Perdonateci se in apertura poniamo una frase di hitler ma egli fu, purtroppo, un grande esperto di propaganda di stato e censura per manipolare la gente. Ogni regime fascista e regime comunista faranno la stessa cosa. Anche le democrazie diventate democrature malate useranno la propaganda di stato e la censura per occultare verità scomode, anche se con qualche cautela ipocrita. In Italia ne sappiamo bene qualcosa…

D’altra parte anche l’ideologo e mentore del Grande Reset Klaus Schwab ha buoni legami con l’ideologia nazista, leggete qui: Il Grande Reset. La Grande Risistemazione (15). Si stanno preoccupando per noi.... E approfondite leggendo gli altri articoli qui: http://www.gruppolaico.it/category/rassegna-stampa/emergenza-rassegna-stampa/.

Il progetto criminale del Grande Reset per poter realizzare la “nuova normalità” attraverso l’addomesticamento fatto di mascherine, tamponi, distanziamenti,  vaccini, digitalizzazione forsennata, lockdown, crisi economiche devastanti e tanta, tanta paura indotta del virus ha bisogno di una propaganda martellante su tutti i media ufficiali e di censure sempre più drastiche: una tenaglia micidiale che stritola libertà, dignità e umanità. Come hitler insegnò a fare. (GLR)

 

 

 

Le armi mediatiche della nuova morale totalitaria

Sancho #7 – Fulvio Grimaldi, giornalista

Chi c’è dietro censure, diffamazioni, false flags ( creazione di falsi nemici, ndr), psyops (guerra psicologica, ndr)? False promesse e false battaglie al servizio del bio-tecno-totalitarismo, il progetto eversivo delle élites globaliste che, secondo Fulvio Grimaldi, punta alla feroce distruzione dell’identità, della diversificazione del pensiero, della libertà d’espressione, componenti fondanti l’essenza dell’uomo.

Gli apparati di comunicazione ingegnerizzati dall’esercito che chiamiamo social sono ora al comando di una vera e propria guerra all’umano, già in atto, per sanificare il pensiero e colonizzarlo con la nuova morale del comunismo queer e la religione biotech.

Nella puntata #7:

- Appello di Comedonchisciotte a Marcello Foa (presidente della RAI)

La RAI è una società concessionaria in esclusiva del servizio pubblico radiotelevisivo italiano, ed in quanto tale partecipata dal ministero dell’economia e delle finanze, e pagata da tutti noi contribuenti. In ragione di ciò chiediamo che vi sia garantita maggiormente la pluralità di opinioni, affinché i cittadini possano essere informati nel modo più imparziale possibile sia circa la crisi sanitaria, sia circa la gestione politica del lock-down. Invitiamo tutta la realtà dell’informazione indipendente ad unirsi a noi in questo appello.

La Redazione di Comedonchisciotte.

- Enrico Letta, (di) chi è il nuovo segretario del PD?

- SANCHO DOSSIER: LE ARMI MEDIATICHE DELLA NUOVA MORALE TOTALITARIA

Silenziare i nemici del bio-tecno-totalitarismo: quadro geopolitico della censura

Accorpare i media e isolare il dissenso: così stanno creando il Pensiero Unico

Antifa, LGBTQ+, MeToo, la sinistra al servizio del capitalismo transumano

Le false promesse dei social e la libertà nelle mani di Silicon Valley

 

Conduce Massimo Cascone, produzione Bagony Snikett

In https://comedonchisciotte.org 17/3/2021

 

Vedi e ascolta: https://www.youtube.com/watch?v=cSQvACVfq6A

 

 

Ed ecco un esempio della censura di questo regime sanitario al lavoro, come ci ha detto Grimaldi. Se lo stato censura la libera informazione vuol dire che deve nascondere qualcosa che non si deve sapere e basterebbe questo per far sorgere nel non-covidiota ulteriori dubbi su cosa sta accadendo dietro il paravento del virus e dietro la trombonaggine della propaganda ufficiale. Ecco un prezioso intervento di Davide Barillari, una riflessione di alcuni mesi fa sulla vicenda Byoblu di Diego Fusaro, a seguire un’ importante comunicazione recentissima che si trova sul sito di Byoblu. (GLR)

 

 

 

YOUTUBE CENSURA BYOBLU. DANNO ALL’INFORMAZIONE LIBERA E ALLA COSTITUZIONE

Davide Barillari, consigliere Regione Lazio

Vedi e ascolta: https://www.facebook.com/saracunial.camera/videos/453272009285495/

3/4/2021

 

Hanno bloccato Byoblu di Claudio Messora! Rischia di essere chiuso per sempre!

Diego Fusaro, filosofo

Vedi e ascolta: https://www.youtube.com/watch?v=HZCjBkvxLuI

17/1/2021


Hanno chiuso Byoblu. È tempo di lanciare una sfida.

Leggi: https://www.byoblu.com/2021/03/30/una-sfida-per-tutti/

30/3/2021

 

 

La tragica manfrina del Grande Reset si regge su una propaganda, da parte dei media asserviti, soffocante e che tende ad “infantilizzare” la popolazione. Il prodotto più evidente è il pupo “covidiota” che tutto “si beve” e tutto “si fa fare”: il frutto della tenaglia propaganda-censura. Come al tempo di ogni fascismo. (GLR)

 

 

 

Dall’articolo: LA PERSUASIONE NELLA PROPAGANDA E NELLA PUBBLICITÀ – DAL NAZISMO AL COVIDISMO

 

“Sessantaquattromila ripetizioni fanno la verità”

Aldous Huxley (1894- 1963), scrittore e filosofo britannico

 

L’elemento più singolare della covid-mania è il modo in cui infantilizza la maggior parte della popolazione e la priva di qualsiasi ruolo: il loro lavoro non è importante, la loro procreazione non è importante, la loro salute non è importante (a meno che non sia covid) e i loro bisogni sociali non sono importanti….

La storia non ci fornisce un periodo in cui intere popolazioni erano così sminuite, così ridotte a quasi nulla. … (Leggi l’articolo Analogie storiche della covid-mania che segue)

Come fanno? Con quali strumenti riescono a manipolare il pensiero e a convincere le masse?

Parte della covid-mania ricorda molto le storie sui nazisti e sui comunisti dagli anni ’30 agli anni ’40. Le somiglianze includono:

l’estensione della propaganda, l’intolleranza, l’idea che il corpo della nazione contenesse elementi che dovevano essere eliminati, la brama di potere dei tirapiedi, le immagini di guerra, la mansuetudine della popolazione, il segnale di virtù, l’abuso della scienza sociale per giustificare decisioni politiche, l’idea di armi miracolose, il diffuso spionaggio sui vicini inadempienti e l’idea di una guerra totale che richiede a tutti di impegnarsi.

Come affermava il sociologo Vance Packard nel suo saggio I persuasori occulti, del 1957, vi sono personaggi che studiano segretamente le nostre segrete debolezze e vergogne nell’intento di influenzare più efficacemente il nostro comportamento”.

Il sociologo faceva riferimento al consulente di pubbliche relazioni, esperto di propaganda, delineato da Edward Bernays (considerato dal settimanale Life come uno dei cento americani più influenti del ventesimo secolo) per il quale però l’uso della propaganda non aveva assolutamente nulla di reprensibile ed era anzi al servizio delle “relazioni pubbliche”.

Oggi il lavoro di Bernays è stato ancor più perfezionato dagli spin doctor, che sono degli esperti nella manipolazione delle informazioni, soprattutto in campo politico.

…..

In https://www.nogeoingegneria.com   28/3/2021

 

 

Questo importante studio dell’economista inglese Paul Frijters, che vi raccomandiamo di leggere con attenzione, cerca di trovare le analogie tra questo triste tempo della “covid-mania” e ad alcune situazioni storiche in cui, come oggi, la propaganda di stato agì in maniera devastante. Molti riferimenti sono alla situazione inglese ma assolutamente rapportabili all’Italia: il progetto criminale del Grande Reset, non dimentichiamolo, è globalizzante. Buona lettura-studio. (GLR)

 

 

 

Analogie storiche della covid-mania

 

“Gli uomini, è stato ben detto, pensano in branchi; si vedrà che impazziscono in branchi, mentre i sensi li recuperano solo più lentamente, e uno per uno” .

John H. MacKay (1864- 1933), scrittore e attivista scozzese

 

In questo momento, Londra e gran parte dell’Europa sono nel pieno della covid-mania, stanno per iniziare altri due mesi di lockdown che si aggiungono agli inefficaci lockdown del 2020. Sebbene non abbia ridotto in modo concreto i morti per covid, l’azione del governo del Regno Unito è costata finora oltre cinque milioni di anni felici di vita semplicemente riducendo la qualità della vita del 10% circa di una popolazione di 70 milioni di persone per quasi un anno .

Paul Frijters, economista inglese

Circa un miliardo di sterline di prestiti extra al giorno è stato necessario per tacitare il dissenso e nascondere il collasso forzato della produttività, che costerà in futuro circa 1 milione di anni felici di vita per ogni mese di lockdown, a causa dei futuri servizi governativi ridotti.

Anche se salvassero lo 0,2% della popolazione, salvando i più vulnerabili (cosa che chiaramente non faranno), i lockdown distruggono l’equivalente di quel “guadagno promesso” in termini di anni felici di vita, in ogni singola settimana di lockdown.

Questo stato di cose francamente folle è stato riassunto bene da un politico conservatore che ha detto apertamente in parlamento (l’unico posto che non può essere censurato) che:

Questa è una situazione di occupazione dello stato. Il governo è completamente affascinato da una lobby che spinge la fallimentare politica di lockdown.  Nonostante l’arrivo dei vaccini, la lobby ha segnalato che il controllo sociale non finirà, alcune restrizioni rimarranno e le misure potrebbero essere imposte nuovamente il prossimo inverno”.

Ad oggi, il governo del Regno Unito (come l’Italia, ndr) ha abbandonato il suo dovere di educare i bambini chiudendo le scuole, ha abbandonato il suo dovere nei confronti della salute pubblica trascurando problemi di salute non-covid, ha abbandonato il suo dovere di garantire che la popolazione mantenga il proprio sostentamento impedendo ai “lavoratori non essenziali” di fare il loro lavoro e ha declassato la maggior parte della popolazione a vettori di rischio di virus.

Ci si aspetta ora che le nascite precipitino e che le morti future per problemi di salute non covid siano molto più alte nei prossimi anni.

La scelta di distruggere salute, gioia, vita e libertà su larga scala corrisponde alla definizione del dizionario di follia, cioè autolesionismo irrazionale.

La cosa principale che oscura la follia della situazione è che la stragrande maggioranza della popolazione l’ha assecondata, abbandonando la propria responsabilità nei confronti dei propri figli, della propria famiglia, del proprio futuro e del proprio Paese. La situazione nel Regno Unito si ripete in gran parte dell’Europa sub-scandinava e nella maggior parte degli stati degli Stati Uniti .

La stranezza della situazione si riflette nelle contraddizioni delle politiche. Il culto della morte per covid nel Regno Unito esorta la popolazione a fermarsi socialmente per prevenire le infezioni, ma milioni di “lavoratori essenziali” stanno correndo per il paese come al solito.

Si suppone che le attività di mercato “non essenziali” siano chiuse, ma le visite e le vendite di case sono fortemente incoraggiate con agevolazioni fiscali ed esenzioni di viaggio, perché i gruppi che le possiedono si prendono cura dei propri interessi.

Incontrarsi e abbracciarsi viene descritto come letale quando lo fa la popolazione generale, mentre la polizia e gli operatori sanitari si stringono insieme. A chi non corre quasi nessun rischio (i bambini) viene impedito di riunirsi in gruppi, mentre chi corre i rischi maggiori viene ammassato insieme a tanti altri malati nelle case di cura e negli ospedali.

La propaganda di Stato si vede e si sente ovunque, dai manifesti per strada agli spot radiofonici, mentre la censura delle voci di dissenso è diffusa.

Dopo che le loro previsioni fallite non sono costate loro nulla, alcuni consulenti medici stanno già sostenendo che anche se tutti fossero vaccinati, l’intero paese dovrebbe comunque chiudere il prossimo inverno, fatto lamentato solo dallo strano e coraggioso membro del parlamento. Gran parte del romanzo 1984 è quindi ora realtà.

Esaminiamo diverse possibili analogie storiche che si possono pensare per la situazione attuale per cercare di ampliare le nostre idee su ciò che potrebbe accadere. Voglio discutere le analogie con l’affare Dreyfus, il proibizionismo degli Stati Uniti e la guerra del Vietnam, il cattolicesimo feudale medievale, l’ortodossia cristiana feudale medievale e le folle comuniste / naziste dell’Europa centrale negli anni ’20 -’40.

 

L’analogia con l’affare Dreyfus del 1895-1906.

Ho già affrontato l’argomento in precedenza, ma devo ripetere che la battaglia intellettuale della Covistance [Resistenza al Covid, ndt] contro la follia della covid-mania, ricorda molto quella dei Dreyfusardi [sostenitori dell’innocenza di Dreyfus, ndt], che hanno avuto bisogno di 10 anni per far assolvere un uomo ovviamente innocente, che era diventato il capro espiatorio di un’istituzione statale incompetente (l’esercito), un errore che è stato sostenuto dalla stragrande maggioranza dei politici e della popolazione francesi.

Alfred Dreyfus (1859- 1935), militare francese

L’intensità con cui i Dreyfusardi erano perseguitati dall’opinione pubblica e il graduale riconoscimento nei circoli d’élite che avevano effettivamente ragione, sembra molto simile agli attuali “dibattiti” pubblici sui covid.  Anche la composizione del Covistance e la sua incapacità di andare ovunque velocemente sono molto simili alle esperienze dei Dreyfusardi.

La lezione principale di quel periodo è stata quanto sia facile per le istituzioni statali ignorare la verità e andare avanti con le sciocchezze per anni, non importa quanto sia ovvio il caso per qualsiasi estraneo.

Ci dice quindi che la situazione attuale potrebbe facilmente durare anni e che le istituzioni statali non vedono la luce da sole ma devono esservi costrette.

Un’altra lezione è che per vincere la battaglia ci vogliono soldi, prestigio e canali di diffusione propri. La Covistance ha gli ultimi due, ma non molto del primo.

L’analogia non calza più se si considera la natura della vittima: ora sono intere popolazioni a soffrire, non un solo estraneo come Dreyfus, spedito su un’isola lontana.

Inoltre, la sofferenza ora è in gran parte auto-inflitta piuttosto che inflitta da altri, quindi viste le caratteristiche collettive della covid-mania, l’affare Dreyfus è molto poco adatto alla situazione attuale.


L’analogia con il proibizionismo statunitense 1920-1930

In termini di popolarità diffusa di un evidente atto di autolesionismo che è stato rapidamente ignorato dalle élite e tuttavia ha impiegato anni per essere ampiamente contrastato, il periodo del proibizionismo negli Stati Uniti si adatta bene all’oggi. In quel periodo, la produzione e la vendita di alcolici furono vietate in tutti gli Stati Uniti.

Anche allora, molti scienziati minori si dannavano per “dimostrare” quanto fosse dannoso l’alcol e “quindi” che il proibizionismo era la cosa giusta da fare.

Inoltre, c’era un intero movimento di popolazione che vedeva il proibizionismo come una causa morale, attivo nel segnalare quanto fossero tutti a favore.

Anche allora, le restrizioni erano impraticabili e contro la natura umana, quindi le élite hanno rapidamente trovato il modo di aggirarle attraverso molti luoghi illegali, come hanno fatto oggi durante i lockdown (i jet privati ​​stanno avendo un’impennata! I lockdown sono per le masse).

In termini di delusione generale inflitta e mantenuta dalla popolazione, il proibizionismo si adatta alla covid-mania.  Tuttavia, il danno delle politiche attuali è molto peggiore e la mania non è limitata a un solo Paese, come lo era il proibizionismo, ma ha avvolto mezzo mondo.

I movimenti più autodistruttivi e sparpagliati cadono a pezzi più rapidamente. È significativo che il proibizionismo abbia perso il sostegno di massa dopo circa 5 anni, impiegando ancora qualche anno prima che i suoi regolamenti venissero abrogati per legge. Dovremmo aspettarci che la covid-mania duri meno a lungo di così.

 

L’analogia con l’esperienza americana della guerra del Vietnam

Per quanto riguarda la mentalità da bunker dei consiglieri dei politici, la disinformazione del governo, la creduloneria della popolazione, l’irrilevanza dei danni collaterali e il vetriolo contro chi parla delle vittime, l’esperienza della guerra del Vietnam sembra molto adatta per oggi.

Inoltre, come la guerra del Vietnam, la covid-mania arriva con una promessa di “vittoria”, dopodiché andrà tutto bene.

Un’altra importante somiglianza è che lo Stato allora, come adesso, non può sopprimere le informazioni e forzare l’unità perché diversi Paesi e Stati seguono la propria strada, il che significa che la propaganda statale e il controllo dei media semplicemente non possono essere pienamente efficaci. Ci sono falle nel sistema di controllo e la fastidiosa consapevolezza che altri luoghi stanno facendo scelte migliori.

La differenza principale è che le vittime ora non sono milioni di poveri ‘altri’ che vivono lontano, ma che ci sono così tante vittime nelle vicinanze: i bambini, i vulnerabili, i poveri, i soli, ecc. che la propaganda statale doveva essere molto più rapida di quanto fu nell’era della guerra del Vietnam.

Inoltre, l’essenziale falsità della promessa di una vittoria totale è più ovvia questa volta perché stiamo parlando di una malattia endemica che muta e ha già eliminato molti dei più vulnerabili. I vaccini non cambiano questa realtà.

 

L’analogia con il cattolicesimo medievale feudale

In termini di follia di massa, la covid-mania non assomiglia affatto ai secoli di stabile cattolicesimo medievale. Eppure, alcuni dei modelli di base emersi negli ultimi 10 mesi ricordano fortemente il cattolicesimo medievale feudale.

Penitenti flagellanti durante la peste nera del 1347

Per fare un esempio, nel cattolicesimo medievale feudale, il messaggio fondamentale della chiesa era che la popolazione era peccaminosa per natura e doveva sottomettersi ai rappresentanti della chiesa per la salvezza.

Mentre soggiogavano le masse con storie di come avrebbero dovuto espiare il loro peccato originale, la chiesa aveva stretto una pragmatica alleanza con i governanti locali, tassava la stragrande maggioranza della popolazione (i contadini) che era costretta al silenzio e senza alcun portavoce.

La propaganda e le forme di sottomissione erano una cosa normale allora, come lo sono ora.

Questa filosofia di base, di peccaminosità e sottomissione all’ideologia e al potere terreno del giorno, è in gran parte la sostanza comunicativa che ha vinto negli ultimi 10 mesi: le persone sono ora trattate come vettori virali che dovrebbero seguire le prescrizioni dei loro superiori e i cui bisogni sociali più basilari sono descritti come peccaminosi.

La realtà economica di oggi è più feudale rispetto ai decenni precedenti in modo consistente,  qualcosa che è peggiorato molto a causa delle politiche covid: le nostre economie sono diventate molto più sbilanciate negli ultimi 30 anni e la vita lavorativa è diventata molto più diretta dall’alto verso il basso, con sempre meno lavoratori che hanno una significativa autonomia.

Essere comandati e istruiti a rispettare molte regole ideologiche è ora uno stile di vita normale per molti dipendenti di grandi organizzazioni, proprio come la società feudale medievale in cui la stragrande maggioranza viveva in villaggi stagnanti mentre una piccola élite di baroni e clero li comandava e li incoraggiava a sentirsi in colpa e flagellarsi.

È stato normale per molti, negli ultimi anni, sentirsi dire che siamo peccatori che devono pentirsi, ad esempio per istigare il patriarcato o trarre profitto dalla schiavitù.

Quello che è successo negli ultimi 10 mesi è che la nozione di base di peccaminosità innata ha trovato una nuova grande occasione in quanto siamo tutti vettori virali e che il nostro respiro, il nostro corpo e la nostra vicinanza sono un pericolo per gli altri, come gli altri lo sono per noi.

I nostri respiri e le nostre inclinazioni sociali sono identificati come i nostri nuovi peccati innati per i quali ora ci viene chiesto di vergognarci ed espiare.

Le grandi differenze sono che le leve informative a disposizione della chiesa e dei governanti locali erano più assolute nel Medioevo e che la chiesa era più organizzata dei nuovi aspiranti ideologi di oggi.

Anche la realtà del potere è diversa: ora le burocrazie statali sono il pesce più grande nello stagno, non le chiese o gli ideologi.  Inoltre, i modi alternativi di vivere sono molto più visibili e le persone qualificate possono spostarsi più facilmente ora di allora, almeno in Europa e negli Stati Uniti (e i flussi migratori verso aree più liberali stanno aumentando rapidamente!).

Ciò significa che la situazione attuale non è sostenibile come lo era il cattolicesimo feudale medievale. L’idea che assisteremo alla forte crescita di una nuova chiesa cattolica sotto forma di un’organizzazione ideologica unitaria (come l’OMS espansa) sembra altamente improbabile.

L’analogia ci mostra che il modello che abbiamo visto negli ultimi 10 mesi di élite che sviliscono la popolazione e mirano a far sentire ognuno un peccatore, è una fotocopia quasi perfetta della narrativa spacciata per verità nelle società feudali dalla chiesa cattolica. Probabilmente rimarrà qualche storia di peccato.  ( collegato a questo paragrafo vi preghiamo di leggere: Considerazioni al tempo del regime sanitario (14). Una massa di peccatori penitenti.. GLR)


L’analogia con l’ortodossia cristiana feudale

Mentre la chiesa cattolica era unificata e per molti versi in concorrenza con i governanti locali, le chiese ortodosse assomigliavano più agli ideologi medici che vediamo oggi.  Come il cattolicesimo, anche loro hanno promosso la storia del peccato, hanno arruolato prepotenti e traditori per rinforzare la loro volontà a discapito degli altri e hanno inflitto una massiccia propaganda.

Ma, a differenza della chiesa cattolica, le chiese ortodosse sono più locali (ce ne sono più di una dozzina) e legate a particolari poteri terreni: il clero ortodosso è impiegato dai governanti locali e quindi esegue i loro ordini, mentre la chiesa cattolica è un’organizzazione internazionale indipendente.  Ciò significa che le chiese ortodosse si adeguano al fatto che il potere risiede nei governanti locali molto più della chiesa cattolica.

Quindi quello che abbiamo visto emergere negli ultimi 10 mesi assomiglia più all’ortodossia cristiana feudale che al cattolicesimo: una crescita di molte organizzazioni religiose locali coi loro rituali di peccaminosità, propaganda, formule sacre e autoflagellazioni.

Questo suggerisce anche un percorso naturale per le istituzioni-covid: formare organizzazioni ideologiche nazionali che raccolgano una narrativa dell’innata peccaminosità della popolazione e della necessità di un nuovo sacerdozio per salvarla da se stessa. Questa sembra davvero la traiettoria che stiamo seguendo al momento.

Tuttavia, l’analogia non è perfetta e quindi non è chiaro se dovremmo aspettarci che questo percorso venga seguito a lungo.  È importante sottolineare che, a differenza dell’ortodossia cristiana, l’ortodossia covid è innatamente inefficiente e autodistruttiva in quanto è un culto della morte.

Portata alla sua conclusione logica, la covid-mania bandirebbe ogni normale interazione sociale al punto che le nostre società cesserebbero di avere figli e scomparirebbero interi settori economici.

L’ideologia sta quindi indebolendo le società in cui si è annidata, non rafforzandole.  Al contrario, c’erano cose positive nell’Ortodossia cristiana. Essa sosteneva di fare figli ed avere grandi famiglie, nonché lavoro e risultati gloriosi.

Al contrario, la covid-mania è puramente distruttiva, un percorso che semplicemente non può essere seguito fino alla sua logica conclusione senza implodere prima che raggiunga il suo obiettivo naturale.

Un altro problema importante è che l’economia internazionale odierna non può essere vincolata nel modo in cui lo erano le economie dei Paesi ortodossi feudali: i lavoratori non possono essere imprigionati e tenuti all’oscuro a tal punto poiché possono trasferirsi in altri stati, almeno in Europa e negli Stati Uniti.

Nel passato la mobilità ha compromesso i luoghi stagnanti: gran parte della popolazione dell’Europa orientale è scappata verso i luoghi più ottimisti e in crescita tra il XVIII e il XX secolo, come le Americhe o l’Europa occidentale.

L’ottimismo e la crescita attirano il talento, mentre la propensione all’autodistruzione no.  Quindi, per quanto si possano vedere molti cambiamenti negli ultimi 10 mesi che ricordano da vicino l’imposizione di una nuova struttura di fede ortodossa, semplicemente questo non è sostenibile.

Il rapido impoverimento e gli atteggiamenti puritani che uccidono la gioia che derivano dalla covid-mania, lo rendono insostenibile.


Le folle naziste / comuniste degli anni 1920-1940

Parte della covid-mania ricorda molto le storie sui nazisti e sui comunisti dagli anni ’30 agli anni ’40.  Le somiglianze includono:

l’estensione della propaganda, l’intolleranza, l’idea che il corpo della nazione contenesse elementi che dovevano essere eliminati, la brama di potere dei tirapiedi, le immagini di guerra, la mansuetudine della popolazione, il segnale di virtù, l’abuso della scienza sociale per giustificare decisioni politiche, l’idea di armi miracolose, il diffuso spionaggio sui vicini inadempienti e l’idea di una guerra totale che richiede a tutti di impegnarsi.

Ciò che si adatta male, però, è che la covid-mania è fondamentalmente solo distruttiva e non costruttiva.

Il nazismo e il comunismo non implicavano solo una storia di nemici che dovevano essere distrutti, ma contenevano anche visioni di come le popolazioni potessero vivere felicemente e gloriosamente. Consentirono così a intere popolazioni di unirsi in modo produttivo per costruire la terra promessa.

Quindi portarono a un’enorme diffusione di nuova arte, nuovi progetti economici e nuove celebrazioni.  Hanno generato organizzazioni giovanili e circoli di lettura, manifestazioni di massa e mostre. Quella creatività ed entusiasmo li rendevano pericolosi per gli altri.

Al contrario, la covid-mania è un affare molto meno energico e meno creativo, con la popolazione trattata come agnelli mansueti che necessitano di protezione, essenzialmente degradando la popolazione a non essere più del tutto umana.

In effetti, l’elemento più singolare della covid-mania è il modo in cui infantilizza la maggior parte della popolazione e la priva di qualsiasi ruolo: il loro lavoro non è importante, la loro procreazione non è importante, la loro salute non è importante (a meno che non sia covid) e i loro bisogni sociali non sono importanti.

All’interno della covid-mania, la maggioranza si riduce a essere elettori che potrebbero prendere il covid.

Questi sono gli unici due attributi che sono ancora importanti durante la covid-mania: come potenziali vittime di una particolare malattia e come elettori che devono essere tenuti a bordo.

La storia non ci fornisce un periodo in cui intere popolazioni erano così sminuite, così ridotte a quasi nulla. Almeno, non riesco a pensare a nessun periodo in cui noi esseri umani abbiamo inflitto a noi stessi ciò che si sta facendo ora in gran parte dell’Europa e degli Stati Uniti.

Anche nell’ortodossia cristiana e durante il proibizionismo, l’intero sistema voleva ancora che la maggioranza fosse produttiva e godesse della vita familiare: la produzione e la procreazione della popolazione contava ancora.

In questo momento, né la produzione né la procreazione sono ritenute se pur lontanamente importanti dai covid-maniaci, una situazione quasi unica nella storia umana;  il tipo di situazione che si applicava alle popolazioni conquistate appena prima di massacrarle.

Ciò che si adatta male anche alla folla del periodo nazista / comunista è che il culto covid non ha una serie ovvia di futuri nemici da trasformare in qualcosa di più energico: la covid-mania finisce naturalmente il carburante se tutti i vulnerabili sono morti o se i vaccini portano a meno infezioni.

Può provare a ricostituirsi con nuove malattie infettive o nuove varianti (e stiamo vedendo molti tentativi in ​​questa direzione), ma è intrinsecamente uno stratagemma debole che può facilmente svelarsi. I comunisti e i nazisti avevano nemici molto più evidenti da indicare, vale a dire quegli umani non ancora in linea “con il programma”.

Istituzionalmente, la covid-mania è anche molto meno sicura di quanto lo fossero gli ideologi nazisti o i comunisti perché l’adozione della covid-mania non ha richiesto la rimozione del vecchio regime: il vecchio regime poteva solo temporaneamente adottare la covid-mania, rendendolo molto più facile da far sparire di nuovo, che se la nuova ideologia avesse portato i suoi fanatici più accaniti nelle sedi del potere.

Ciò rende la covid-mania più simile al proibizionismo: un insieme di credenze e prescrizioni di cui ogni politico può rivestirsi, ma niente di più fondamentale da un punto di vista politico di alcuni rituali e politiche, che semplicemente hanno lo sfortunato effetto collaterale di enormi danni alla popolazione.

Quindi non penso che dovremmo prendere sul serio l’idea che la covid-mania possa durare quanto sono durati i nazisti e i comunisti. L’attrazione della covid-mania è molto minore, la sua base politica è molto più debole, ci sono meno opportunità di crescita e le perdite sono troppo evidenti.


Cosa ci dicono le analogie.

Diversi aspetti della covid-mania si adattano a diversi esempi tratti dalla storia del comportamento delle folle o delle ideologie della fuga.

La mentalità da bunker dei consiglieri e dei governi durante la covid-mania ricorda molto l’era della guerra del Vietnam.

Il moralismo, l’abuso della scienza e la popolarità generale di un’ideologia autodistruttiva, ricordano soprattutto il proibizionismo.

La “storia covid” delle élite di come la popolazione generale sia solita comportarsi male per natura e che ogni forma di gioia è un rischio, ricorda molto la storia del peccato originale della chiesa cattolica medievale.

La formazione di nuovi gruppi ideologici medici attorno ai politici e alla burocrazia statale ricorda molto le chiese cristiane ortodosse.

Le lotte e le difficoltà dell’opposizione intellettuale alla covid-mania ricordano molto le fatiche dei Dreyfusardi.

Nessuna di queste analogie è perfetta, ma ognuna suggerisce alcune lezioni su cosa aspettarsi.  Una lezione è che il corso naturale della mania si misura in anni, non in decenni: le pressioni per superare la covid-mania sono più forti ora delle pressioni durante il proibizionismo e la guerra del Vietnam, il cui sostegno popolare è crollato dopo circa 5 anni, più altri 5 anni per arrivare a essere completamente cancellate.

Attualmente personalmente mi aspetto che la maggior parte del disfacimento della covid-mania avvenga nel 2021, anche se questo non significa la fine della follia, ma solo la fine della covid-follia.  Le pressioni accumulate dalla covid-mania possono manifestarsi in nuovi fenomeni di massa.

Una seconda lezione che traggo da queste analogie è che è improbabile che ci sia una resa dei conti per coloro che hanno danneggiato la propria società in modo così enormecosì come non c’è stata nessuna resa dei conti per la guerra del Vietnam, il proibizionismo, il comunismo, ecc.

Solo se un nuovo tipo di folla inizierà a vedere i covid-maniaci come il nemico ci sarà una resa dei conti, che è lo scenario oscuro di cui ho parlato in un post precedente ma che vedo ancora improbabile.

Quindi, (sfortunatamente), i covid-maniaci probabilmente riusciranno a farla franca: in nessuna delle analogie storiche sopra esposte la popolazione voleva che ci fosse una resa dei conti perché era stata consenziente e preferiva semplicemente non vedere il danno cui aveva partecipato.  I giudizi vengono fatti da gruppi rivali, non da gruppi che cambiano idea.

Una terza lezione è che il modello di base di un’élite che diffonde una narrativa di peccaminosità alla popolazione generale, sulla scorta della storia di peccato originale delle chiese cattolica e ortodossa, è probabile che rimanga valido perché le nostre società sono di nuovo così disuguali.

Fino a quando il nazionalismo ottimista non si riaffermerà e le popolazioni non riprenderanno quindi ad essere veramente importanti, dovremo aspettarci di vedere qualche ideologia del peccato feudale dominante negli anni a venire in molti paesi occidentali. Forse una nuova spinta verso l’illuminazione emergerà come una forza antagonista.

Una quarta lezione è la realizzazione di ciò che è unico nella covid-maniaun’ideologia che disumanizza quasi completamente la maggioranza della popolazione.

A differenza di qualsiasi periodo storico a cui riesco a pensare, anche la produttività e la creazione della popolazione sono diventate irrilevanti.  Le popolazioni occidentali sono state così spogliate, con il loro stesso consenso, della dignità umana e della gioia, ridotte a elettori e vettori di virus.

Questa caratteristica unica è anche il motivo per cui non abbiamo nemmeno bisogno di parlare dell’analogia con la seconda guerra mondiale quando le popolazioni si strinsero insieme e ne uscirono più unite e con popolazioni potenziate: nella seconda guerra mondiale le popolazioni erano necessarie per vincere e costruire attivamente la macchina da guerra, mentre le popolazioni oggi sono ufficialmente etichettate come il problema dai covid-maniaci e viene detto loro di tenersi alla larga.

Una grande domanda esistenziale per il futuro è quindi se le attuali élite occidentali prevedano un qualche possibile uso delle parti “non essenziali” delle loro popolazioni e cosa faranno quando scopriranno le proprie risposte a quella domanda.

Paul Frijters, economista       8/1/2021

Fonte: https://clubtroppo.com.au/2021/01/08/historical-analogies-for-the-covid-mania/

In    https://liberopensare.com/ 24/2/2021


ANNO II DEL REGIME SANITARIO

 

 

Per approfondire gli argomenti proposti in questo articolo v’invitiamo a cliccare sui “tag” sottostanti. In particolare v’invitiamo a leggere:

Considerazioni al tempo del regime sanitario (15). Tanti morti per farci morire.

Considerazioni al tempo del regime sanitario (12). Uno stivale sulla faccia.

Considerazioni al tempo del regime sanitario (9). Grande Reset, Grande Dissenso.

Emergenza infinita? (10). Verso la censura di stato?

NON MOLLARE

 

 

 

 


Calendario eventi
aprile 2021
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli