciò che egli nella sua coscienza crede che sia la verità. Se la scuola vuole davvero preparare spiriti liberi, è necessario che sia fatta da uomini pienamente liberi. Non possiamo ad un maestro schiavo affidare l’ufficio di educare alla libertà i futuri cittadini. Leggi il resto di questo articolo »

Calendario eventi
giugno 2024
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli