L’essere chiamato schwab (presidente e animatore  del World Economic Forum di Davos, il luogo dell’elaborazione del progetto criminale globale chiamato Grande Reset) vuole (vuole!) che il tuo CORPO sia connesso al 5g ( e poi al 6g, ecc.).

Vuole (vuole!) che il tuo corpo sia connesso ad internet, che ne sia parte, come terminale wirelles e bluetooth o router o network o gateway , casomai hackerabile alla bisogna.

Vuole (vuole!) il tuo corpo, sanificato e digitalizzato, non più solo la tua obbedienza. Sono la biopolitica e il biopotere, bellezza.

Vuole (vuole!) che così si sviluppi lo IOB, l’internet dei corpi, cioè il vero scopo finale del Grande Reset che passa attraverso la nuova politica delle emergenze continue ( sanitarie, climatiche, belliche, energetiche, ambientali, ecc.) che i governi ( come il nostro) succubi attueranno ad libitum ( rileggi, rileggi qui: Verso la dittatura digitale (11). Smart city: una città di schiavi.  e rileggi quiVerso la dittatura digitale (9). Il vaccino mRNA, l'eugenetica e la spinta verso il transumanesimo.  )

Scopo finale del Grande Reset ( rileggi, rileggi i tanti articoli QUI) che passa attraverso l’ingegneria della paura, del terrore instillato nei covidioti dalla propaganda dei media succubi ( come i governi) cosicchè gli idioti covidioti s’inchinino deferenti ed adoranti al nuovo schifoso dio: schwab-pseudoscienza-neoliberismo dell’èlite miliardaria.

Covidioti pronti ad inaugurare, mettendo i loro corpi a disposizione del nuovo dio ( come stanno facendo con gli pseudo-vaccini), l’era del BIO-NANO, dell’applicazione nei loro stupidi corpi della biotecnologia e nanotecnologia (transumanesimo), con la perdita totale dell’umanità, cosa di cui, tra l’altro, i covidioti non sanno che farsene.

Transumanesimo: sia adorato e ringraziato ogni momento il santissimo e divinissimo “nuovo sacramento”.

Ed ogni “buona religione” ha il suo “teologo” di base. Il “teologo” di questa “nuova religione transumanista-grande resettiana-quarta rivoluzione industriale” si chiama yuval noah harari, un orrendo individuo, storico e saggista israeliano. Tu, voi, non lo conoscete, casomai. Ma lui conosce te, voi, noi. E sa molto bene dove deve arrivare questa “nuova religione transumanista-grande resettiana-quarta rivoluzione industriale“). Per questo è l’ideologo di riferimento dell’essere schwab e del WEF.

Capito? E capirete meglio dopo aver visto ed ascoltato il video che apre questo articolo e letto ( spero con attenzione) le “pillole teologiche” di harari che l’ottimo articolo di Kyrie e Broudy presenta.

Non ci credete? Non credete all’inferno, al diavolo, anche laicamente? Allora rileggete, rileggete : La strada verso l'inferno e rileggete e rileggete: Il Grande Reset. La Grande Risistemazione  (25). La Bestia. .

Non ci credete e pensate che tutte queste sono paranoie di “complottisti e negazionisti”, da buoni discepoli della dottrina televisiva-governativa?

Ne riparliamo fra qualche anno, pochi anni. Intanto godetevi il risciacquo a mare da buoni resilienti, mi raccomando. Che c’è chi “lavora” per voi, per noi…

 

C’è chi lavora per voi, per noi…. (GLR)



 

 

YUVAL NOAH HARARI, IDEOLOGO DI KLAUS SCHWAB (presidente del World Economic Forum) E DEL GRANDE RESET rivela quali sono le modalità in cui si dovrà realizzare la quarta rivoluzione industriale.


Vedi e ascolta ( e inorridisci se ne sei ancora capace) QUI

 

 

 

L’articolo che segue ha più di un centinaio di riferimenti a pubblicazioni e studi. Li trovate indicati nei corsivi tra parentesi durante tutto l’articolo e che rimandano ai “References” presenti nell’articolo originario in lingua inglese: QUI

 

 

I Cyborg siamo noi: il bio-nano panopticon dei corpi iniettati?

Astratto

Un’indagine e un’analisi critica delle letterature in biotecnologia, nanotecnologia e scienza dei materiali possono fornire importanti spunti sulle principali minacce che l’umanità deve affrontare in un mondo diviso in gran parte da comunità epistemiche altamente compartimentate.

La ricerca interdisciplinare sui problemi ben documentati posti agli esseri umani dalle piattaforme di mRNA iniettabili che affermano di affrontare le complicazioni mediche del COVID-19 rivelano nuove prove sorprendenti, se non profondamente preoccupanti, di apparenti frodi e inganni.

L’analisi qui presentata rafforza sia gli studi di laboratorio riportati su campioni di sangue da soggetti iniettati sia il lavoro sperimentale che esplora le potenziali ragioni dei fenomeni osservati relativi alle proprietà elettromagnetiche esibite nei corpi umani.


L’impulso per questo studio interdisciplinare sono state le attuali relazioni di una percentuale sostanziale di soggetti iniettati che emettevano segnali alfanumerici nella gamma di frequenza corrispondente alle reti di comunicazione Bluetooth.


La discussione di questi bizzarri fenomeni è inquadrata da un contesto storico più ampio della nanotecnologia come industria emergente e da recenti commenti provenienti da importanti personaggi pubblici sulla sorveglianza sotto la pelle e sulla scomparsa dei diritti civili e umani.

 

Introduzione

Il presente studio ci ha portato a concludere che qualsiasi analisi onesta e aperta dei vaccini – o qualsiasi piattaforma tecnologica che finge di essere un vaccino – deve includere anche la discussione critica di un’agenda ancora più ampia di lavoro difficilmente riconosciuta dai guardiani tradizionali che inquadrano e guidano una conversazione educata.


I “vaccini” (di seguito, “piattaforme”) sono al centro della costruzione di una rete globale di comunicazioni necessarie per la mercificazione di oggetti e corpi (Sinclair et al., 2019)


Il lavoro concettuale che ha guidato a lungo lo sviluppo del vaccino nel corso dei decenni ha chiaramente lasciato il posto a sistemi di somministrazione completamente nuovi di adiuvanti (Cao et al., 2020), sostanze che oggi vengono ricavate dalla ricerca in corso nel campo delle nanotecnologie, delle biotecnologie e della scienza dei materiali.

L’era bio-nano (Bushnell, 2001), quindi, è passata dalla teoria alla pratica, senza la sufficiente consapevolezza e il consenso di una popolazione globale largamente disinformata sulle forze bancarie e sulle grandi imprese (WEF, 2020, p. 10) che finanziarizzano ogni cosa — sintetica e naturale.

Questa svolta è, inoltre, del tutto ragionevole in un mondo dominato dall’errata convinzione che i concetti guida di velocità, sicurezza  ed efficienza siano — al di là di ogni cosa — più preziosi della vita stessa.

Per fondare la nostra attuale analisi del discorso e per rivelare i significanti inconfondibili dell’età bio-nano, iniziamo con un riferimento alquanto lungo a una scena chiave di un’opera d’arte cinematografica che, molto probabilmente, non apparirà mai nelle sale di oggi. Troviamo in questa scena un giornalista di una grande società di media, che è uscito dal copione e ha detto la verità al pubblico, e viene castigato dal presidente della società.


”Ti sei immischiato con le forze primordiali della natura, signor Beale, e non lo consentirò, è chiaro?! Pensi di aver semplicemente interrotto un affare, non è così! Gli arabi hanno prelevato miliardi di dollari da questo paese e ora devono restituirli. È flusso e riflusso, gravità della marea, è equilibrio ecologico! Sei un vecchio che pensa in termini di nazioni e popoli. Non ci sono nazioni! Non ci sono popoli! Non ci sono russi. Non ci sono arabi! Non ci sono terzi mondi! Non c’è Occidente! C’è solo un sistema olistico di sistemi, un dominio di Dollari vasto e immane, intrecciato, interagente, multivariato, multinazionale! È il sistema internazionale di valuta che determina la totalità della vita su questo pianeta! Questo è l’ordine naturale delle cose oggi! Questa è la struttura atomica, subatomica e galattica delle cose oggi! E ti sei immischiato con le forze primordiali della natura, e espierai! …”

(pausa)…

”Non viviamo più in un mondo di nazioni e ideologie, signor Beale. Il mondo è un collegio di corporazioni, inesorabilmente determinato dallo statuto immutabile degli affari. Il mondo è un affare, signor Beale! Da allora è stato tirato fuori dalla melma, e i nostri figli, Mr. Beale, vivranno abbastanza per vedere quel mondo perfetto in cui non ci sono guerra e carestia, oppressione e brutalità: una vasta ed ecumenica holding, per la quale tutti gli uomini vorranno lavorare per servire un profitto comune, in cui tutti gli uomini detengono una quota di azioni, tutte le necessità fornite, tutte le ansie calmate, tutta la noia trasformata in divertimento. E ho scelto tu per predicare questo vangelo, signor Beale.”


Cosa potrebbe insegnarci questo appassionato scambio tra un dirigente dei media aziendali e un plebeo non iniziato, sul mondo di oggi? In primo luogo, è difficile stimare il significato del capolavoro registico di Sidney Lumet del 1976 Network (Chayefsky, 1976) per le società contemporanee che lottano con il fervente evangelismo emanato dal World Economic Forum, che era ancora un semplice bambino quando il film è apparso per la prima volta nelle sale.

È probabile anche che sia solo un’interessante ironia che l’evangelista più articolato oggi per il mondo  come è descritto a Mr. Beale – sia nato proprio nello stesso anno del debutto di Network.

 

Yuval Noah Harari, salutato dal capo corrispondente per gli affari europei del New York Times come “lo storico del futuro più influente del mondo” (Harari, 2021a), disprezza il significato e lo scopo umani con lo stesso tipo di zelo che l’antagonista di Beale fa nel film.

Il film Network si legge oggi come un messaggio urgente per gli studiosi di comunicazione e propaganda, che possono essere le aree di ricerca più importanti, in questo momento, per decostruire i processi di mistificazione politica e medica in atto nel mondo. Il film è uno specchio del presente: una rappresentazione sia figurativa che letterale di comunicazioni in rete, reti di relazioni di potere e reti di corpi biologici iniettati integrati nel “sistema nervoso centrale globale” (Broudy & Arakaki, 2020).

 

Non è esagerato affermare che nessun’altra tirannia nella storia umana è stata più pesantemente sospesa come una spada di Damocle sull’umanità e la sua libertà e sovranità di quella che incombe sull’era presente, con le sue molteplici forme di inganno, oppressione e spossessamento altamente organizzati, “brillantemente camuffati” (Kyrie & Broudy, 2022) sotto la cinica copertura di interventi medici altruistici.


Questo articolo considera i messaggi e le tattiche attuali utilizzate da questo “business” globale il cui vero significato ci viene svelato, come al signor Beale nella sala del consiglio. Una rete globale di controllo della popolazione medicalizzata?


Se l’espropriazione totale dei diritti naturali e civili è il piano per l’umanità (Auken, 2020), un programma organizzato di propaganda di integrazione e agitazione deve lavorare incessantemente per gestire la percezione del simulacro medico mantenuta da OMS, CDC e FDA, e per preservare le simulazioni mediatiche di un mondo idealizzato oscurando la realtà empirica della scienza aziendale corrotta e delle campagne di censura.


Poiché il linguaggio e tutti gli altri “simboli discorsivi e di presentazione” (Langer, 1957) costituiscono il fondamento stesso su cui viene negoziato il significato, i simboli principali devono essere controllati e diretti da questi poteri totalizzanti. (Broudy & Kyrie, 2022)

L’appello di Marx affinché i lavoratori del mondo si uniscano per impadronirsi dei mezzi di produzione tradisce, sosteniamo, preoccupazioni ancora più fondamentali condivise dall’umanità: i diritti naturali delle persone di esercitare il loro libero arbitrio per riprodurre la vita stessa. In assenza di questo diritto elementare, gli esseri umani e il fine umano possono essere effettivamente minati dai proprietari dei mezzi di produzione.

Peter Phillips ha riconosciuto questo e ha ampliato il lavoro di C. Wright Mills in The Power Elite (1956) per sviluppare una critica cruciale del nuovo ordine di potere nell’era della globalizzazione di oggi. Phillips ha definito queste nuove élite come un’organizzazione transnazionale di “Giganti” (2018) che detengono effettivamente il potere sugli ordini politici, sociali ed economici in virtù del loro controllo sulle leve tecnologiche che legano e guidano il mondo e le sue risorse.

In Occidente, come osserva Oliver Boyd-Barrett, questi giganti possono essere collocati nelle attività del “MICIMATT” — il complesso militare-industriale-congressuale-intelligence-media-thinktank —  l’”insopportabile Incubus che determina la politica estera” (2022). (the “insufferable Incubus that determines foreign policy”)

In passato, questo livello di influenza appariva in gran parte sotto forma di controllo sui mezzi di produzione, ma oggi quell’influenza è avanzata a livelli di controllo senza precedenti sui mezzi di riproduzione. Per anni, abbiamo visto le narrazioni principali e gli imperativi rivendicati evolversi nei forum pubblici in cui i Giganti emettono minacce velate per frenare l’aumento della popolazione globale. Mentre Bill Gates è stato a lungo sospettato di utilizzare gli investimenti della sua fondazione in iniziative di ingegneria genetica e ricerca e sviluppo di vaccini per gestire (o controllare) la fertilità dei centri abitati, possiamo vedere oggi i leader del settore emettere affermazioni audaci sul significato e lo scopo stesso dell’umanità.

Tali sospetti si sono probabilmente formati a causa delle esplicite preoccupazioni di Gates per le popolazioni, la sua incessante ripetizione dei miti della sovrappopolazione e il suo ruolo autoproclamato di arbitro della riproduzione umana.


Al di là di Gates, più in generale, una formula per ricalibrare il valore dell’umanità è diventata sempre più evidente nelle mosse delle élite: ci esortano a fare buon uso di un accesso facile e aperto a potenti veicoli del discorso mainstream, intraprendere un programma di incubazione di propaganda disumanizzante che inculca un diffuso senso di disprezzo per se stessi e ipnotizza gli esseri umani facendoli servire come destinatari volontari di ogni tipo di aggiornamento tecnologico iniettato o altrimenti integrato nei loro stessi corpi.

 

Della Trasformazione Umana

Il mondo è in transizione — da trasformatori, transgender, transumanisti, trapianti e transnazionalismo a transatletica, comunità transitorie e trasmissione di malattie da parte di nuovi vettori bionano.

Yuval Noah Harari, ad esempio — lo storico che ispira sia il World Economic Forum che Mark Zuckerberg, Bill Gates, Barack Obama, Harvard, Stanford e molti altri — ha suggerito che gli esseri umani genuini saranno presto talmente privi di valore per i giganti transnazionali, che l’umanità dovrà essere radicalmente reingegnerizzata. (Miller, 2018).


Mentre l’audacia di una tale pretesa necessità può sembrare alla pari con il bizzarro mondo antiumano contemplato in “The Obsolete Man” di The Twilight Zone, l’affermazione di Harari non è fondata sulla finzione ma, piuttosto, su un ambiente sociale globale in cui “la logica è il nemico e la verità è una minaccia» (Serling, 1961).

 

Nel 2016, il famoso storico ha detto alla Royal Institution (2022) “il valore ultimo degli esseri umani sarà proprio quello di consumatori che non faranno nulla di utile, ma l’economia ha bisogno dei consumatori. Tuttavia, potresti avere consumatori che non sono umani, che non sono consapevoli” (Harari, 2016).


Da ciò, sospettiamo che le macchine che consumano elettricità e prodotti petroliferi non facciano parte del calcolo di Harari. Ha inoltre descritto uno scenario in cui le società commerciano tra loro, gestite da un algoritmo, spiegando che “commerciano e guadagnano miliardi di dollari e non c’è bisogno di esseri umani“.


Naturalmente, il presupposto che informa questo pensiero patologico è stato efficacemente decostruito da Wendy Brown: “… la razionalità neoliberista diffonde il modello del mercato in tutti i domini e le attività —anche dove il denaro non è in gioco — e configura esaustivamente gli esseri umani come attori del mercato , sempre, solo e ovunque come homo oeconomicus” (Brown, 2015).


Il risultato, secondo Harari, sarà quella che ha descritto come una classe di “persone inutili” che sono “senza senso — senza valore” (Harari, 2015a) , senza valore sotto un dominio di dollari e nessun diritto intrinseco, ai sensi dello statuto degli affari, di esistere.


E ha affermato nel 2015b: “Non abbiamo alcuna risposta nella Bibbia su cosa fare quando gli esseri umani non sono più utili all’economia. C’è bisogno di ideologie completamente nuove, religioni completamente nuove ed è probabile che emergano dalla Silicon Valley“.


I culti della Silicon Valley, inoltre, ordinati da Harari, promettono di elevare i padroni dell’universo tecnologico dallo status di Giganti transnazionali a quello di Dei: “Stiamo davvero trasformando gli umani in dei“, ha affermato (Harari, 2020a).


Si vanta che i Giganti del futuro… andranno anche oltre Dio. Anche se credi nella Bibbia, l’unica cosa che il Dio della Bibbia è riuscito a creare sono gli esseri organici … Ora vogliamo creare la vita inorganica … La divinità non è abbastanza lontana per descrivere ciò che stiamo cercando di fare .. Siamo molto migliori del Dio della Bibbia (Harari, 2017).


Il che pone la domanda: cosa faranno i nuovi dei “migliori”, della vita inorganica con noi esseri organici minori?Penso che, dato l’immenso potere delle tecnologie che stiamo sviluppando“, ha affermato Harari, “ci sono solo due scenari“: uno scenario è che la tecnologia distruggerà l’umanità. Penso che sia meno probabile, ma comunque possibile. Lo scenario più probabile è che cambierà l’umanità in modo profondo.  Che useremo l’IA e la bioingegneria per cambiare l’Homo Sapiens e per creare nuovi tipi di esseri che saranno molto più diversi da noi di quanto lo siamo noi dai Neanderthal o dagli scimpanzé… (Harari, 2020b).


Siamo probabilmente una delle ultime generazioni di Homo Sapiens (Harari, 2018a) … Se non fai parte della rivoluzione abbastanza velocemente, probabilmente ti estinguerai (Harari, 2015a).



Estinto? Alter Homo sapiens? Creare nuovi tipi di esseri? Che tipo di esseri? Forse l’impatto più importante delle nuove tecnologie è che cambieranno il significato stesso dell’umanità e cambieranno le regole di base del gioco della vita.


Per 4 miliardi di anni, un tempo lunghissimo, non è cambiato nulla di fondamentale nelle regole di base della vita. Tutta la vita, per questo immenso periodo, è stata soggetta alle leggi della selezione naturale e della biochimica organica… Ma nei prossimi decenni, questo sta per cambiare. La scienza sta per sostituire la selezione naturale con un design intelligente … Non il design intelligente di qualche Dio sopra le nuvole, ma il nostro design intelligente e il design intelligente dei nostri cloud. (Harari, 2018b).


La frase “design intelligente“, ha osservato, “porta immediatamente alla mente di molte persone l’idea creazionista che tutte le forme di vita sono progettate da Dio, e talvolta le persone mi dicono “non usare il termine design intelligente”. Ma è un design intelligente quello che stiamo per vedere nel mondo, semplicemente non è il design intelligente del Dio della Bibbia” (Harari, 2018c).


Che sia intelligente o sciocco cercare di sovrascrivere la storia umana affidando ai magnati della tecnologia il compito di riprogettare la vita biologica, le relazioni sociali e la civiltà umana per il bene dell’economia è una questione filosofica troppo lontana per far riflettere Harari. Così come la domanda se dovrebbe essere l’economia piuttosto che l’umanità a cambiare quando The Economy™ non è più al servizio degli esseri umani.

Invece, mentre il design tecnologico è attivamente commercializzato come “intelligente” smart- con l’avvento dell’”intelligenza artificiale“, delle città “intelligenti“, delle auto “intelligenti”, delle bombe “intelligenti” e dei telefoni “intelligenti“, la saggezza dei design innaturali della Silicon Valley sull’umanità è presa come un articolo di fede.


È il dogma del culto della tecnocrazia come delineato da Harari. Dopotutto, come si potrebbe discutere con l’uomo che ha effettivamente scritto il libro sull’Homo sapiens? Ma che tipo di design “intelligente” ha in mente il dottor Harari? Ora, già oggi abbiamo la capacità tecnica per iniziare a ridisegnare l’umanità. .. il modo inorganico, di collegare gli esseri umani ai computer, i cervelli ai computer o anche creare entità completamente non organiche, l’intelligenza artificiale, forse anche la coscienza artificiale, che è anche un cambiamento più radicale. Si può dire che l’ingegneria genetica sta giocando con gli stessi frammenti con cui l’evoluzione ha giocato per miliardi di anni. Questo è qualcosa di completamente nuovo: creare entità davvero inorganiche (Harari, 2022).


Nuove entità inorganiche? Ora, già oggi? Ora gli umani stanno sviluppando poteri ancora più grandi coma mai sia successo prima.  Stiamo davvero acquisendo poteri divini di creazione e distruzione. Stiamo davvero trasformando gli esseri umani in divinità. Stiamo acquisendo, ad esempio, il potere di riprogettare la vita (Harari, 2020a).


Quel potere simile a Dio, ritiene Harari, non risiede nella moralità né nella comprensione della verità empirica, ma nella scienza. “La scienza non riguarda realmente la verità”, ha detto, “riguarda il potere. Il vero scopo della scienza come progetto — come istituzione — non è la verità, è il potere” ( ).


Con il potere dell’establishment scientifico a sua disposizione, Harari prevede un futuro in cui gli dei della Silicon Valley relegheranno le qualità umane di oggi – un’anima, un’identità e un libero arbitrio – al mucchio di scarti delle pittoresche ma oscure anomalie umane di ieri. Il processo fa parte di un programma altamente organizzato di obsolescenza pianificata a grandi linee che trasforma gli uomini da forme di vita a base di carbonio organico, a cyborg sintetici di proprietà in parte o nella totalità dei Giganti tecnocratici.


Il prodotto questa volta non saranno tessuti o macchine o veicoli e nemmeno armi. Il prodotto questa volta saranno gli esseri umani stessi. Fondamentalmente stiamo imparando a produrre corpi e menti (Harari, 2015a).


Nella visione di Harari di una techtopia governata dagli Dei della Silicon Valley, quei prodotti umani penseranno e agiranno non per se stessi, ma secondo i codici dei loro produttori. Per decisioni cruciali  nella vita delle persone — cosa studiare, dove lavorare, chi sposare, per chi votare — esiste un algoritmo là fuori che può dirti cosa fare, meglio di quello che puoi dire a te…


E la gente pensa che non potrà mai accadere. “Gli esseri umani sono troppo complicati. Abbiamo anime. Abbiamo gli spiriti. Nessun algoritmo potrà mai capire queste cose misteriose come l’anima umana o il libero arbitrio”. Ma penso che questa sia la mitologia del 18° secolo… Ora o molto presto avremo la tecnologia per farlo (Harari, 2018d).


Se hai un buon sistema di comunicazione bidirezionale direttamente tra cervelli e computer, significa anche che puoi collegare più cervelli insieme, per creare un interbrain net … E nessuno ha idea di cosa significhi questo per cose come l’identità. Chi sono io, quando posso accedere direttamente al cervello di un’altra persona? (Harari, 2018c)


Chi siamo davvero? E chi siamo noi, come nodi di una rete globale inter-cervello, per aspettarci gli stessi diritti di cui godevamo come esseri naturali dotati di personalità? Dignità, autonomia, rappresentanza, privacy Per la prima volta nella storia, è possibile eliminare completamente la privacy“, ha detto Harari all’Athens Democracy Forum, che collabora con il New York Times, Microsoft, Facebook e Amazon. “Non era mai stato possibile prima, e lo è ora. Qualcosa di fondamentale è cambiato. Voglio dire, i dittatori hanno sempre sognato di eliminare completamente la privacy: monitorare tutti in ogni momento e sapere… non solo tutto ciò che fai, ma tutto ciò che pensi e tutto ciò che senti… Non avrebbero mai potuto farlo perché era tecnicamente impossibile. Ora è possibile” (Harari, 2021a).

Ora ci viene detto categoricamente che è tecnologicamente possibile cancellare la privacy? Come mai? Perché una tale rottura dell’autonomia corporea è promossa con tale zelo?


Analisi della linea temporale delle possibilità

Il 14 aprile 2020, solo 13 giorni dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva dichiarato il COVID-19 una pandemia, Harari ha spiegato che, con la risposta globale al COVID-19, stavamo assistendo a “un cambiamento nella natura della sorveglianza. In precedenza la sorveglianza era principalmente sopra la pelle. Ora sta andando sotto la pelle. I governi vogliono sapere non solo dove andiamo o chi incontriamo, ma soprattutto vogliono sapere cosa sta succedendo sotto la nostra pelle” (Harari, 2020c).


Questo stato questo il momento”, ha poi aggiunto durante una tavola rotonda con il presidente di Microsoft, “in cui tutto è stato monitorato. Il momento in cui abbiamo accettato di essere sorvegliati, tutto il tempo” (Harari, 2020d). “This was the moment when everything became monitored. [It was the moment] that we agreed to be surveilled, all the time” (Harari, 2020d).


E’ stato? Noi abbiamo accettato? Harari ha detto a The Late Late Showearly in The Pandemic™, il 16 aprile 2020: ”Quello che sta succedendo ora, è davvero uno spartiacque nella storia della sorveglianza. Innanzitutto, vediamo l’entrata e l’adozione di sistemi di sorveglianza di massa nei paesi democratici, che in precedenza si erano opposti ad essi. In secondo luogo, vediamo che la natura della sorveglianza cambia da sorveglianza sopra la pelle a sorveglianza sotto la pelle.” (Harari, 2020e). Con “sorveglianza sotto la pelle” Harari ha spiegato a BBC Hard Talk nel maggio 2020, che  non intendeva semplicemente misurazioni mediche come temperatura o frequenza del battito cardiaco.


La sorveglianza sotto la pelle, ha sottolineato, consentirebbe a governi e aziende di monitorare non solo ciò che facciamo, ma ciò che pensiamo e sentiamo mentre lo stiamo facendo, al punto da arrivare a ”conoscerci meglio di quanto io conosca me stesso(Harari , 2020f).


Una volta che hai la sorveglianza sotto la pelle puoi saperlo”, ha detto, “perché le emozioni e i sentimenti sono fenomeni biologici, proprio come la febbre“. Harari ha aggiunto di ritenere probabile che “le persone potrebbero guardare indietro tra 100 anni e identificare l’epidemia di coronavirus come il momento in cui è subentrato un nuovo regime di sorveglianza, in particolare la sorveglianza sottocutanea. Questo penso sia forse lo sviluppo più importante del 21° secolo” (Harari, 2020f).


Harari è una sorta di profeta biblico? Di cosa diavolo stava parlando? Ad aprile e maggio del 2020 i cittadini erano ancora “al riparo a casa, sul posto” per “appiattire la curva” e risparmiare inutili oneri al sistema ospedaliero. O almeno così pensavano.

Tuttavia, lo “spartiacque” nella sorveglianza e nella raccolta di dati è stato inaugurato sotto la copertura di un’emergenza COVID-19, Harari lo ha affermato in numerose occasioni, e da allora ha reso gli esseri umani “animali hackerabili. Tutto ciò rende a suo avviso ridondanti e anacronistiche considerazioni come anima, spirito e libero arbitrio umani.


I governi e le corporazioni per la prima volta nella storia hanno il potere di hackerare fondamentalmente gli esseri umani … Gli esseri umani ora sono animali hackerabili”, ha osservato (Harari, 2021b). L’intera idea che gli umani hanno, sai, quest’anima o spirito e hanno il libero arbitrio … è finita (Harari, 2021b).

All’osservatore casuale può sembrare sconcertante che uno studioso del rango di Harari esprima affermazioni così bizzarre sugli esseri umani – una categoria di forme di vita biologiche senzienti a cui sembra appartenere ancora . Le sue descrizioni ci ricordano il Cancelliere dello Statein nell’episodio dell’Uomo Obsoleto, che aveva condannato a morte senza pietà il bibliotecario, ma che alla fine fu giudicato anche lui un “fantasma d’altri tempi” condannato alla liquidazione.


Questo avvertimento totalitario ci porta all’ultima minaccia esistenziale dell’ordine tecnocratico di oggi. Mentre la propaganda di integrazione ha mantenuto le popolazioni strettamente concentrate sulle minacce mediche e sulle risposte strettamente mediche al COVID-19, le indagini nel regno della nanotecnologia hanno fatto luce sui possibili significati dietro alcune delle dichiarazioni più sconcertanti di Harari.


L’affermazione particolarmente audace che il COVID-19 abbia inaugurato una sorveglianza sotto la pelle, in modo tale che la privacy e il libero arbitrio siano “finiti”, rappresentando “lo sviluppo più importante del 21° secolo”, può forse essere comprensibile nei termini di quello che è stata descritta come un rete intracorporea, che dovrebbe essere fornita nei vaccini COVID-19.


Certo, la possibilità che i giganti tecnocratici possano armare la scienza per iniettare nell’umanità piattaforme transumanistiche clandestine sembra troppo oltraggiosa da contemplare. Una realtà strappata così audacemente dagli annali della fantascienza rientra più comodamente nel regno della “teoria del complotto” che in quello di qualsiasi seria ipotesi scientifica.

Eppure resta il fatto che “lo storico del futuro più influente del mondo” gode di un potente palcoscenico dal quale lanciare assicurazioni ai giganti tecnocratici del mondo che la conquista della biologia umana e la trasformazione degli esseri umani in prodotti senz’anima sono a buon punto : il cervello umano ora appartiene alla Silicon Valley, il corpo alla scienza; L’Homo Sapiens è quasi estinto e il COVID-19 è il “momento spartiacque” quando la sorveglianza statale ha violato i confini dell’epidermide per coinvolgere la vita neurologica della mente.


La vita è imitare la finzione su un palcoscenico mondiale. Le fantasie megalomani sono ora materia della realtà empirica e della politica. La scienza è potere. Il potere è scienza.. Il malato è sano. Sano è malato. Sicuro è pericoloso. Separati è insieme. La prigionia è libertà. Il 1984 era finzione. Il 2022 è reale.


Nuovi modi per ottenere una connettività “sociale”.

Non appena gli interventi per il COVID-19 sono andati sotto la pelle, le indicazioni della sorveglianza a cui aveva fatto riferimento Harari hanno iniziato a comparire nel discorso pubblico. A seguito di osservazioni aneddotiche di segnali Bluetooth emanati da quelli iniettati contro il COVID-19, nel novembre 2021 una coorte di ricerca internazionale ha studiato questi fenomeni in condizioni controllate (Sarlangue et al., 2021).

Il loro studio ha fornito la scoperta piuttosto sorprendente che una percentuale sostanziale di individui vaccinati emette segnali alfanumerici nella gamma di frequenza corrispondente ai segnali Bluetooth.


I segnali alfanumerici non erano in accordo con quelli di noti produttori, “non erano costanti nel tempo e la loro comparsa [era] breve”. Gli investigatori hanno riportato “una netta preminenza dei segnali emessi in un ambiente ambiente [esposto elettromagneticamente] rispetto ai segnali emessi in un ambiente senza attività elettromagnetica”. In altre parole, i destinatari del “vaccino” COVID sembravano mostrare segni della tecnologia Bluetooth all’interno dei loro corpi, che interagiva con le radiazioni elettromagnetiche.

Sorveglianza sotto la pelle? Dato lo sfondo della storica frode dell’industria farmaceutica (Anonymous, 2020; Llamas, 2022), la testimonianza degli informatori della produzione di “vaccini” COVID (Thacker, 2021), l’esistenza dell’immunità dell’industria dei vaccini dalla responsabilità per danni (Knightly , 2021), operazioni globali dedicate alla gestione del marchio Vaccine™ (Facher, 2021; Rosen, 2022; Banca Mondiale, 2022), conflitti di interesse in tutta la politica COVID (Beeley, 2020; Frei, 2021; Matters, 2021), acquisizione normativa (Kennedy, 2021 ) e l’inequivocabile agenda della Quarta rivoluzione industriale/transumanista dei più potenti attori militari-industriali, politici e finanziari del mondo (Broudy & Kyrie, 2021; Kyrie & Broudy, 2022; Matters, 2021), una domanda del genere sembra ragionevole, se non imperativa, da porre.


In effetti, il sistema legale sembra mostrare segni di prendere sul serio tali questioni, con un tribunale per il contenzioso amministrativo in Uruguay che ha emesso un ordine del tribunale affinché il governo uruguaiano e Pfizer forniscano “documentazione sulla composizione dei vaccini, inclusa l’eventuale presenza di ‘ossido di grafene ‘ o ‘elementi nanotecnologici’” (AFP, 2022).

Nel frattempo, le lacune sottostanti nelle conoscenze tamponate dall’establishment scientifico in difesa dei giganti transnazionali comprendono: cosa è stato iniettato sotto la pelle nel nome del COVID-19? Cosa c’è nei “vaccini” COVID-19 e cosa differisce in base al lotto o al produttore? E quali sono le implicazioni per la salute umana, le società umane e l’umanità stessa?

Con ricercatori e professionisti di tutto il mondo che riferiscono nano-contenuti non dichiarati e all’apparenza bizzarri  (bio)meccanici nelle iniezioni di COVID-19 (Anonymous, 2022a; Anonymous 2022b; Botha, 2021; Campra, 2021a, 2021b, 2021c, 2022; Delgado, 2022; Ghitalla, 2021a; La Quinta Columna, 2022; Lee et al., 2022; Monteverde et al., 2022; Shelton & Gray, 2021; Young, 2021) , accompagnati da prove di strutture inorganiche non identificate nel sangue di individui iniettati (Anonymous, 2022b; Botha, 2021; Ghitalla, 2021b; Koroknay, 2021; van Welbergen, 2021; Yanowitz, 2022; Young, 2021), combinati con segnalazioni di apparenti Connettività Bluetooth nei vaccinati (Sarlangue et al., 2021), è stato proposto un insieme di possibilità ancorate nelle letterature scientifiche rilevanti.

In una presentazione video ampiamente citata intitolata “The MAC Phenomenon“, l’investigatore Mik Anderson spiega che le sequenze alfanumeriche documentate nei destinatari del vaccino indicano quelli che sono noti come Media Access Control o indirizzi MAC (Anderson, 2022).


La presenza di indirizzi MAC anonimi, transitori e sensibili ai campi elettromagnetici nelle persone vaccinate, postula Anderson (2022), indica l’esistenza di una “rete intracorporea” progettata per utilizzare le frequenze Bluetooth a bassa energia (BLE) per inviare e ricevere segnali tra il corpo della persona e il mondo esterno. Il probabile hardware sottostante, suggerisce, è una micro o nano-interfaccia, descritta nella letteratura scientifica come tecnologia che consente la “comunicazione di nanomacchine all’interno della pelle umana”, utilizzando “nano-reti” in grado di facilitare ” comunicazione wireless body-centric (Abbasi et al., 2016).


L’obiettivo di tale tecnologia, secondo le principali letterature accademiche, è quello di espandere l’Internet of Things (IoT) a un Internet of Bodies (IoB) tramite un “Internet of Nano-Things (Akhtar & Purwej, 2020; Gulek, 2022).

Le Nanothing sono al centro di quella che è stata definita la vera “seconda rivoluzione industriale” (Khan, 2014), e ruotano attorno a materiali o fenomeni che esistono su scala nanometrica (miliardesimo di metro), generando nanotecnologie i cui dispositivi sono costituiti da singoli atomi o molecole, con proprietà e comportamenti nuovi come il superparamagnetismo (Bao & Gupta, 2011; Chen et al., 2017; Zapotoczny & Kapusta, 2019) che sono unici nella loro scala nanometrica (per le recensioni vedere Akhtar & Perwej, 2020,Arvidsson & Hansen, 2020 e Bayda et al., 2019).



Evidenza empirica di bio-nano-connessioni

Sebbene non sia ancora entrato nella valuta comune, il termine “Internet of NanoThings” (IoNT) (Akyildiz & Jornet, 2010) è stato coniato nel 2010 per definire il processo di sviluppo tecnico in corso nella “comunicazione tra nanomacchine” (Suda et al., 2005 ) e “nanoelettromagnetica” (Rutherglen & Burke, 2008). Fin dall’inizio di questa ricerca, ci si aspettava che un’applicazione principale dell’IoNT non fossero solo reti di gadget interconnessi ma “intrabodynanonetworks” (Akyildiz & Jornet, 2010).

Tecnologicamente parlando, i corpi umani sono ambienti promettenti in cui sviluppare nanonetwork, in quanto le nanomacchine da sole “rappresentano piccoli dispositivi o componenti in grado di eseguire solo compiti molto semplici di calcolo, rilevamento o attuazione” (Suda et al., 2005).
Tuttavia, “se più nanomacchine comunicano, possono cooperare ed eseguire compiti complessi come l’informatica su nanoscala” secondo gli informatici dell’Università della California Irvine, Suda et al., nel 2005 in una conferenza annuale sul calcolo genetico ed evolutivo.

Se tale comunicazione dovesse avvenire “ad esempio, utilizzando molecole segnale (ad es. ioni, proteine, DNA) in un ambiente acquoso [come il corpo umano], [le nanomacchine] potrebbero eseguire funzionalità di calcolo più complesse”, ha spiegato il gruppo. “Con il progresso della ricerca attuale nella biologia sintetica e nelle bio-nanotecnologie, nel prossimo futuro potrebbe diventare relativamente facile adattare i componenti esistenti dei sistemi biologici (ad es. recettori, reazioni su nanoscala, molecole di comunicazione) per progettare un quadro per comunicazione molecolare tra nanomacchine”, hanno riferito.

In altre parole, l’industria e il mondo accademico erano già pronti nel 2005 a trasformare le entità biologiche viventi, come gli esseri umani, in reti di computer wireless ambulanti.


Un relatore principale alla conferenza, un ingegnere biologico del MIT, ha contestualizzato tali sviluppi osservando, proprio come Harari, che “la biologia sta attraversando una transizione fondamentale: dai sistemi preesistenti, naturali e in evoluzione, a quelli sintetici, ingegnerizzati e sistemi usa e getta. Qui, discuterò … alcune delle opportunità e delle insidie sociali, politiche e di rischio che vale la pena considerare quando iniziamo a progettare sistematicamente il mondo vivente(Endy, 2005).

In quel mondo vivente nel 2022, l’IoB e l’IoNT dovrebbero ora servire fini “biomedici, ambientali, industriali e militari”, oltre ad avere applicazioni in “altri campi come l’elettronica di consumo, stile di vita ed elettrodomestici” (Abbasi et al., 2016) nell’ambito delle infrastrutture per le ‘smart’ cities. (Khan et al., 2020).


La ricerca e lo sviluppo di base sono così onnipresenti che le nanomacchine sottocutanee sono essenzialmente considerate un dato di fatto tra gli ingegneri elettrici e i membri senior dell’IEEE, la più grande associazione professionale del mondo che rappresenta il campo della tecnologia, un’organizzazione che produce quasi un terzo della letteratura tecnica mondiale in scienze elettriche e informatiche.


Tali ipotesi e rivelazioni pervasive del settore sulle rivoluzionarie tecnologie di nanocomunicazione sono in sintonia con le dichiarazioni di Harari secondo cui i prodotti del futuro saranno gli esseri umani.

In modo rilevante per la credibilità delle proposte parallele di Anderson (2022) relative a un fenomeno MAC fornito nei “vaccini” COVID-19, la tecnologia come le nanoreti si è sviluppata a tassi “tripli esponenziali” negli ultimi decenni, ha detto il capo scienziato della NASA Langley, Dennis Bushnell , ai suoi partner per la sicurezza nazionale nel 2001 (Bushnell, 2001).


Gli sviluppi nanotecnologici tra cui nanotag, “borg” e interfacce cervello-macchina erano a buon punto già nel 2001, “nessuna polvere di fata”, ha informato i suoi colleghi nel mondo dell’intelligence militare e delle scienze ambientali (Bushnell, 2001, 2011).

Durante la presentazione di Bushnell del 2001, in cui ha preso in considerazione i frutti delle collaborazioni della NASA con la DARPA, la CIA, il DoD e oltre 30 altre agenzie, Bushnell ha dato alla comunità dell’intelligence quello che ha definito un “avviso” che una nuova era sarebbe iniziata nel 2020, inaugurando un panorama tecnologico e sociale radicalmente riconfigurato, che ha soprannominato l’era bio-nano.

L’era Bio-Nano, ha detto Bushnell, era destinata a sussistere sulla “disgregazione sociale” e a coinvolgere il “nano ‘tagging” furtivo” di “tutto/tutti” con “interrogatori a microonde”  “microwave interrogation”   per “scopi di stato e identificazione.

In altre parole, avrebbe visto l’introduzione della sorveglianza segreta sotto la pelle. Bushnell (2001) prevedeva anche un futuro Bio-Nano di virus armati e “seri ‘Psywar‘”. Sebbene la realtà empirica sembri imitare la finzione dal 2020, in altre parole, si avvicina anche molto alle intenzioni dichiarate dell’agenzia di sicurezza nazionale incaricata di “creare il futuro” (O’Keefe, 2002), vale a dire, la NASA.


Vantando più dell’esplorazione spaziale nel suo nome, l’amministratore della NASA Sean O’Keefet ha dichiarato alla Maxwell Schoolof Citizenship and Public Affairs nel 2002, che “dai dispositivi medici ai pneumatici migliori, molti dei prodotti che utilizziamo e sperimentiamo ogni giorno hanno le loro origini nella tecnologia della NASA“. Abbastanza sicuramente, entro il 2021 Internet di NanoThings ha iniziato a cedere il passo a Internet di BioNanoThings come prefigurato dalla NASA, secondo un documento pubblicato sul sito web della Cornell University.


Internet di BioNanoThings, spiegano gli autori, aprirà “una rete eterogenea di dispositivi biologici e su nanoscala… che comunicano con mezzi non convenzionali… in ambienti non convenzionali, ad esempio all’interno del corpo umano”. Il risultato sarà una “stretta interazione tra bio e cyber-domini”, hanno affermato, consentendo il “monitoraggio continuo della salute intracorporea” (Kuscu & Unluturk, 2021)


Basandosi sui protocolli esistenti per le (bio)nanoreti e il monitoraggio intracorporeo (Akyildiz & Journet, 2010; Balghusoon & Mahfoudh, 2020; Cruz Alvorado & Bazán, 2019), Anderson (2022) propone che tutte le reti intracorporee iniettabili che potrebbero essere state dispiegate di nascosto sotto l’EUA COVID-19 (COVID-19 Vaccine Emergency Use Authorization), probabilmente utilizzano dispositivi personali, inclusi telefoni cellulari o tecnologie indossabili, come gateway per trasmettere pacchetti di dati tra il corpo di una persona e Internet. Tale disposizione sarebbe in accordo con l’architettura per l’integrazione di reti intracorporee con “reti fuori corpo” come descritto nella letteratura IoNT (ad es. vedi Balasubramaniam & Kangasharju, 2013; Balghousoon & Mahfoudh, 2020; Cruz Alvorado & Bazán, 2019).

I candidati per i componenti iniettabili di tale rete, afferma Anderson (2022) sulla base dell’architettura IoNT dei componenti (Akyildiz & Journet, 2010;Balghusoon& Mahfoudh, 2020;Cruz Alvarado & Bazán, 2019;Lee et al.,2015), includono:

- nanodispositivi, chiamati anche nanonodi (Cruz Alvarado & Bazán, 2019),
- un’ampia categoria che comprende tecnologie come i nanosensori (Balasubramaniam & Kangasharju, 2013; Khan et al., 2020; Lee et., 2015), che possono circolare nei vasi sanguigni  e raccogliere energia dal flusso sanguigno o dal battito cardiaco (Balghousoon & Mahfoudh, 2020) e/o attraversare la barriera ematoencefalica per leggere e trasmettere potenzialmente attività neurale (Taylor, 2021),
- nanoradio iniettabili e “a cellula singola”, nanofili (Dambri et al., 2020), nanoantenne (Akyildiz & Journet, 2010; Lee et al., 2015), nanorobot magnoelettrici (Betal et al., 2018) e neurali
nanorobot, che comprendono endoneurobot, gliabot e synaptobot in grado di interfacciarsi con singoli neuroni e sinapsi per creare una “interfaccia cervello umano/cloud” (Martins et al., 2019),   tra le altre nanotecnologie;
- nanorouter, che “fanno da aggregatori di informazioni provenienti dai nanonodi ” secondo la letteratura IoNT (Cruz Alvarado & Bazán, 2019). Vedere Balghousoon e Mahfoudh (2020) per una revisione di oltre 20 protocolli di nanorouting, anche per applicazioni intracorporee; e C. nanointerface o gateway, definiti da Balghusoon e Mahfoudh (2020) come un “dispositivo ibrido complesso che integra il mondo nano con il mondo esterno”.
- Esempi di nanoreti molecolari e  verso un microgateway. Da S. Balasubramaniam e J. Kangasbarju (2013).

Balasubramaniam e Kangasharju(2013), ad esempio, descrivono i seguenti nanocomponenti di un’architettura di nanonetwork wireless intrabody in grado di connettersi al mondo esterno, utilizzando sia la comunicazione molecolare che quella elettromagnetica: nanosensori, microgateway impiantabili, microgateway esterni , nanofili per la raccolta di energia e telefoni cellulari.

Ispirato dalla promessa di “nanomateriali, come il grafene“, Akyildiz et al. (2015) dettagliano il cambio di paradigma IoBNT nelle comunicazioni e nell’informatica in rete “nascondibili e non intrusive” che hanno consentito lo sviluppo di “tecniche per lo scambio di informazioni, l’interazione e il networking all’interno del dominio biochimico, consentendo al contempo un’interfaccia per il dominio elettrico di Internet”.   ( leggi e rileggi questo articolo: Pericolo vaccino (1): transumanesimo e potere. GLR)

………


In poche parole, ciò che non è in discussione è la tecnologia, i protocolli, le intenzioni del settore e i piani del governo per connettere i corpi umani a Internet e distribuire nanorobot all’interno del corpo, utilizzando una combinazione di nanotecnologia e tecnologia “intelligente”. È palesemente ovvio che lo fanno.


Le uniche domande aperte sono se quel progetto sia, al momento, in corso di nascosto, se sì come, e se questo è ciò che intendeva Harari quando ha affermato che le generazioni future guarderanno indietro “all’epidemia di coronavirus come al momento in cui un nuovo regime di sorveglianza ha preso il sopravvento, in particolare la sorveglianza sotto la pelle (Harari, 2020c).


L’affermazione di Harari dovrebbe riferirsi all’iniezione di massa di componenti intracorporei per un Bio-Nano Internet of Things — un’ipotesi ragionevole basata sulle letterature IoBNT — definirlo “lo sviluppo più importante del 21° secolo” avrebbe senso. (Harari, 2020c)

Indipendentemente da ciò, se vogliamo navigare nell’imminente Internet dei corpi e Internet delle cose bio-nano con la nostra etica e moralità, i nostri corpi e menti, le nostre società e l’umanità intatte, è necessario porre domande di ricerca come le seguenti e rispondere in base alle norme di una scienza che persegue la verità: Pablo Campra ha avuto ragione nel concludere di aver trovato nanorouter nei vaccini COVID-19? Questa scoperta può essere replicata in modo affidabile da altri laboratori? Che dire di altri rapporti di risultati simili tra le nazioni (Anonymous, 2022a; Anonymous 2022b; Botha, 2021; Campra, 2021a, 2021b, 2021c, 2022; Delgado, 2022; Ghitalla, 2021a; La Quinta Columna, 2022; Lee et al., 2022; Monteverde et al., 2022; Shelton & Gray, 2021; Young, 2021), come gli investigatori australiani che hanno documentato le strutture in movimento nelle fiale del vaccino COVID, che sembravano accendersi quando i telefoni cellulari nelle vicinanze venivano accesi e si attenuavano di nuovo quando i cellulari erano spenti (Zeee, 2022)?

Se gli esseri umani non sono altro che soggetti e potenziali prodotti in un vasto esperimento di comunicazioni in rete per un mercato globale, è certamente ragionevole che il Vangelo del Capitale Globale ci ricordi ogni giorno di ricaricare le batterie dei nostri nuovi sistemi operativi sintetici.


Per quanto radicale debba essere la riconfigurazione della nostra comprensione di ciò che è possibile, siamo costretti o a compiere quel salto psicologico e concettuale, in linea con la velocità “tripla esponenziale” (Bushnell, 2001) del cambiamento tecnologico, o lasciare che coloro che si autoproclamano gli Dei della Silicon Valley, cerchino di rimodellarci nella loro immagine artificialmente “intelligente” e senz’anima.



Impassibili davanti all’annientamento dell’umanità?

Nessuno dei fatti che abbiamo presentato qui dovrebbe sorprendere i lettori. Gli avvertimenti di un ordine tecnocratico incombente, in cui il controllo sociale egemonico è ottenuto su tutto e tutti in ogni momento, sono stati esplicitamente articolati nel corso di decenni dai più alti livelli di influenza.

In particolare nel dopoguerra, il presidente Dwight D. Eisenhower ha parlato nei termini più chiari di una distopia tecnocratica che ha osservato nel contesto di un emergente “complesso industriale militare” (Broudy & Arakaki, 2020), che esercitava un’enorme influenza ingiustificata. “Dobbiamo anche avvertire”, ha ammonito, il pericolo che “la stessa politica pubblica possa diventare prigioniera di un’élite scientifica e tecnologica” (Eisenhower, 1961).


Aldous Huxley aveva avvertito il mondo quattro anni prima di Eisenhower in un’intervista con il giornalista Mike Wallace. La descrizione di Huxley di un’era futura predice un’epoca in cui le comunicazioni controllate dai giganti tecnocratici avrebbero cooptato la nostra capacità di ragionare e, come un cavallo di Troia, avrebbero aperto le nostre menti al consenso ad attacchi ai nostri diritti umani, rappresentanza e sovranità. Huxley inizia con la massima, elaborata da Walter Lippmann negli anni ’20, che i funzionari devono “fabbricare [il] consenso” delle persone che guidano, (1922)

“:… se vuoi preservare il tuo potere indefinitamente, devi ottenere il consenso dei governati, e questo lo faranno in parte con la droga, i farmaci, come avevo previsto in Brave New World, in parte con queste nuove tecniche di propaganda (1958).”


All’inizio del decennio, Bertrand Russell ha tenuto una conferenza sulla “Tecnica scientifica nell’oligarchia” e ha discusso un periodo futuro in cui un’élite tecnocratica avrebbe schierato nuovi strumenti e tecniche per acquisire un controllo più ampio sulle società. Un pubblico efficacemente propagandato è fondamentale per il consenso della società agli interventi tecnologici e farmacologici imposti ai cittadini: dieta, iniezioni e ingiunzioni si uniranno, sin dalla più tenera età, per produrre il tipo di carattere e il tipo di convinzioni che le autorità considerano desiderabili , e qualsiasi critica seria ai poteri esistenti diventerà psicologicamente impossibile. Anche se tutti sono infelici, tutti si crederanno felici, perché il governo dirà loro che lo sono (Russell, 1951, p. 50).

La propaganda che ha lavorato per normalizzare la convergenza degli esseri umani e delle innovazioni tecnologiche è durata per decenni. Forse la serie di rete più popolare che ha intrattenuto il pubblico e normalizzato le possibilità di convergenza uomo-macchina è stata Six Million Dollar Man degli anni ’70. Il messaggio implicito ed esplicito di un’agenda transumana globale da allora è continuato senza sosta e si è spostato dalla fantascienza ai fatti scientifici sostenuti da finanziamenti governativi per la nuova normalità tecnocratica.

Ricordiamo l’affermazione di Elon Musk del 2019 secondo cui gli esseri umani sono già cyborg (CNBC, 2019).


Conclusioni

Ciò che abbiamo sintetizzato in questa rassegna della letteratura scientifica, dei dati sperimentali e del discorso estende la nostra comprensione delle connessioni e delle scoperte delineate nella nostra analisi del magnetismo (Broudy & Kyrie, 2021) esibito nelle persone a cui sono state iniettate le piattaforme sperimentali.


Ci viene in mente l’ammissione di Harari secondo cui le attività scientifiche non riguardano principalmente l’acquisizione della verità empirica sul mondo, ma l’acquisizione del potere mondano. “Fidarsi della scienza significa fidarsi delle sue agende e dei suoi risultati stabiliti da persone affamate di potere.”

Se possiamo fare attenzione a riflettere su come il potere politico “deve coinvolgersi nel [processo di accumulazione del capitale] mistificando le sue politiche [e] chiamandole come qualcosa che non sono, o … cercando di nasconderle (O’Conner, 2002), nonché di come il pubblico debba essere tenuto in relativa ignoranza della ricerca scientifica armabile ( of weaponizable scientific research) (Miller, 2018), possiamo quindi iniziare a vedere le ragioni reali dietro le invasioni bio-nano dei corpi umani e le proclamazioni emanate dallo Scientific Establishment.

L’Era Bio-Nano esige la finanziarizzazione e la mercificazione di tutti gli agenti biologici. Tutto le leve del potere devono, quindi, operare per gestire l’inventario umano a tutti i livelli di controllo disponibili. Può sembrare, al momento, che gli esseri umani stiano perdendo la lotta contro le forze disumanizzanti dei giganti tecnologici transumanisti anti-umani.

Ma la grandiosa retorica di Yuval Harari può anche significare disperazione.

Il movimento transumanista globale antisociale, suggeriamo, è certo di annientare se stesso e i suoi aderenti. Il movimento stesso rivela come sia determinato a cadere nella fossa che ha scavato, in cui seppellire gli altri. Sembra essere completamente cieco alla propria riluttanza a rendere conto dell’intera portata della creatività umana, della versatilità, dell’adattabilità e della volontà collettiva di affrontare e superare le minacce.

Quando il potere si inebria così tanto da abbandonare il pensiero razionale, la moralità e l’empatia, intraprende una traiettoria autodistruttiva maligna.

Valerie Kyrie, dottorato in Psicologia Sperimentale, masters in Psicologia Clinica
Daniel Broudy,  professore di Linguistica Applicata, Okinawa Christian University, Giappone

12/8/2022




 

Vaccinazioni. Armi chimiche contro il cervello e l’evoluzione dell’uomo

di Marcello Pamio,   Uno Editori, 2018


Per comprendere pienamente la strategia vaccinale è fondamentale sapere come avviene la sperimentazione clinica dei farmaci in generale e dei farmaci pediatrici.

«Nel futuro si eliminerà l’anima per mezzo di farmaci. Come oggi si vaccinano le persone contro questa o quella malattia, così in futuro si vaccineranno i bambini con una sostanza che li renderà immuni dall’essere soggetti alla ‘follia’ della vita spirituale».

Ecco cosa disse durante una conferenza il 27 ottobre del 1917 lo scienziato e filosofo Rudolf Steiner sui vaccini.

Il libro inizia dalla definizione di «arma chimica» data dalle Nazioni Unite e passa poi alla nascita del CDC, il Center for Disease Control and Prevention l’ente governativo che interviene per primo in tutti i casi di epidemie, e che magicamente possiede più brevetti vaccinali al mondo… Per comprendere pienamente la strategia vaccinale è fondamentale sapere come avviene la sperimentazione clinica dei farmaci in generale e dei farmaci pediatrici.

Oggi pochi sanno che i bambini sono delle cavie inconsapevoli perché almeno il 70% dei farmaci pediatrici viene testato solo su adulti e non sui bambini. Per i vaccini è ancora peggio. Viene sottolineato che i farmaci (tra cui i vaccini) sono una delle prime cause di morte al mondo occidentale.

Cosa contengono i vaccini? Centinaia di sostanze chimiche, tra cui agenti patogeni virali o batterici, metalli tossici, antibiotici, frammenti di DNA di feti umani abortiti e DNA animale, oltre ad altre sostanze protette da brevetti e segreti industriali. Tutta questa chimica cosa può provocare nel corpo in formazione di neonati? Secondo gli esperti niente perché i vaccini sono considerati i farmaci più sicuri che esistano.

La realtà come sempre è assai lontana. Quindi i vaccini sono così voluti e imposti dal Sistema non tanto per sconfiggere le malattie infettive e proteggere i bambini dalle stesse, ma per bloccare e/o impedire l’evoluzione delle coscienze.


Un libro attualissimo che analizza i rischi di una pratica medica massificata e generalizzata dove non si tiene conto del singolo individuo, ma solo degli interessi che vi sono a monte. Interessi economici, ma non solo…  (IBS)

 

 


 

ANNO III DEL REGIME SANITARIO-DIGITALE

 

 

Ultimi articoli che vi raccomandiamo di leggere e rileggere:

Il Grande Reset. La Grande Risistemazione  (25). La Bestia.

La strada verso l'inferno

GLR-CONSIDERAZIONI 35. Teste a perdere.

GLR-NOTIZIE-FLASH  44 - 1/8/2022

GLR-NOTIZIE-VOTO  2 – 31/7/2022

Verso la dittatura digitale (10). Schiavi digitali.

Terza guerra mondiale e Grande Reset

GLR-CONSIDERAZIONI 34. Dalla deterrenza nucleare a quella biologica.

 

 

Il sito di La PekoraNera riporta un prezioso elenco continuamente aggiornato di notizie su malori e morte improvvise, assolutamente in continuo aumento. I giornali citati nell’elenco quasi mai creano una correlazione tra vaccinazione e malori o morti improvvise.

Ma sappiamo ( o dovremmo sapere) che siamo sotto un regime sanitario, quindi… Comunque a voi leggere, sapere  e riflettere.

LEGGERE QUI

 

Raccolta di sospetti eventi avversi da “vaccini anti Covid-19”, in ordine cronologico, provenienti dalla stampa italiana e internazionale. Inseriti così come pubblicati in origine, anche in lingua originale non tradotta. Lista aggiornata continuamente.

Vedi QUI

 

Tante notizie sui danni delle mascherine, dei tamponi e degli pseudo-vaccini QUI

 

 

Leggi “GLR-NOTIZIE” e “ GLR-NOTIZIE FLASH” precedenti QUI


 

INFORMAZIONI DI RESISTENZA

QUI

 

SENTI IL DOVERE DI DIFFONDERE QUESTE NOTIZIE





Calendario eventi
agosto 2022
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli