Articoli marcati con tag ‘bibbia’

C’è il Dio edito e il Dio inedito. Per esempio, la lotta fra atei e teisti è una lotta a livello dell’uomo edito, perché gli atei negano il Dio edito. E spesso fanno bene. Molte volte questo Dio edito non è che un tiranno insopportabile, è la cifra che sublima in sé e legittima tutte le forme di dipendenza, è l’autoritarismo portato a vastità metafisiche. Se noi leggiamo la Bibbia, vediamo che c’è un modo di parlare di Dio del tutto omogeneo all’homo editus, alla cultura, quindi un Dio guerrafondaio, sterminatore, e poi c’è il Dio inedito, nascosto, che è il Dio dei Profeti e che troverà la sua manifestazione in Gesù Cristo… Quando noi parliamo di Dio secondo l’homo editus lo assimiliamo a noi, lo trasformiamo a nostra immagine e somiglianza, per cui egli è aggressivo, vuole la sconfitta dei nemici. Le religioni hanno portato nel mondo l’aggressività distruttiva in nome del Dio edito, che non è il Dio nascosto.

Ernesto Balducci  (1922- 1992),  in  La coscienza dell’uomo planetario, 1993

“ Uomini di Galilea, perché ve ne state a guardare verso il cielo? ”  (Atti 1, 11)

Il rimprovero dei due bianco-vestiti – perché state a guardare in alto? – intercetta l’altra linea di evasione:  quella di pensare al Paradiso, di pensare all’aldilà. Noi siamo convinti, per abitudine, che è religioso l’uomo  che pensa soprattutto all’aldilà, mentre ci è stato detto, nel giorno in cui il Figlio dell’uomo ha superato il  crinale che separa il tempo dall’eternità, di non guardare in alto. Il nostro compito è di guardare la vita che  facciamo, il mondo in cui siamo, perché è in questo spazio che si consuma in pieno il nostro impegno con Dio. Leggi il resto di questo articolo »

Pietro… con molte altre parole rendeva testimonianza e li esortava: «Salvatevi da questa generazione perversa!».

Atti degli Apostoli   2, 40

Mi chiedi che cosa secondo me dovresti soprattutto evitare? La folla. Non puoi ancora affidarti a essa tranquillamente. Quanto a me, ti confesserò la mia debolezza: quando rientro non sono mai lo stesso di prima; l’ordine interiore che mi ero dato, in parte si scompone. Qualche difetto che avevo eliminato, ritorna… I rapporti con una grande quantità di persone sono deleterî: c’è sempre qualcuno che ci suggerisce un vizio o ce lo trasmette o ce lo attacca a nostra insaputa. Più è la gente con cui ci mescoliamo, tanto maggiore è il rischio

L. A. Seneca,  Lettere a Lucilio  7 Leggi il resto di questo articolo »

«Genesi», il primo libro della bibbia, se davvero ci si prendesse la briga di leggerlo o, per lo meno, lo si estraesse dalle polveri della propria biblioteca, si rivelerebbe ricco di folgoranti rivelazioni sulla nostra natura più intima e di conoscenze di senso che stimolino la consapevolezza del nostro destino, aleatorio e libero, ma pur sempre ineludibile.  Nel passaggio in cui si racconta della creazione dell’uomo, le narrazioni sono due: la prima è unitaria ed eticamente denotativa e recita più o meno così: «Creò l’essere umano, maschio e femmina li creò». Dunque la creatura più amata, il partner della creazione, è uno ma si esprime in due aspetti di pari dignità, il femminile ed il maschile e, detta dignità di cui sono titolari le due alterità, si esprime nell’amore, l’impronta divina che chiede il reciproco accoglimento. Leggi il resto di questo articolo »

17 novembre 2013
17:00a20:00

1 ottobre 2013
21:00a23:00

21 maggio 2013
21:00a23:00

26 marzo 2013
21:00a23:00

29 gennaio 2013
00:00a23:00

 

Stampa Articolo Stampa Articolo       Manda via Mail questo articolo Manda via Mail questo articolo

8 gennaio 2013
21:00a23:00

 

Stampa Articolo Stampa Articolo       Manda via Mail questo articolo Manda via Mail questo articolo

11 dicembre 2012
21:00a23:00

Stampa Articolo Stampa Articolo       Manda via Mail questo articolo Manda via Mail questo articolo

27 novembre 2012
21:00a23:00

Stampa Articolo Stampa Articolo       Manda via Mail questo articolo Manda via Mail questo articolo

6 novembre 2012
21:00a23:00

Stampa Articolo Stampa Articolo       Manda via Mail questo articolo Manda via Mail questo articolo

8 maggio 2012
21:00a23:00

Stampa Articolo Stampa Articolo       Manda via Mail questo articolo Manda via Mail questo articolo

 

Più vado avanti e più mi rendo conto che le grandi parole, quelle che sono all’altezza dei nostri desideri più profondi, dei nostri concetti pin elevati, sono anche le parole pin fraudolente, portano dentro di loro un’insidia quasi invincibile. Capisco perché nel popolo ebraico c’era la prescrizione di non nominare il nome di Dio. Il nome di Dio è una di queste parole che dovrebbe essere custodita nel silenzio e noi invece ne abbiamo fatto una parola da pronunciare dovunque, a tutti gli usi, a tutti gli scopi. Capisco perché Gesù, spesso, quando parlava della resurrezione o compiva opere mirabili, faceva prescrizione ai suoi di non parlarne a nessuno perché le cose, gli eventi che sono al livello alto, che toccano perciò le fibre più profonde delle nostre attese, possono, nella promiscuità con le altre parole, deturparsi e cambiare senso. A questa legge appartengono parole come «resurrezione», come «vita» ed io sento che ogni volta che dobbiamo parlarne, dobbiamo con cautela disciogliere questa consegna del silenzio ed impegnarci a capire il perché di questa indecifrabilità, di questa impronunciabilità. Me lo dicevo proprio in questi giorni. Leggi il resto di questo articolo »

C’è chi vede nelle religioni un’immensa fonte di violenza al punto che, se sparisse­ro, il mondo non avrebbe che da guada­gnarci. Altri che, al contrario, le considerano come indispensabili artigiane di pace. Tutti han­no in testa una lunga lista di eventi per corroborare il loro giudizio. Da un lato, atti di violenza inauditi, abietti, barbari, dall’altro testimonianze ammirevoli di solidarietà, compassione, resistenza eroica al ma­le: tutti fatti in nome di Dio. Così, le religioni sono capaci del peggio come del meglio. Ma su cosa pog­giano questi estremi: il potere di fomentare l’odio, di umiliare, di dominare e quello di generare la bontà, l’amore, l’aiuto reciproco? Lo sguardo naturalmente si focalizza prima di tutto sui testi sacri delle grandi religioni. Ciò che colpisce è l’immensa bontà che sprigiona da questi: il Dio degli umili della Bibbia, il Dio dei poveri e degli oppressi dei Vangeli, il Dio misericordioso del Corano e i doveri di solidarietà, di condivisione e di giustizia che ne derivano. “Credere che Dio possa ordinare agli uomini atti atroci di ingiustizia e di crudeltà, è il più grande errore che si possa commettere nei suoi confronti”, scriveva Simone Weil nel suo Lettera a un religioso. Leggi il resto di questo articolo »

Intervista ad Augusto Cavadi, filosofo, saggista e autore di numerose opere sulla cultura mafiosa.

L’analisi del fenomeno mafioso svela un inquietante paradosso: gli uomini di “Cosa Nostra” sono, nella quasi generalità, cattolici e, non di rado, credenti pieni di fervore. Come è possibile ciò? Come si spiega l’ostentata religiosità degli “uomini d’onore”? A questi interrogativi risponde Augusto Cavadi (nella foto), sociologo e teologo palermitano, nel suo recente “Il Dio dei mafiosi”, edito da San Paolo.

Il suo ultimo libro si intitola “Il Dio dei mafiosi”. Perché questo titolo?
La cultura mafiosa è un insieme di principi, di simboli, di linguaggi, di codici etici. Io ho cercato di mettere in evidenza che cosa pensano i mafiosi su Dio, su Cristo, sulla chiesa, sui santi e quindi ho cercato di fare una ricerca sulla “teologia mafiosa”. In questo senso il titolo mi è venuto abbastanza spontaneo. Leggi il resto di questo articolo »

 

Dio, l’uomo e la Terra secondo la Bibbia

II libro della Genesi è un grande affresco sull’uomo, sulla possibilità di credere in Dio, sulla vita in tutte le sue forme, sul bene, sul male e sui conflitti, sul dramma magnifico della libertà, sulla bellezza della sessualità, sul bisogno di cercare, capire e crescere, sulla fatica di costruire la storia. Vorremmo tentare di cogliere i grandi interrogativi fondamentali che il libro pone, andando oltre risposte o immagini scontate e sempliciste, e vederne tutta l’attualità, senza nessun proselitismo.

 

 

 
Programma della ricerca

 

La Bibbia, il suo mondo, le nostre domande.

Il mondo culturale e religioso della Genesi.
 
I racconti della creazione: una storia ancora da completare (cap.1)

I racconti della creazione (cap.1)
 
I racconti della creazione del capitolo 2

La creazione dell’uomo:  la sua dignità come maschio-femmina.

Il problema del male e dell’uso della libertà (cap. 3)

Le scelte dell’uomo e le conseguenze nella storia ( cap. 3)

Caino e Abele: il dramma della nascita della civiltà (cap. 4)
 
Un Dio liberatore e “alleato” del cammino dell’uomo ( cap. 5-8)

La fatica dell’uomo tra “diluvi e babele” (cap. 8 -11)

La tradizione di Abramo: la vita e la fede come cammino e ricerca.

La tradizione di Abramo: uomo e Dio in un possibile dialogo.

 

 

 

26 ottobre 2010
21:00a23:00





  Incontri come un modo per riflettere e confrontarci
 

   MARTEDI  26  OTTOBRE  ore 21.00

 



Il libro della Genesi è un grande affresco sull’uomo, sulla vita, sul bene, sul male, sul dramma magnifico della libertà, sulla sessualità, sul bisogno di cercare, capire e crescere, sul dolore e la fatica di costruire la storia.  Vorremmo tentare di cogliere i grandi temi fondamentali che il libro pone andando oltre risposte o immagini scontate e vederne tutta l’attualità. In maniera laica senza nessun proselitismo…

 

 

 

presso:   CENTRO  SOCIOCULTURALE  GARBATELLA

Via A. Caffaro 10     ROMA

 Per informazioni:   06 9300526


 

30 novembre 2010
21:00a23:00



 
 
Incontri come un modo per riflettere e confrontarci
 

   MARTEDI  30  NOVEMBRE   ore 21.00

 Dio, l’uomo e la Terra secondo la Bibbia

 

 

 Il libro della Genesi è un grande affresco sull’uomo, sulla vita, sul bene, sul male, sul dramma magnifico della libertà, sulla sessualità, sul bisogno di cercare, capire e crescere, sul dolore e la fatica di costruire la storia.  Vorremmo tentare di cogliere i grandi temi fondamentali che il libro pone andando oltre risposte o immagini scontate e vederne tutta l’attualità. In maniera laica senza nessun proselitismo…


   

 presso:   CENTRO  SOCIOCULTURALE  GARBATELLA 

 Via A. Caffaro 10     ROMA

 Per informazioni:   06 9300526


21 dicembre 2010
21:00a23:00
 
 
 
 
INCONTRO AGGIUNTO AL PROGRAMMA DI DICEMBRE
 
Incontri come un modo per riflettere e confrontarci
 
 
 
MARTEDI 21 DICEMBRE   ore 21,00
 

    Dio, l’uomo e la Terra secondo la Bibbia

 

 

 

  Il libro della Genesi è un grande affresco sull’uomo, sulla vita, sul bene, sul male, sul dramma magnifico della libertà, sulla sessualità, sul bisogno di cercare, capire e crescere, sul dolore e la fatica di costruire la storia.  Vorremmo tentare di cogliere i grandi temi fondamentali che il libro pone andando oltre risposte o immagini scontate e vederne tutta l’attualità. In maniera laica senza nessun proselitismo…

 

 presso:   CENTRO  SOCIOCULTURALE  GARBATELLA 

  Via A. Caffaro 10     ROMA

  Per informazioni:   06 9300526

 


22 marzo 2011
21:00a23:00





 

presso:   CENTRO  SOCIOCULTURALE  GARBATELLA

Via A. Caffaro 10     ROMA

Per informazioni:   06 9300526

 

 

5 aprile 2011
21:00a23:00



 



26 aprile 2011
21:00a23:00





24 maggio 2011
21:00a23:00

 

14 giugno 2011
21:00a23:00

 

CHI SIAMO


 Associazione culturale Gruppo Laico di Ricerca  

ROMA 

La nostra Associazione nasce nel 1992 e dal 1996 è legalmente riconosciuta. Essa è composta da persone di orientamenti politici, di pensiero e religiosi diversi e propone di approfondire, attraverso conferenze, incontri, dibattiti e cineforum tematiche esistenziali, etiche e sociali, ritenute indispensabili per una lettura critica dell’attualità e del percorso storico e religioso italiano e internazionale.

Guida dei nostri percorsi di ricerca sono il Risorgimento ( attraverso la storia della Repubblica Romana, Mazzini, Garibaldi, Pisacane, Mameli, ed altri), la Resistenza ( attraverso Gobetti, Gramsci, i Fratelli Rosselli, Salvemini, Calamandrei  ed altri) e il pensiero laico contemporaneo più stimolante ( Camus, Pasolini, Viroli, Bocca, Rodotà, Gaber e altri) insieme al contributo del pensiero cristiano più innovativo ( Bonhoeffer, Balducci,  Milani, Teologi della Liberazione ed altri). Inoltre proponiamo approfondimenti sulle grandi eredità di pensiero del paganesimo antico e dell’ebraismo.  Anche il cinema di Autori umanamente e civilmente sensibili fa parte da anni dei nostri contributi di approfondimento e formazione.

 Argomenti fondamentali di ricerca sono:

-          valorizzazione e difesa della laicità come autonomia del pensiero e delle Istituzioni;

-          ricerche storiche per maturare una coscienza critica  degli avvenimenti del passato più recente e lontano;

-          lettura laica della Bibbia per ritrovare il messaggio del Cristianesimo delle origini, liberato da una politica strumentale e da qualsiasi forma di potere e fondamentalismo.

 È nostra convinzione che la corretta informazione e la circolazione delle idee costituiscano le fondamenta su cui costruire la libera coscienza di un popolo.  Tali esperienze hanno lo scopo di orientare le persone verso la comprensione dei messaggi di libertà e di giustizia che i poteri forti  politici, mediatici e religiosi hanno cercato di nascondere in ogni epoca, compresa la nostra. Tutto ciò mentre subiamo l’affermazione del potere economico globalizzato, che ha reso più poveri i poveri della Terra, creando emarginazione, violenza, corruzione.

Per questo proponiamo PERCORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE PER ADULTI per il nostro miglioramento morale e civile, in un contesto caratterizzato da una pericolosa regressione culturale, per recuperare  l’etica della responsabilità individuale. Un semplice contributo di ricerca e “resistenza” ad ogni forma d’integralismo, d’indifferenza e di mediocrità.

La nostra Associazione si autogestisce economicamente con l’aiuto libero dei partecipanti per mantenere la propria indipendenza di pensiero. La sede dei nostri incontri è a Roma, presso il Centro socio-culturale Garbatella,  in via  A. Caffaro, 10.

 

Per informazioni sulle attività proposte dall’Associazione : 3337765679

Il nostro sito internet: www.gruppolaico.it 




Il centro socio-culturale Garbatella in via Caffaro 10, Roma






Ingrandisci Mappa


VEDI:  4 aprile 2011. CONSIDERAZIONI. Il senso di un' associazione

{{empty}}



Calendario eventi
novembre 2018
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli