Articoli marcati con tag ‘Repubblica Romana’

 

Il 6 luglio 1849 muore a Roma per le conseguenze di una ferita ricevuta in combattimento GOFFREDO MAMELI (21 anni) studente, poeta, Patriota risorgimentale e difensore della Repubblica Romana del 1849.

 

Vedi:  Il figlio considerato come un martire: GOFFREDO MAMELI

 

Il 2 luglio 1857 muore a Sanza (Salerno) massacrato da una folla di contadini CARLO PISACANE (38 anni) militare, Patriota e rivoluzionario risorgimentale, difensore della Repubblica Romana del 1849.

 

Vedi:  Il Patriota che seppe morire da forte: CARLO PISACANE

 

 

 

 


 

Il 30 giugno 1849 muore presso “l’ambulanza” di Santa Maria della Scala a Roma a causa di ferite da combattimento LUCIANO MANARA (24 anni) militare, Patriota Risorgimentale e Difensore della Repubblica Romana del 1849.

 

Vedi:  Il soldato dall'esempio efficace: LUCIANO MANARA

 

 


“Tutti, tutti, dormono sulla collina” c’è scritto nell’ Antologia di Spoon River che il poeta americano Edgard Lee Masters (1868- 1950) scrisse tra il 1914 e il 1915.

Dormono tutti, lì sulla Collina del Gianicolo a Roma, quegli uomini e quelle donne che nel maggio-giugno del 1849 difesero la Repubblica Romana da nemici soverchianti, difendendo fino al sacrificio della vita anche l’idea di Repubblica:

“La Repubblica è principio d’amore, di maggiore incivilimento, di progresso fraterno con tutti e per tutti, di miglioramento morale, intellettuale, economico per l’universalità dei cittadini… vittoria…del principio del bene su quello del male, del diritto comune sull’arbitrio dei pochi, della santa eguaglianza che Dio decretava a tutte le anime sul privilegio e sul dispotismo”. Proclama del TRIUMVIRATO ( Mazzini, Armellini e Saffi), 5 aprile 1849. Leggi il resto di questo articolo »

 

 

Il 13 giugno 1849 muore a Roma uccisa mentre combatte a Porta San Pancrazio per la difesa della Repubblica Romana COLOMBA ANTONIETTI (23 anni) fornaia e Patriota Risorgimentale.

 

Vedi:  La donna che pugnò come uomo: COLOMBA ANTONIETTI.

Il 3 giugno 1849 a Roma l’esercito francese guidato dal generale Oudinot attacca proditoriamente la Repubblica Romana dando inizio all’estrema difesa della Repubblica che si protrarrà per tutto il mese di giugno e che si concluderà con la resa della Repubblica stessa.

 

Vedi:  3 giugno 1849: una domenica di sangue.

 


 

 

Il 10 aprile 1890 muore a Forlì dopo una breve malattia AURELIO SAFFI (70 anni) politico, scrittore, Patriota Risorgimentale e Triumviro della Repubblica Romana del 1849.

 

Vedi:  La passione di un repubblicano: AURELIO SAFFI

 

Il 10 marzo del 1872 muore a Pisa dopo una lunga malattia GIUSEPPE MAZZINI (67 anni) educatore, avvocato, giornalista, filosofo, scrittore, politico, animatore risorgimentale, Padre della Patria, Padre e Triumviro della Repubblica Romana del 1849.

 

Vedi:  Egli solo vegliava quando tutti dormivano: GIUSEPPE MAZZINI

 

 

Il 5 marzo 1849 entra a Roma passando per Porta del Popolo GIUSEPPE MAZZINI. Egli diverrà la grande guida spirituale e politica della giovane Repubblica Romana.

 

Vedi:  5 marzo 1849: Mazzini a Roma

 


 

Il 9 febbraio 1849  nasce

LA REPUBBLICA ROMANA.

 

La repubblica è anzitutto principio d’amore, di maggior incivilimento, di progresso fraterno con tutti e per tutti, di miglioramento morale, intellettuale, economico per l’universalità dei cittadini… è il principio del bene su quello del male, del diritto comune sull’arbitrio di pochi, della Santa Eguaglianza sul Privilegio e il Dispotismo.

GIUSEPPE MAZZINI

 

 

Vedi:  Il compleanno di una Repubblica

6-13 febbraio 2011. Una settimana repubblicana.

5 marzo 1849: Mazzini a Roma


 

 

Il 27 agosto del 1880 muore suicida a Catanzaro RAFFAELE PICCOLI (61 anni) patriota risorgimentale e rivoluzionario italiano. Difensore della Repubblica Romana del 1849.

 

 

vedi:  La generosità di una vita:  RAFFAELE PICCOLI

 

 

Il 10 agosto 1849 muore fucilato da militari austriaci a Porto Tolle (Rovigo)  ANGELO BRUNETTI (49 anni, detto Ciceruacchio) carrettiere, patriota italiano e difensore della Repubblica Romana del 1849.

 

 

 

L’8 agosto 1849 muore fucilato da militari austriaci a Bologna UGO BASSI (48 anni) presbitero, patriota italiano e difensore della Repubblica Romana del 1849.

 

 

Il 4 agosto 1849 muore a Mandriole di Ravenna (Ravenna) per sfinimento fisico ANITA GARIBALDI (Ana Maria de Jesus Ribeiro da Silva il suo nome originale, 28 anni) rivoluzionaria brasiliana, patriota italiana e difenditrice della Repubblica Romana del 1849.

Il 6 luglio 1849 muore a Roma per le conseguenze di una ferita ricevuta in combattimento GOFFREDO MAMELI (21 anni) studente, Patriota risorgimentale, poeta e difensore della Repubblica Romana del 1849.

Mameli morì dopo una straziante degenza presso l’”ambulanza” ( ospedale) sita nei locali della chiesa di Santa Trinità dei Pellegrini ( su via dei Pettinari) dove era stato ricoverato per una ferita alla gamba causata nei duri combattimenti presso il Casino dei Quattro Venti ( oggi villa Pamphili) il 3 giugno precedente ( la cosiddetta ” Domenica di sangue”) allorquando ebbe inizio la difesa della Repubblica Romana contro l’esercito francese comandato dal generale Oudinot Leggi il resto di questo articolo »

Il 2 luglio 1857 muore a Sanza (Salerno) massacrato da una folla di contadini CARLO PISACANE (38 anni) militare, Patriota rivoluzionario risorgimentale e difensore della Repubblica Romana del 1849.

Carlo Pisacane nacque a Napoli da famiglia aristocratica. Nel 1826 il padre morì prematuramente lasciando la famiglia in ristrettezze economiche e il giovane Carlo iniziò la carriera militare a dodici anni quando entra nella Scuola militare di San Giovanni a Carbonara. All’età di quattordici anni si trasferì nel collegio militare della Nunziatella e vi rimase fino al 1838 anno in cui sostenne gli esami di licenzaLeggi il resto di questo articolo »

Il 30 giugno 1849 muore presso “l’ambulanza” di Santa Maria della Scala a Roma a causa di ferite da combattimento LUCIANO MANARA (24 anni) militare, Patriota Risorgimentale e Difensore della Repubblica Romana del 1849.

Manara nacque a Milano nella famiglia benestante di un avvocato e fu amico di CARLO CATTANEO (1801- 1869) durante gli studi liceali che svolse a Milano. Frequentò anche la scuola di Marina a Venezia e per circa sei anni visse in Germania e in Francia. Intanto nel 1843 si sposò con Carmelita Fè ed ebbe da lei tre figli. In quel periodo Manara conduceva una vita elegante e oziosa, frequentando salotti e rimanendo estraneo ad ambienti patriottici. Leggi il resto di questo articolo »

Il 18 giugno 1155 muore a Roma impiccato e arso sul rogo ARNALDO DA BRESCIA (65 anni) monaco agostiniano, riformatore religioso, politico e Padre della Prima Repubblica Romana.

Arnaldo fu un riformatore religioso caratterizzato da notevole eloquenza e forte avversione per l’istituzione tradizionale ecclesiastica. Sostenne il movimento antipapale e autonomistico romano (costituzione del Comune di Roma o renovatio Senatus) e durante il Risorgimento divenne una figura di riferimento per chi aveva una visione laica dello Stato. Leggi il resto di questo articolo »

Il 13 giugno 1849 muore a Roma uccisa mentre combatte a Porta San Pancrazio per la difesa della Repubblica Romana COLOMBA ANTONIETTI (23 anni) fornaia e Patriota Risorgimentale..

Colomba nacque a Bastia Umbra, figlia di un fornaio, e giovanissima si trasferì con la famiglia a Foligno; qui conobbe il conte LUIGI PORZI che era un cadetto delle truppe pontificie. Tra i due ragazzi s’intrecciò una forte storia d’amore con molte difficoltà a causa del diverso ceto: ricco e nobile quello di Luigi (originaria di Imola), borghese quello di Colomba. Sia la famiglia Porzi sia la famiglia della ragazza ostacolarono il loro matrimonio: fu deciso di trasferire il giovane Porzi a Senigallia ma non si riuscì infine ad impedire le nozze. Colomba e Luigi si sposarono a Foligno con l’assenza di quasi tutti i parenti: solo Feliciano il fratello di Colomba era presente. Leggi il resto di questo articolo »

Garibaldi conduce la difesa del 3 giugno 1849. Disegno dell'epoca.

Il 3 giugno 1849 a Roma l’esercito francese guidato dal generale Oudinot attacca proditoriamente la Repubblica Romana dando inizio all’estrema difesa della Repubblica che si protrarrà per tutto il mese di giugno e che si concluderà con la resa della Repubblica stessa.

Nonostante i patti intercorsi tra i rappresentati repubblicani e i francesi d’iniziare le ostilità la mattina del 4 giugno Oudinot slealmente decise di attaccare nella notte del giorno prima e l’esercito francese attraverso una breccia fatta nelle mura che delimitavano la Villa Corsini ( oggi villa Pamphili) conquistò il Casino dei Quattro Venti (dove oggi si trova l’Arco di Busiri Vici) che era proprio di fronte a Porta San Pancrazio quindi in posizione altamente strategica. L’effetto sorpresa riusci purtroppo pienamente.

GIUSEPPE GARIBALDI decise che tutto si sarebbe tentato pur di riconquistare quella posizione e dovette quindi approntare improvvisamente una serie di attacchi ( saranno almeno sette). con i suoi Volontari Italiani con battaglioni di studenti e milizie della Repubblica  comandati da GIUSEPPE GALLETTI insieme ai bersaglieri di Giacomo Medici e di LUCIANO MANARA. Leggi il resto di questo articolo »

Il 2 giugno 1882 muore nella sua casa nell’isola di Caprera (Sassari) dopo una breve malattia GIUSEPPE GARIBALDI (74 anni) generale, patriota Risorgimentale, politico, Padre della Patria, Padre e difensore della Repubblica Romana del 1849.

Garibaldi nacque a Nizza ( quando ancora era italiana) in una famiglia di un capitano mercantile di origini genovesi, terzogenito di sei figli. Noto anche con l’appellativo di “Eroe dei due mondi” per le sue imprese militari, compiute sia in Europa sia in America Meridionale, è la figura più rilevante ( insieme a MAZZINI e a Cavour) del Risorgimento e protagonista amato ma anche controverso dell’unificazione italiana.

Lo scrittore francese Victor Hugo ( 1802- 1882) che lo conobbe scrisse di lui:

Garibaldi, cos’è Garibaldi? E’ un uomo, niente altro che un uomo. Ma un uomo in tutta l’accezione sublime del termine. Uomo della libertà, uomo dell’umanità. ”Vir“ direbbe il suo compatriota Virgilio.” Leggi il resto di questo articolo »

Il 10 aprile 1890 muore a Forlì dopo una breve malattia AURELIO SAFFI (70 anni) politico, avvocato, scrittore, Patriota Risorgimentale e Triumviro della Repubblica Romana del 1849.

Saffi nacque in una famiglia dell’antica buona borghesia forlivese. Si laureò in giurisprudenza a Ferrara nel 1841 e si trasferì subito dopo a Roma per esercitare l’attività di avvocato. Contemporaneamente si dedicò a profondi studi letterari e storici. Tornato a Forlì ( che si trovava nello Stato della Chiesa) nel 1844 iniziò la sua attività politica come consigliere comunale e segretario provinciale. Leggi il resto di questo articolo »

Il 5 marzo 1849  entra a Roma  passando per Porta del Popolo GIUSEPPE MAZZINI. Egli diverrà la grande guida spirituale e politica della giovane Repubblica Romana.

“Roma era il sogno de’ miei giovani anni, l’idea-madre nel concetto della mente, la religione dell’anima e v’entrai, la sera, a piedi, sui primi del marzo, trepido e quasi adorando. Per me, Roma era -ed è tuttavia malgrado le vergogne dell’oggi- il  Tempio dell’umanità; da Roma uscirà quando che sia la trasformazione religiosa che darà, per la terza volta, unità morale all’Europa… E non di meno trasalii, varcando verso Porta del Popolo, d’una scossa quasi elettrica, d’un getto di vita nuova. Io non vedrò più Roma, ma la ricorderò, morendo … e parmi che le mie ossa, … trasaliranno, com’io allora, il giorno in cui una bandiera di repubblica s’innalzerà, pegno all’unità della patria italiana, sul Campidoglio e sul Vaticano… ”

Giuseppe Mazzini, Note autobiografiche, 1864 Leggi il resto di questo articolo »

Mazzini entra a Roma attraverso Porta del Popolo. Disegno dell'epoca.

Il 5 marzo 1849  entra a Roma  passando per Porta del Popolo GIUSEPPE MAZZINI. Egli diverrà la grande guida spirituale e politica della giovane Repubblica Romana.

La Repubblica Romana era stata inaugurata il 9 febbraio del 1849  e già dal 5 febbraio erano iniziati i lavori dell’Assemblea Costituente Romana per preparare la nuova Costituzione della giovane Repubblica.

Si attendeva con trepidazione l’arrivo di Mazzini ( eletto il 18 febbraio alla Costituente nelle elezioni suppletive sia nel collegio di Ferrara che in quello di Roma) che si trovava tra Firenze e Livorno mentre, con altri Patrioti, cercava di far nascere la Repubblica Toscana dopo la fuga del Granduca.

Mazzini arriverà a Roma il 5 marzo passando per Porta del Popolo e così ricorderà quel momento anni dopo, nel 1864, nelle sue Note autobiografiche:

“Roma era il sogno de’ miei giovani anni l’idea-madre nel concetto della mente la religione dell’anima e v’entrai la sera a piedi sui primi del marzo trepido e quasi adorando. Per me Roma era – ed è tuttavia malgrado le vergogne dell’oggi – il  Tempio dell’umanità; da Roma uscirà quando che sia la trasformazione religiosa che darà per la terza volta unità morale all’Europa… Leggi il resto di questo articolo »

Il 27 agosto del 1880 muore suicida a Catanzaro RAFFAELE PICCOLI (61 anni) patriota e rivoluzionario italiano. Difensore della Repubblica Romana del 1849.

Piccoli nacque a Castagna ( Catanzaro) e la sua innata ansia e la sua vivace intelligenza spinsero suo padre a mandarlo “dai monaci” per studiare. Così passò i primi anni della sua adolescenza nel convento di Scigliano (Cosenza) dove studiò lettere e filosofia. Dopo il completamento degli studi si avvicinò al pensiero di MAZZINI. Leggi il resto di questo articolo »

166 anni fa. Tra mezzorgiono e le tre del pomeriggio del 9 febbraio 1849 il presidente dell’Assemblea Costituente della Repubblica Romana, Giuseppe Galletti, diede l’annuncio ufficiale della nascita della Repubblica nella ex città del papa. Lo fece leggendo il Decreto Fondamentale approvato nella notte tra l’8 e il 9 febbraio, dopo giorni di lavoro entusiasmante, presso il Palazzo della Cancelleria dove l’Assemblea Costituente si riuniva. Il solenne annuncio venne dato in Campidoglio davanti ad una folla enorme, festante fin dalle prime ore della notte e che, pian piano, aveva riempito molte strade e piazze di Roma. Il resto della città apprese la grande notizia attraverso il suono delle campane e le salve dei cannoni di Castel Sant’Angelo. Ricorderà il pittore olandese J. P. Koelman, in quei giorni a Roma: «Sembrarono sparare tutti insieme, quando, dall’alto della scalinata capitolina, risuonò la novella che Roma, la città ecclesiastica per eccellenza, era diventata una Repubblica». Leggi il resto di questo articolo »

17 giugno 2014
21:00a23:00

vedi: 19/26 giugno 2011. Su quella strada

10 giugno 2012. Le macerie del Gianicolo
29 aprile 2014
21:00a23:00

VEDI:  9 febbraio 2012. La Repubblica Romana 163 anni dopo...

4 marzo 2014
21:00a23:00

VEDI: 5 marzo 2013. Quelli del 5 marzo...

9 febbraio 2014
17:00a20:00

PER INFORMAZIONI: 3337765679

 

VEDI: 9 febbraio 2013.  "Roma Repubblica, venite!"

9 febbraio 2012. La Repubblica Romana 163 anni dopo...

6-13 febbraio 2011. Una settimana repubblicana.

Calendario eventi
luglio 2018
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli