L’ultimo stato che si assunse programmaticamente la cura del cittadino fu il nazismo

Il diritto e la vita

di Giorgio Agamben, filosofo

La situazione attuale, in cui la salute degli esseri umani è diventata la posta in gioco nel diritto e nella politica, offre l’occasione di riflettere sui corretti rapporti che devono intercorrere fra il diritto e la vita.

Un grande storico del diritto romano, Yan Thomas, ha mostrato come nella giurisprudenza romana la natura e la vita naturale degli esseri umani non entrano mai come tali nel diritto, ma restano separati da questo e funzionano soltanto come un presupposto fittizio per una determinata situazione giuridica.

Così il principio naturale secondo cui tutto è comune a tutti vale solo come una limitazione che esclude dalla sfera della proprietà giuridica l’aria, il mare e le rive, ma la cosa comune a tutti diventa immediatamente una res nullius, che fonda la proprietà del primo che se ne impossessa.

Analogamente, la cittadinanza è un dato giuridico imprescrittibile e indisponibile, che, a differenza del domicilium, che dipende dalla residenza fisica in un certo luogo, si acquista attraverso l’origo, la quale non è, però, il fatto naturale della nascita, ma una costruzione giuridica legata al luogo di nascita del padre.

I giuristi del XIX secolo hanno trasformato questo artificio giuridico nello ius sanguinis, in cui, come scrive Yan Thomas, «una mistica del sangue che conduce all’ideologia biologica oggi dominante si sovrappone a quella che era soltanto una costruzione genealogica fittizia».

Quel che è avvenuto a partire dai primi decenni del Novecento è che il diritto ha progressivamente teso a includere in sé la vita, a fare di essa il suo oggetto specifico, di volta in volta da tutelare o da escludere.

Questa presa in carico della vita da parte del diritto non ha soltanto, come si potrebbe credere, degli aspetti positivi, ma apre invece la via ai rischi più estremi.

Come gli studi di Michel Foucault (filosofo francese, 1926- 1984) hanno efficacemente mostrato, la biopolitica tende infatti fatalmente a convertirsi in tanatopolitica ( politica della morte, ndr).

Quanto più il diritto comincia a occuparsi esplicitamente della vita biologica dei cittadini come un bene da curare e promuovere, tanto più questo interesse getta immediatamente la sua ombra nell’idea di una vita che, come recita il titolo di un’opera celeberrima pubblicata in Germania nel 1920, «non merita di essere vissuta [lebensunwertes Leben]».

Ogni volta che si determina un valore, si pone infatti necessariamente anche un non-valore e l’altra faccia della protezione della salute è l’esclusione e l’eliminazione di tutto ciò che può condurre alla malattia.

Dovrebbe farci attentamente riflettere il fatto che il primo esempio di una legislazione in cui uno Stato si assume programmaticamente la cura della salute dei cittadini è l’eugenetica nazista. Subito dopo l’ascesa al potere, nel luglio 1933, Hitler fece promulgare una legge per proteggere il popolo tedesco dalle malattie ereditarie, che portò alla creazione di speciali commissioni per la salute ereditaria (Erbgesundheitsgerichte) che decisero la sterilizzazione coatta di 400.000 persone.

Meno noto è che, ben prima del nazismo, una politica eugenetica, potentemente finanziata dal Carnegie Institute e dalla Rockefeller Foundation, era stata programmata negli Stati Uniti, in particolare in California, e che Hitler si era esplicitamente richiamato a quel modello.

Se la salute diventa l’oggetto di una politica statuale trasformata in biopolitica, allora essa cessa di essere qualcosa che riguarda innanzitutto la libera decisione di ciascun individuo e diventa un obbligo da adempiere a qualsiasi prezzo, non importa quanto alto.

Come Yan Thomas ha mostrato per la storia del diritto che il diritto e la vita non devono essere confusi, così è bene che anche diritto e medicina restino separati.

La medicina ha il compito di curare le malattie secondo i princìpi che segue da secoli e che il giuramento di Ippocrate sancisce irrevocabilmente.

Se, stringendo un patto necessariamente ambiguo e indeterminato con i governi, si pone invece in posizione di legislatore, non soltanto, come si è visto in Italia per la pandemia, ciò non conduce a risultati positivi sul piano della salute, ma può condurre a inaccettabili limitazioni delle libertà degli individui, rispetto alle quali le ragioni mediche possono offrire, come dovrebbe oggi essere per tutti evidente, il pretesto ideale per un controllo senza precedenti della vita sociale.


A che punto siamo? L’epidemia come politica

di  Giorgio Agambened. Quodlibet 2020

Agamben ha raccolto in questo libro tutti i suoi interventi sull’emergenza sanitaria che stiamo attraversando. Al di là di denunce e descrizioni puntuali, i testi propongono in varia forma una riflessione sulla Grande Trasformazione in corso nelle democrazie occidentali.

In nome della biosicurezza e della salute, il modello delle democrazie borghesi coi loro diritti, i loro parlamenti e le loro costituzioni sta ovunque cedendo il posto a un nuovo dispotismo in cui i cittadini sembrano accettare limitazioni delle libertà senza precedenti.

Di qui l’urgenza della domanda che dà il titolo alla raccolta: a che punto siamo?

Fino a quando saremo disposti a vivere in uno stato di eccezione che viene continuamente prolungato e di cui non si riesce a intravedere la fine?

In   https://www.nogeoingegneria.com   7/10/2020

Giorgio Agamben è filosofo e scrittore. La sua opera è tradotta e commentata in tutto il mondo. Con il progetto Homo sacer ha segnato una svolta nel pensiero politico contemporaneo.


 

Vietato respirare in Italia!

Niente libertà e sicurezza inesistente. La repressione ora viene chiamata prevenzione.

Da oggi nel belpaese il bavaglio all’aria aperta e al chiuso per adulti e bambini (da 6 anni in su) è obbligatorio 24 ore su 24; senza neanche bisogno di qualche sgangherato decreto amministrativo ( i dpcm dell’avvocato del popolo), basta la parola d’ordine del Conte bis, avallata dall’inquilino uscente del Quirinale.

Insomma, l’inutile mascherina sempre e ovunque: chi non si adegua a questa follia grulpiddina, paga in soldoni. La salute individuale e collettiva non c’entra nulla. Il pretesto è banale vale a dire virale e serve a traumatizzare e spaventare.

L’aria è un bene universale e respirare è un diritto naturale prima che costituzionale, fondamentale e irrinunciabile.

Il pericolo non è il nuovo coronavirus, bensì i politicanti italidioti telecomandati dal nuovo ordine globale, inclusa l’inesistente ed inconsistente “opposizione” (Salvini, Meloni, Berlusconi…).

Adesso il principio morale e politico a cui far riferimento è quello pronunciato all’Assemblea Costituente da Giuseppe Dossetti (1913- 1996):

«La resistenza individuale e collettiva agli atti dei poteri pubblici, che violino le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla presente Costituzione, è diritto e dovere di ogni cittadino».

Gianni Lannes, giornalista   http://sulatestagiannilannes.blogspot.com   7/10/2020

 

ANNO I DEL REGIME SANITARIO

 

 

Leggere, per approfondire, gli articoli ai “tag” :

mascherina

terrore sanitario

emergenza infinita

stato terapeutico

agamben

con gli interventi di numerosi esperti contro l’uso della mascherina.

In particolare leggete:  “La dittatura Covid”

e: La lettera dei medici belgi contro l’OMS

Terrore sanitario (40). Mascherina: un'idiozia dittatoriale!

Senza volto!

Informazione e pensiero per difendersi dal terrore di stato e dalla stupidità


 

 

 

 


Calendario eventi
ottobre 2020
L M M G V S D
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli