Questo fondamentale articolo sul progetto di dominio globale chiamato Grande Reset e “nascosto” dietro l’emergenza del virus va collegato a questo articolo: Il Grande Reset. La Grande Risistemazione (6). Ingegneria sociale e impoverimento., a  questo: Il Grande Reset. La Grande Risistemazione. (2) e a questo: Il Grande Reset. La Grande Risistemazione. (1).

E’ un articolo lungo, certo, e per questo occorre leggerlo con calma e attenzione ma permetterà di fare un ulteriore passo nella comprensione del progetto criminale e fascista che si dispiega dietro il paravento del virus. Per il covidiota tutto questo è negazionismo e complottismo: lui è mascherato, tamponato e, fra poco, vaccinato ed è contento così. Carne da macello pronta per il Grande Reset.

Per l’uomo libero e pensante questo importante articolo è un contributo prezioso per il suo senso critico e, speriamo, per la sua personale Resistenza. (GLR)


 

Il Grande Reset, la Quarta Rivoluzione Industriale, il Nuovo Normale, il New Normal, il Green New Deal o il New Deal per la Natura è un tentativo di colpo di stato capitalista globale su una scala mai immaginata prima.

È un tentativo di un’élite ultra-ricca di prendere il controllo totale su ogni aspetto del nostro mondo, delle nostre vite e dei nostri corpi. Agiscono alla luce del sole e con la piena collaborazione e connivenza di stati e governi.

Il futuro che ci hanno preparato è un inferno fascista transumanista in cui la libertà sarà abolita e gli esseri umani saranno fusi con i robot e trasformati in commodities per il beneficio dell’élite. C’è una sovrapposizione massiccia tra coloro che stanno dietro a questo piano insidioso e i capitalisti del clima.

Il Grande Reset non farà nulla per aiutare Madre Natura, ma sosterrà ed espanderà invece il sistema capitalistico industriale che la sta uccidendo.

La tecnocrazia globalista sta usando la pandemia di COVID 19 per spazzare via sia la responsabilità democratica che l’opposizione.  Non un solo settore della vita non sarà toccato da un grande piano di ricostruzione che mira a rimodellare tutto, dal governo all’energia, alla finanza, al cibo, all’istruzione, alla salute, alla proprietà, alla polizia e all’esercito – compreso il modo in cui trattiamo i nostri simili.

Di seguito è riportato un articolo di Paul Cudenec, pubblicato su The Winter Oak. A parte qualche commento di natura polemica o sarcastico di Cudenec, egli è riuscito a presentare un’ottima sintesi del pensiero di Klaus Schwab, il fondatore del World Economic Forum, e quindi della “filosofia” che guida il Grande Reset in atto.

 

 

Klaus Schwab e il suo Grande Reset fascista

( FONTE:  https://winteroak.org.uk/2020/10/05/klaus-schwab-and-his-great-fascist-reset/ )

 

Nato a Ravensburg nel 1938, Klaus Schwab è figlio della Germania di Adolf Hitler, un regime di polizia statale costruito sulla paura e sulla violenza, sul lavaggio del cervello e sul controllo, sulla propaganda e sulla menzogna, sull’industrialismo e l’eugenetica, sulla disumanizzazione e la “disinfezione”, su una visione agghiacciante e grandiosa di un “nuovo ordine” che sarebbe durato mille anni.

Paul Cudenec

Schwab sembra aver dedicato la sua vita a reinventare quell’incubo e a cercare di trasformarlo in una realtà non solo per la Germania ma per il mondo intero.

Peggio ancora, come le sue stesse parole confermano più e più volte, la sua visione fascista tecnocratica è anche una contorta visione transumanista, che fonderà gli esseri umani con le macchine in “curiose miscele di vita digitale e analogica”, che infetterà i nostri corpi con “Smart Dust”e in cui la polizia a quanto pare sarà in grado di leggere i nostri cervelli.

E, come vedremo, lui ei suoi complici stanno usando la crisi del Covid-19 per aggirare la responsabilità democratica, per scavalcare l’opposizione, per accelerare il loro programma e per imporlo al resto dell’umanità contro la nostra volontà in quello che definisce un “Grande Reset”.

Schwab non è, ovviamente, un nazista in senso classico, non essendo né nazionalista né antisemita, come testimonia il premio Dan David da un milione di dollari che gli è stato assegnato in Israele nel 2004.

Ma il fascismo del 21esimo secolo ha trovato diverse forme politiche con cui continuare il suo progetto centrale di rimodellamento dell’umanità per adattarla al capitalismo attraverso mezzi palesemente autoritari. Questo nuovo fascismo viene oggi promosso sotto le sembianze della governance globale, della biosicurezza, del “Nuovo Normale”, del “New Deal for Nature” e della “Quarta Rivoluzione Industriale”.

Schwab, l’ottantenne fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum, siede al centro di questa matrice come un ragno su una gigantesca ragnatela. Il progetto fascista originale, in Italia e Germania, era tutto incentrato sulla fusione di Stato e affari.

Klaus Schwab

Mentre il comunismo prevede che il Governo prenda il controllo delle imprese e dell’industria, il che – in teoria! – agisce nell’interesse del popolo, il fascismo utilizzava lo Stato per proteggere e far progredire gli interessi dell’élite benestante.

Schwab ha proseguito questo approccio in un quadro denazificato ( n.d.r apparentemente ) del secondo dopoguerra, quando nel 1971 ha fondato l’European Management Forum, che si riuniva ogni anno a Davos, in Svizzera.

Qui ha promosso la sua ideologia del capitalismo degli “stakeholder” in cui le imprese sono state portate a una più stretta cooperazione con il governo. “Il capitalismo degli stakeholder” è descritto dalla rivista economica Forbes come “l’idea che un’azienda si concentri sul soddisfare le esigenze di tutti i suoi stakeholder: clienti, dipendenti, partner, la comunità e la società nel suo insieme”.

Anche nel quadro di una particolare attività commerciale, si tratta sempre di un’etichetta vuota. Come osserva l’articolo di Forbes, in realtà significa solo che “le aziende possono continuare a spalare privatamente denaro ai loro azionisti e dirigenti, pur mantenendo una facciata pubblica di squisita sensibilità sociale e altruismo esemplare”.

Ma in un generale contesto sociale, il concetto di stakeholder è ancora più nefasto, scartando ogni idea di democrazia, di governo da parte del popolo, a favore del controllo da parte degli interessi aziendali. La società non è più considerata come una comunità di esseri viventi, ma come un’impresa, la cui redditività è l’unico scopo valido per le attività umane.


Schwab ha esposto questo programma già nel 1971, nel suo libro Moderne Unternehmensführung im Maschinenbau ( La moderna gestione aziendale in Ingegneria Meccanica), dove l’uso del termine “stakeholder” (die Interessenten) ha ridefinito in modo efficace gli esseri umani non come cittadini, individui liberi o membri di comunità, ma come partecipanti secondari di una gigantesca impresa commerciale.

Lo scopo della vita di ogni persona doveva essere “la crescita e la prosperità a lungo termine” per questa impresa – in altre parole, salvaguardare e accrescere la ricchezza dell’élite capitalista. Tutto ciò è diventato ancora più esplicito nel 1987, quando Schwab ha ribattezzato il suo European Management Forum il World Economic Forum.

Conte al WEF nel 2019

Il WEF si definisce sul proprio sito web come “la piattaforma globale per la cooperazione tra pubblico e privato”, con sostenitori che descrivono come si creanopartnership tra uomini d’affari, politici, intellettuali e altri leader della società per ‘definire, discutere e far progredire le questioni chiave dell’agenda globale’”.

Le “partnership” che il WEF crea sono finalizzate a sostituire la democrazia con una leadership globale di individui scelti e non eletti il cui dovere non è quello di servire il pubblico, ma di imporre la regola dell’1% a quel pubblico con la minima interferenza possibile da parte del resto di noi.

Nei libri che Schwab scrive per il largo consumo, si esprime nei cliché ambigui dello spin aziendale e del greenwashing. Vengono ripetuti continuamente gli stessi termini vuoti. In Shaping the Future of the Fourth Industrial Revolution: A Guide to Building a Better World Schwab parla di “inclusione degli stakeholder e distribuzione dei benefici” e di “partenariati sostenibili e inclusivi” che ci condurranno tutti verso un “futuro inclusivo, sostenibile e prospero”!

 

Ma la vera motivazione dietro a questa spacconata, la vera motivazione del suo “capitalismo degli azionisti”, che continuava a promuovere senza sosta alla conferenza di Davos del WEF del 2020, è il profitto e lo sfruttamento.

Ad esempio, nel suo libro The Fourth Industrial Revolution del 2016, Schwab scrive sull’Uberizzazione del lavoro e sui vantaggi che ne derivano per le aziende, in particolare per le start-up in rapida crescita nell’economia digitale: “Siccome le piattaforme human cloud classificano i lavoratori come lavoratori autonomi, essi sono – per il momento – liberi dall’obbligo di pagare salari minimi, tasse del datore di lavoro e prestazioni sociali”.

La stessa spietatezza capitalista traspare dal suo atteggiamento nei confronti delle persone che si avvicinano alla fine della loro vita lavorativa e che hanno bisogno di un meritato riposo:” L’invecchiamento è una sfida economica in quanto, a meno che non si aumenti drasticamente l’età pensionabile in modo che i membri più anziani della società possano continuare a contribuire alla forza lavoro (un imperativo economico che ha molti benefici economici), la popolazione in età lavorativa diminuisce parallelamente a un aumento della percentuale di anziani in stato di dipendenza”.

In questo mondo tutto si riduce alle sfide economiche, agli imperativi economici e ai benefici economici per la classe capitalista dominante.

 

Il mito del Progresso è stato a lungo utilizzato da quell’1% per convincere la gente ad accettare le tecnologie progettate per sfruttarci e controllarci e Schwab gioca su questo quando dichiara che “la Quarta Rivoluzione Industriale rappresenta una significativa fonte di speranza per continuare la scalata nello sviluppo umano che ha portato a un drammatico aumento della qualità della vita per miliardi di persone a partire dal 1800”.

Si entusiasma: “Anche se può non sembrare importante per chi di noi vive quotidianamente una serie di piccoli ma significativi mutamenti della vita, non è un cambiamento di poco conto: la Quarta Rivoluzione Industriale è un nuovo capitolo dello sviluppo umano, alla pari con la prima, la seconda e la terza Rivoluzione Industriale, ed è ancora una volta guidata dalla crescente accessibilità e interazione di un insieme di straordinarie tecnologie.”

Tuttavia, egli sa bene che la tecnologia non è ideologicamente neutrale, come alcuni vogliono far credere. Dice che le tecnologie e le società si modellano a vicenda.

Dopotutto, le tecnologie sono legate al modo in cui percepiamo le cose, a come prendiamo decisioni e al modo in cui pensiamo a noi stessi e agli altri. Sono collegate alle nostre identità, alle nostre visioni del mondo e ai nostri potenziali futuri. Dalle tecnologie nucleari alla corsa allo spazio, agli smartphone, ai social media, alle auto, alla medicina e alle infrastrutture, il valore delle tecnologie le rende politiche. Anche il concetto di nazione “sviluppata” si basa implicitamente sull’adozione delle tecnologie e su ciò che esse significano per noi, economicamente e socialmente “

La tecnologia, secondo i capitalisti, non ha mai riguardato il bene sociale, ma solo il profitto, e Schwab mette in chiaro che lo stesso vale per la sua Quarta Rivoluzione Industriale.

Quarta Rivoluzione Industriale

Si entusiasma: Le tecnologie della quarta rivoluzione industriale sono davvero dirompenti: ribaltano i modi esistenti di percepire, calcolare, organizzare, agire e fornire risultati. Rappresentano modi completamente nuovi di creare valore per organizzazioni e cittadini.

Nel caso in cui il significato di “creare valore” non fosse chiaro, egli fornisce alcuni esempi: “I droni rappresentano un nuovo tipo di dipendente che riduce i costi che lavora tra noi e svolge lavori che una volta coinvolgevano persone reali” e “ l’uso di algoritmi sempre più sofisticati sta rapidamente incrementando la produttività dei dipendenti, ad esempio nell’uso di chat bot per aumentare (e, sempre più, sostituire) il supporto di “live chat” per le interazioni con i clienti “.

Schwab entra nei dettagli sulle meraviglie del suo nuovo e coraggioso mondo in La quarta rivoluzione industriale .

Spiega: “ “Prima di quanto molti si aspettano, il lavoro di professioni così diverse come avvocati, analisti finanziari, medici, giornalisti, contabili, assicuratori o bibliotecari potrebbero essere parzialmente o completamente automatizzati…

La tecnologia sta progredendo così velocemente che Kristian Hammond, co-fondatore di Narrative Science, una società specializzata nella creazione di narrazioni automatizzate, prevede che entro la metà degli anni Venti il 90% delle notizie potrebbe essere generato da un algoritmo, la maggior parte senza alcun tipo di intervento umano (a parte la progettazione dell’algoritmo, ovviamente)”.

È questo imperativo economico che ispira l’entusiasmo di Schwab per una rivoluzione che sta cambiando radicalmente il modo in cui viviamo, lavoriamo e ci relazioniamo. Schwab si vanta della lirica della 4IR, e insiste sul fatto che essa è “diversa da qualsiasi altra cosa che l’umanità abbia mai sperimentato prima d’ora”.

Egli esalta: “Considerate le possibilità illimitate di avere miliardi di persone connesse tramite dispositivi mobili, dando vita a una potenza di elaborazione, capacità di archiviazione e accesso alla conoscenza senza precedenti. Oppure pensa all’incredibile confluenza di scoperte tecnologiche emergenti, che coprono campi di ampio respiro come l’intelligenza artificiale (AI), la robotica, l’Internet delle cose (IoT), i veicoli autonomi, la stampa 3D, la nanotecnologia, la biotecnologia, la scienza dei materiali, lo stoccaggio di energia e informatica quantistica, per citarne alcuni. Molte di queste innovazioni sono agli inizi, ma stanno già raggiungendo un punto di svolta nel loro sviluppo mentre si sviluppano e si amplificano a vicenda in una fusione di tecnologie attraverso il mondo fisico, digitale e biologico ”.

Si aspetta anche una maggiore istruzione online, che preveda “l’uso della realtà virtuale e della realtà aumentata” per “migliorare drasticamente i risultati educativi”, sensori “installati nelle case, nei vestiti e negli accessori, nelle città, nei trasporti e nelle reti energetiche”  e le smart cities, con le loro importanti “piattaforme dati”.

Tutto sarà intelligente e connesso a Internet”, afferma Schwab, e questo si estenderà agli animali, poiché “i sensori cablati nei bovini possono comunicare tra loro attraverso una rete di telefoni cellulari”. Ama l’idea di “fabbriche di cellule intelligenti” che potrebbero consentirela generazione accelerata di vaccini”  e “tecnologie dei big data”.

Tutto questo, ci assicura, “fornirà modi nuovi e innovativi per servire i cittadini e i clienti” e dovremo smettere di opporci alle imprese che traggono profitto dallo sfruttamento e dalla vendita di informazioni su ogni aspetto della nostra vita personale. “

“È fondamentale stabilire la fiducia nei dati e negli algoritmi utilizzati per prendere le decisioni”, sottolinea Schwab. Le preoccupazioni dei cittadini in merito alla privacy e all’accertamento della responsabilità nelle strutture aziendali e legali necessiteranno di un adeguamento del pensiero”.

 

Alla fine della giornata è chiaro che tutto questo entusiasmo tecnologico ruota esclusivamente intorno al profitto, o “valore”, come Schwab preferisce definirlo nel suo linguaggio aziendale del 21 ° secolo. Così la tecnologia blockchain sarà fantastica e provocherà “un’esplosione di asset negoziabili, poiché tutti i tipi di scambio di valore possono essere ospitati sulla blockchain”.

L’uso della tecnologia di registro distribuito (Ledger technology), aggiunge Schwab, “potrebbe essere la forza trainante dietro massicci flussi di valore nei prodotti e servizi digitali, fornendo identità digitali sicure che possono rendere i nuovi mercati accessibili a chiunque sia connesso a Internet”.

In generale, l’interesse della 4IR per l’élite imprenditoriale dominante è che “creerà fonti di valore completamente nuove” e “darà origine a ecosistemi di creazione di valore impossibili da immaginare con una mentalità bloccata nel terzo settore industriale Rivoluzione”.

Le tecnologie del 4IR, implementate tramite 5G, rappresentano minacce senza precedenti alla nostra libertà, come ammette Schwab: “Gli strumenti della quarta rivoluzione industriale consentono nuove forme di sorveglianza e altri mezzi di controllo che vanno contro società sane e aperte”.

Ma questo non gli impedisce di presentarli in una luce positiva, come quando dichiara che “la criminalità pubblica rischia di diminuire per la convergenza di sensori, telecamere, AI e software di riconoscimento facciale”. Descrive con un certo gusto come queste tecnologie “”possono invadere lo spazio finora riservato alle nostre menti, leggendo i nostri pensieri e influenzando il nostro comportamento”.

Schwab prevede: “Con il miglioramento delle capacità in questo settore, aumenterà la tentazione per le forze dell’ordine e i tribunali di utilizzare tecniche per determinare la probabilità di attività criminale, valutare la colpa o addirittura recuperare i ricordi direttamente dal cervello delle persone. Anche l’attraversamento di un confine nazionale potrebbe un giorno richiedere una scansione cerebrale dettagliata per valutare il rischio per la sicurezza di un individuo ”. (n.d.r. passo precursore il tampone che deve essere eseguito)

 

Ci sono momenti in cui il capo del WEF si lascia trasportare dalla sua passione per un futuro di fantascienza in cui “i viaggi spaziali umani a lunga distanza e la fusione nucleare sono all’ordine del giorno” e in cui “il prossimo modello di business di tendenza” potrebbe essere che qualcuno ” scambia l’accesso ai propri pensieri per guadagnare tempo di scrivere un articolo sui social media solo con i pensieri”.

Il discorso sul ” turismo spaziale” dal titolo “La quarta rivoluzione industriale e l’ultima frontiera” è quasi comico, così come il suo suggerimento che “un mondo pieno di droni offre un mondo pieno di possibilità”.  Ma più il lettore avanza nel mondo rappresentato nei libri di Schwab, meno fa ridere. La verità è che questa figura altamente influente, al centro del nuovo ordine globale in via di costituzione, è un vero e proprio transumanista che sogna la fine di una vita umana e di una comunità naturale e sana.

Schwab ripete questo messaggio più e più volte, come se volesse essere sicuro di averci adeguatamente avvertito. Scrive: “Le strabilianti innovazioni innescate dalla quarta rivoluzione industriale, dalla biotecnologia all’intelligenza artificiale, stanno ridefinendo il significato di essere umano .

Il futuro metterà alla prova la nostra comprensione di cosa significhi essere umani, sia da un punto di vista biologico che sociale”. Già i progressi nelle neurotecnologie e nelle biotecnologie ci costringono a chiederci cosa significhi essere umani”.

Lo spiega in modo più dettagliato in Shaping the Future of the Fourth Industrial Revolution: “Le tecnologie della Quarta Rivoluzione Industriale non smetteranno di diventare parte del mondo fisico che ci circonda – diventeranno parte di noi. In effetti, alcuni di noi sentono già che i nostri smartphone sono diventati un’estensione di noi stessi. I dispositivi esterni odierni, dai computer indossabili alle cuffie per la realtà virtuale, diventeranno quasi certamente impiantabili nel nostro corpo e nel nostro cervello. Gli esoscheletri e le protesi aumenteranno la nostra potenza fisica, mentre i progressi nelle neurotecnologie miglioreranno le nostre capacità cognitive. Diventeremo più capaci di manipolare i nostri geni e quelli dei nostri figli. Questi sviluppi sollevano domande profonde: dove tracciamo il confine tra uomo e macchina? Cosa significa essere umani?

Un’intera sezione di questo libro è dedicata al tema “Alterare l’Essere Umano”. Qui sbava sulla “capacità delle nuove tecnologie di diventare letteralmente parte di noi” e invoca un futuro cyborg che coinvolge “curiosi mix di vita digitale e analogica che ridefiniranno la nostra stessa natura”.

Scrive:Queste tecnologie opereranno all’interno della nostra biologia e cambieranno il modo in cui ci interfacciamo con il mondo. Sono in grado di oltrepassare i confini del corpo e della mente, potenziare le nostre capacità fisiche e persino avere un impatto duraturo sulla vita stessa. Nessuna violazione sembra andare troppo oltre per Schwab, che sogna “microchip attivi impiantabili che rompono la barriera cutanea del nostro corpo”, “tatuaggi intelligenti”, “calcolo biologico” e “organismi progettati su misura”.

È felice di annunciare che “sensori, interruttori di memoria e circuiti possono essere codificati in comuni batteri intestinali umani”, che “Smart Dust, schiere di computer pieni di antenne, ognuna molto più piccola di un granello di sabbia, possono ora organizzarsi all’interno del corpo” e che “i dispositivi impiantati aiuteranno probabilmente anche a comunicare pensieri – normalmente espressi verbalmente attraverso uno smartphone ‘incorporato’ – e pensieri o stati d’animo potenzialmente inespressi leggendo le onde cerebrali e altri segnali”.

La “biologia sintetica” è all’orizzonte nel mondo 4IR di Schwab, dando ai governanti capitalisti tecnocratici del mondo “la capacità di personalizzare gli organismi scrivendo il DNA ”.

L’idea delle neurotecnologie, in cui gli esseri umani avranno memorie completamente artificiali impiantate nel cervello, è sufficiente a far sentire un po ‘male alcuni di noi, così come “la prospettiva di collegare il nostro cervello alla realtà virtuale attraverso modem corticali, impianti o nanobot”.
È di poco conforto sapere che questo è tutto – ovviamente! – nell’interesse del profitto capitalistico, poiché “annuncia nuove industrie e sistemi per la creazione di valore” e “rappresenta un’opportunità per creare interi nuovi sistemi di valore nella Quarta Rivoluzione Industriale”.

E che dire della “bioprinting dei tessuti organici” o del suggerimento che “gli animali potrebbero essere potenzialmente progettati per produrre farmaci e altre forme di trattamento”? Qualcuno ha obiezioni etiche?

Tutto ciò è evidentemente positivo per Schwab, che è felice di annunciare: “Il giorno in cui le mucche sono progettate per produrre nel loro latte un elemento di coagulazione del sangue [sic], che manca agli emofiliaci, non è lontano. I ricercatori hanno già iniziato a progettare i genomi dei maiali con l’obiettivo di far crescere organi adatti al trapianto umano”.

Diventa ancora più inquietante. Fin dal sinistro programma di eugenetica della Germania nazista, nella quale è nato Schwab, questa è una scienza che è stata considerata oltre ogni immaginazione dalla società umana.

Ma ora, evidentemente, egli sente che l’eugenetica è destinata ad una rinascita, annunciando per quanto riguarda l’editing genetico: “Il fatto che ora sia molto più facile manipolare con precisione il genoma umano all’interno di embrioni vitali significa che è probabile che in futuro vedremo l’avvento di neonati progettati che possiedono particolari caratteristiche o che sono resistenti a una specifica malattia”…

Nel famigerato trattato transumanista del 2002 I, Cyborg , Kevin Warwick predice: “Gli esseri umani saranno in grado di evolversi sfruttando la superintelligenza e le abilità extra offerte dalle macchine del futuro, unendosi a loro. Tutto ciò indica lo sviluppo di una nuova specie umana, conosciuta nel mondo della fantascienza come “cyborg”. Non significa che tutti debbano diventare un cyborg. Se sei felice del tuo stato di essere umano, allora così sia, puoi rimanere come sei. Ma attenzione: proprio come noi umani ci siamo separati dai nostri cugini scimpanzé anni fa, così i cyborg si separeranno dagli umani. Coloro che rimangono come esseri umani rischiano di diventare una sottospecie. Saranno, effettivamente, gli scimpanzé del futuro ”.

Schwab sembra accennare allo stesso artificiale trans-umana “superiore” e potenziata che si separa dalla gentaglia nata naturalmente, in questo passaggio particolarmente dannativo della Quarta Rivoluzione Industriale:

Siamo alle soglie di un radicale cambiamento sistemico che richiede agli esseri umani di adattarsi continuamente. Di conseguenza, possiamo assistere a un crescente grado di polarizzazione nel mondo, segnato da coloro che abbracciano il cambiamento contro coloro che vi si oppongono…. Questo dà origine a una disuguaglianza che va oltre quella sociale descritta in precedenza. Questa disuguaglianza ontologica separerà coloro che si adattano da coloro che resistono: i vincitori e i vinti materiali in tutti i sensi delle parole. I vincitori possono anche beneficiare di una qualche forma di radicale miglioramento umano generato da alcuni segmenti della quarta rivoluzione industriale (come l’ingegneria genetica) da cui i perdenti saranno privati. Questo rischia di creare conflitti di classe e altri scontri diversi da qualsiasi cosa abbiamo visto prima ”.


Le feste annuali del WEF di Schwab a Davos sono state a lungo accolte dalle proteste anticapitaliste e, nonostante l’attuale paralisi della sinistra radicale, egli è ben consapevole della possibilità di una rinnovata e forse più ampia opposizione al suo progetto, con il rischio di ” reazioni di risentimento, timore e contraccolpi politici”.

Nel suo libro più recente fornisce un contesto storico, osservando che “l’antiglobalizzazione era forte nel periodo precedente al 1914 e fino al 1918, poi meno durante gli anni ’20, ma si è riaccesa negli anni ’30 a seguito della Grande Depressione”. Egli nota che all’inizio degli anni 2000 “il contrasto politico e sociale contro la globalizzazione si è rafforzato senza sosta”, afferma che negli ultimi due anni il “disordine sociale” si è diffuso in tutto il mondo, citando i Gilets Jaunes in Francia tra gli altri movimenti, e invocando lo “scenario cupo” che “lo stesso potrebbe accadere di nuovo”.

Allora, come può un onesto tecnocrate srotolare il suo futuro preferito per il mondo in assenza del consenso dell’opinione pubblica mondiale? Come possono Schwab e i suoi amici miliardari imporre la loro società preferita al resto di noi? Una risposta è data dall’ incessante lavaggio del cervello della propaganda dei mass media e del mondo accademico, di proprietà dell’1% dell’élite – che amano chiamare “una narrazione”.

Per Schwab, la riluttanza della maggior parte dell’umanità a saltare a bordo del suo 4IR express riflette la tragedia che “al mondo manca una narrazione coerente, positiva e comune che delinei le opportunità e le sfide della quarta rivoluzione industriale, una narrazione che è essenziale se vogliamo dare forza a un insieme diversificato di individui e comunità ed evitare un contraccolpo popolare contro i cambiamenti fondamentali in atto”.

E aggiunge: “È quindi fondamentale investire attenzione ed energia nella cooperazione fra più stakeholder al di là dei confini accademici, sociali, politici, nazionali e industriali. Queste interazioni e collaborazioni sono necessarie per creare narrazioni positive, comuni e piene di speranza, che consentano a individui e gruppi di tutte le parti del mondo di partecipare alle trasformazioni in corso e di trarne vantaggio”.

Una di queste “narrazioni” maschera le ragioni per cui la tecnologia 4IR deve essere installata ovunque nel mondo il più presto possibile. Schwab è frustrato dal fatto che “più della metà della popolazione mondiale – circa 3,9 miliardi di persone – non può ancora accedere a Internet”, con l’85% della popolazione dei paesi in via di sviluppo che rimane offline e quindi fuori portata, rispetto al 22% nel mondo sviluppato.

Lo scopo effettivo della 4IR è quello di sfruttare queste popolazioni a scopo di lucro attraverso il tecnoimperialismo globale, ma ovviamente questo non può essere affermato nella “narrativa” propagandistica necessaria per vendere il piano. La loro missione deve invece essere presentata, come fa lo stesso Schwab, come un tentativo di “sviluppare tecnologie e sistemi che servano a distribuire valori economici e sociali come il reddito, le opportunità e la libertà a tutti gli stakeholder”.

Si pone religiosamente come guardiano del risveglio dei valori liberali, dichiarando: “Pensare in modo inclusivo va oltre il pensare alla povertà o alle comunità emarginate semplicemente come un’aberrazione – qualcosa che possiamo risolvere. Ci costringe a renderci conto che “i nostri privilegi si trovano sulla stessa mappa della loro sofferenza”. Va oltre il reddito e i diritti, anche se questi rimangono importanti. Invece, l’inclusione degli stakeholder e la distribuzione dei benefici amplia le libertà per tutti”. (63)

La stessa tecnica, di una finta “narrazione” progettata per ingannare i cittadini di pensiero buono a sostenere uno schema capitalista imperialista, è stata ampiamente utilizzata per quanto riguarda il cambiamento climatico.


Schwab è un grande fan di Greta Thunberg, naturalmente, che si era appena alzata dal marciapiede dopo la sua protesta da ragazza sola a Stoccolma quando è stata portata a parlare al WEF a Davos.

È anche un sostenitore della proposta del New Deal for Nature globale, in particolare attraverso Voice for the Planet, che è stata lanciata al WEF di Davos nel 2019 dal Global Shapers, un’organizzazione giovanile creata da Schwab nel 2011 e descritta correttamente dal giornalista investigativo Cory Morningstar come “un’esibizione grottesca di frodi aziendali mascherate da bontà”.

Nel suo libro del 2020, Schwab espone effettivamente il modo in cui il falso “attivismo giovanile” viene utilizzato per promuovere i suoi obiettivi capitalistici. Scrive, in un passaggio molto franco: “L’attivismo giovanile sta aumentando in tutto il mondo, essendo rivoluzionato dai social media che aumentano la mobilitazione in una misura che prima sarebbe stata impossibile. Prende molte forme diverse, dalla partecipazione politica non istituzionalizzata alle manifestazioni e alle proteste, e affronta questioni diverse come il cambiamento climatico, le riforme economiche, l’uguaglianza di genere e i diritti LGBTQ. La giovane generazione è decisamente all’avanguardia del cambiamento sociale. Non c’è dubbio che sarà il catalizzatore del cambiamento e una sorgente di stimolo cruciale per il Grande Reset”.

In realtà, naturalmente, il futuro ultra-industriale proposto da Schwab non è affatto verde. Non è la natura che gli interessa, ma il “capitale naturale” e “l’incentivazione degli investimenti nei mercati di frontiera verdi e sociali”.

Inquinamento equivale a profitto, e la crisi ambientale è solo un’altra opportunità di business, lo descrive nella Quarta Rivoluzione Industriale: “In questo nuovo rivoluzionario sistema industriale, l’anidride carbonica si trasforma da inquinante ad effetto serra in un vantaggio, e il sistema economico di cattura e stoccaggio del carbonio si trasforma da pozzo di costi e di inquinamento in un impianto di produzione redditizio per la cattura e l’uso del carbonio. Ancora più importante, consentirà alle aziende, ai governi e ai cittadini di diventare più consapevoli e impegnati con strategie per rigenerare attivamente il capitale naturale, permettendo usi intelligenti e rigenerativi del capitale naturale per guidare la produzione e il consumo sostenibili e dare spazio alla biodiversità per il recupero di aree minacciate”.

Le “soluzioni” di Schwab per i danni devastanti al nostro mondo naturale causati dal capitalismo industriale fanno ricorso allo stesso veleno, se non peggio.

La geoingegneria è tra i suoi preferiti: “Le proposte includono l’installazione di specchi giganti nella stratosfera per deviare i raggi del sole, la disseminazione di sostanze chimiche nell’atmosfera per aumentare le precipitazioni (n.d.r. e non è tutto qui) e il dispiegamento di macchinari di grandi dimensioni per rimuovere l’anidride carbonica dall’aria”. E aggiunge: “Attualmente si stanno immaginando nuovi approcci attraverso la combinazione delle tecnologie della Quarta Rivoluzione Industriale, come le nanoparticelle e altri materiali avanzati”.

Come tutte le imprese e le ONG pro-capitaliste che sostengono il pericoloso New Deal for Nature, Schwab è completamente e profondamente anti-verde. Dal suo punto di vista, la “possibilità ultima” di un’energia “pulita” e “sostenibile” include la fusione nucleare e lui attende con ansia il giorno in cui i satelliti “copriranno il pianeta con collegamenti che potrebbero aiutare a connettere gli oltre 4 miliardi di persone ancora prive di accesso online”. Schwab si rammarica inoltre molto di tutta quella burocrazia che impedisce la marcia senza ostacoli degli alimenti geneticamente modificati, avvertendo che “la sicurezza alimentare globale sarà raggiunta, in ogni caso, solo se le norme sugli alimenti geneticamente modificati saranno adattate in modo da riflettere la realtà che la modificazione genetica offre con un metodo preciso, efficiente e sicuro per migliorare le colture”.


Il nuovo ordine previsto da Schwab abbraccerà il mondo intero e quindi è necessaria una governance globale per imporlo, come egli afferma ripetutamente. Insiste sul fatto che il suo futuro preferito “si realizzerà solo attraverso una migliore governance globale”. “È indispensabile una qualche forma di governance globale reale”.

La problematica che abbiamo oggi è quella di un possibile “deficit di ordine globale”, egli sostiene, aggiungendo che probabilmente l’Organizzazione Mondiale della Sanitàè afflitta da risorse limitate e in diminuzione”. Quello che in realtà sta dicendo è che la sua società 4IR/grande reset potrà funzionare solo se imposta simultaneamente in tutto il pianeta, altrimenti “rimarremo paralizzati nei nostri tentativi di affrontare e rispondere alle sfide globali”. Lo ammette: “In poche parole, la governance globale è il nodo di tutte queste altre questioni”.

Questo impero totalizzante disapprova fortemente la decisione di una determinata popolazione che decide democraticamente di prendere una strada diversa. Costoro “corrono il rischio di essere isolati dalle norme globali, ponendo queste nazioni a rischio di diventare gli ultimi della nuova economia digitale”, avverte Schwab.

Ogni sentimento di autonomia e di appartenenza ad una comunità di base è visto come una minaccia dal punto di vista imperialista di Schwab e dovrebbe essere sradicato sotto la 4IR. E scrive: “Le persone erano abituate a identificare la loro vita con un luogo, un’etnia, una cultura particolare o anche una lingua. L’avvento dello scambio online e la maggiore visibilità delle idee di altre culture fanno sì che le identità siano oggi più adattabili di quanto non lo fossero un tempo… La combinazione di modelli storici di migrazione e di connettività a basso costo sta ridefinendo le strutture familiari”.

La democrazia vera e propria rientra essenzialmente nella stessa categoria per Schwab. Egli sa che la maggior parte delle persone non accetterà di buon grado piani per distruggere le loro vite e schiavizzarle in un sistema globale di sfruttamento tecno-fascista, quindi non è possibile dare loro voce in capitolo.

Per questo motivo il concetto di “stakeholder” è stato così importante per il progetto di Schwab. Come già discusso in precedenza, si tratta della negazione della democrazia, con l’accento posto invece su “raggiungere i gruppi di stakeholder per trovare una soluzione”. Se il pubblico, le persone, sono incluse in questo processo è soltanto ad un livello di facciata. L’ordine del giorno è già stato prestabilito e le decisioni sono state prese dietro le quinte.

Schwab lo ammette efficacemente quando scrive: “Dobbiamo ristabilire un dialogo tra tutti gli stakeholder per garantire una comprensione reciproca che costruisca ulteriormente un clima di fiducia tra le autorità di regolamentazione, le organizzazioni non governative, i professionisti e gli scienziati. Anche il pubblico deve essere preso in considerazione, perché deve partecipare alla formazione democratica degli sviluppi biotecnologici che riguardano la società, gli individui e le culture”.

Così “anche” il pubblico deve essere considerato, come un pensiero a posteriori. Nemmeno consultato direttamente, solo “considerato”! E il ruolo delle persone, delle dimostrazioni, sarà semplicemente quello di “partecipare” alla “formazione” degli sviluppi biotecnologici. La possibilità che il pubblico respinga effettivamente l’idea stessa di sviluppo biotecnologico è stata completamente eliminata grazie ai presupposti volutamente integrati nella formula degli stakeholder.

Lo stesso messaggio è implicito nell’intestazione  della conclusione di Schwab di Shaping the Future of the Fourth Industrial Revolution: “Cosa puoi fare per dare forma alla Quarta Rivoluzione Industriale”. La tecno-tirannia non può essere sfidata o fermata, ma solo “plasmata”.


Schwab usa il termine “leadership dei sistemi” per descrivere il modo profondamente antidemocratico con cui l’1% impone la sua agenda a tutti noi, senza darci la possibilità di dire “no”. Scrive: “La leadership del sistema consiste nel coltivare una visione condivisa del cambiamento – insieme a tutti gli stakeholder della società globale – e poi agire in base a tale visione per modificare come e per chi il sistema offre i suoi benefici. La leadership del sistema richiede l’azione di tutti gli stakeholder, compresi gli individui, i leader aziendali, gli influenzatori sociali e i responsabili politici”. Egli definisce questo controllo dall’alto verso il basso a tutto spettro come “la gestione del sistema dell’esistenza umana”, sebbene altri potrebbero preferire il termine “totalitarismo”.

Uno dei tratti distintivi del fascismo storico in Italia e in Germania era la sua insofferenza per le scomode restrizioni imposte alla classe dirigente (“la Nazione” in linguaggio fascista) dalla democrazia e dal liberalismo politico. Tutto questo doveva essere spazzato via per consentire un Blitzkrieg di accelerata “modernizzazione”.

Vediamo riaffiorare lo stesso spirito negli appelli di Schwab per una “governance agile” in cui egli sostiene che “il ritmo dello sviluppo tecnologico e una serie di caratteristiche delle tecnologie rendono inadeguati i precedenti cicli e processi di policy-making”. Scrive: “L’idea di riformare i modelli di governance per far fronte a nuove tecnologie non è nuova, ma l’urgenza di farlo è di gran lunga superiore considerando la potenza delle tecnologie emergenti di oggi… il concetto di governance agile cerca di conciliare l’agilità, la fluidità, la flessibilità e l’adattabilità delle tecnologie stesse e degli attori del settore privato che le adottano”.

La frase “riformare dei modelli di governo per far fronte alle nuove tecnologie” rivela davvero tutto qui. Come nel fascismo, le strutture sociali devono essere reinventate per soddisfare le esigenze del capitalismo e delle sue tecnologie orientate al profitto.

Schwab spiega che la sua “agile governance” comprenderebbe la creazione di cosiddetti laboratori di politica – “spazi protetti all’interno del governo con un esplicito mandato di sperimentare nuovi metodi di sviluppo delle politiche utilizzando principi agili” – e “l’incoraggiamento di collaborazioni tra governi e imprese per creare ‘sandbox di sviluppo’ e ‘banchi di prova sperimentali’ per sviluppare normative utilizzando approcci iterativi, intersettoriali e flessibili”.


Per Schwab, il ruolo dello Stato è quello di far progredire gli obiettivi capitalistici, non di tenerli sotto controllo. Mentre è tutto a favore del ruolo dello Stato nel consentire un’acquisizione aziendale della nostra vita, è meno propenso alla sua funzione di regolamentazione, che potrebbe rallentare l’afflusso di profitti nelle mani dei privati, e quindi prevede “lo sviluppo di ecosistemi di regolatori privati, competendo sui mercati”.

Nel suo libro del 2018, Schwab affronta il problema delle normative fastidiose e di come “superare questi limiti” nel contesto dei dati e della privacy. Egli propone “accordi di condivisione dei dati tra pubblico e privato che “rompono il vetro in caso di emergenza”. Questi entrano in gioco solo in circostanze di emergenza pre-concordate (come una pandemia) e possono contribuire a ridurre i ritardi e a migliorare il coordinamento dei primi soccorritori, consentendo temporaneamente una condivisione dei dati che in circostanze normali sarebbe illegale”.

Stranamente, due anni dopo c’è stata davvero una “pandemia” e queste “circostanze di emergenza pre-concordate” sono diventate realtà. Non doveva essere una sorpresa per Schwab, visto che il suo WEF aveva coospitato la famigerata conferenza Event 201 nell’ottobre 2019, che ha dato vita a una pandemia di coronavirus fittizia.

 

E ha perso poco tempo per far uscire un nuovo libro, Covid-19: The Great Reset, co-autore insieme a Thierry Malleret, che gestisce una cosa chiamata il Monthly Barometer, “una concisa analisi predittiva fornita agli investitori privati, ai CEO globali e ai responsabili delle opinioni e delle decisioni”.

Pubblicato nel luglio 2020, il libro punta a far avanzare “congetture e idee su come potrebbe e forse dovrebbe essere il mondo post-pandemico”. Schwab e Malleret ammettono che Covid-19 è “una delle pandemie meno mortali che il mondo abbia conosciuto negli ultimi 2000 anni”, aggiungendo che “le conseguenze di COVID-19 in termini di salute e mortalità saranno blande rispetto alle pandemie precedenti”. Essi aggiungono: “Non costituisce una minaccia esistenziale, né uno shock che lascerà la sua impronta sulla popolazione mondiale per decenni”.

Eppure, sorprendentemente, questa “lieve” malattia viene presentata contemporaneamente come la scusa per un cambiamento sociale senza precedenti all’insegna del “Grande Reset! E sebbene dichiarino esplicitamente che Covid-19 non costituisce un grande “shock”, gli autori usano ripetutamente lo stesso termine per descrivere l’impatto più vasto della crisi.

Schwab e Malleret collocano Covid-19 in una lunga tradizione di eventi che hanno facilitato cambiamenti improvvisi e significativi nelle nostre società. In particolare evocano la Seconda Guerra Mondiale: “La Seconda Guerra Mondiale è stata la quintessenza della guerra di trasformazione, innescando non solo cambiamenti fondamentali nell’ordine globale e nell’economia globale, ma anche cambiamenti radicali negli atteggiamenti e nelle credenze sociali che alla fine hanno aperto la strada a politiche e provvedimenti contrattuali sociali radicalmente nuovi (come le donne che entrano nella forza lavoro prima ancora di diventare elettori). Ci sono ovviamente differenze fondamentali tra una pandemia e una guerra (che considereremo in dettaglio nelle pagine seguenti), ma l’entità del loro potere di trasformazione è paragonabile. Entrambe hanno il potenziale di essere una crisi trasformativa di proporzioni prima inimmaginabili”.

Si uniscono anche a molti “teorici della cospirazione” contemporanei nel fare un confronto diretto tra Covid-19 e l’11 settembre: ” Così è successo dopo gli attentati terroristici dell’11 settembre 2001. In tutto il mondo, nuove misure di sicurezza come l’impiego di telecamere diffuse, la richiesta di carte d’identità elettroniche e la registrazione dei dipendenti o dei visitatori in entrata e in uscita sono diventate la norma. All’epoca queste misure erano considerate estreme, ma oggi sono utilizzate ovunque e considerate “normali”””.

Quando un tiranno dichiara il diritto di governare su un popolo senza tener conto delle sue opinioni, ama giustificare la sua dittatura con la pretesa di avere il diritto morale di farlo perché è “illuminato”.

Lo stesso vale per la tirannia alimentata da Covid del Grande Reset di Schwab, che il libro classifica come “leadership illuminata”, aggiungendo: “Alcuni leader e decision-maker che erano già in prima linea nella lotta contro il cambiamento climatico potrebbero voler approfittare dello shock inflitto dalla pandemia per attuare cambiamenti ambientali più ampi e duraturi. Essi, in effetti, faranno ‘buon uso’ della pandemia non lasciando che la crisi vada sprecata”.

L’élite capitalistica mondiale al potere ha certamente fatto del suo meglio per “approfittare dello shock provocato dal panico”, assicurandoci tutti fin dai primi giorni dell’epidemia che, per qualche imperscrutabile ragione, niente nella nostra vita potrà mai più essere lo stesso. Schwab e Malleret sono, inevitabilmente, entusiasti dell’uso del New Normal, nonostante abbiano ammesso che il virus è stato sempre e solo “blando”.

È il nostro momento decisivo”, cantano. “Molte cose cambieranno per sempre”. “Un nuovo mondo emergerà”. “Lo sconvolgimento sociale scatenato da COVID-19 durerà per anni, e forse generazioni”. “Molti di noi stanno riflettendo quando le cose torneranno alla normalità. La risposta breve è: mai ”.

Arrivano addirittura a proporre una nuova separazione storica tra “l’era pre-pandemica” e “il mondo post-pandemico”.

Scrivono: ” Sono in arrivo radicali cambiamenti di tale conseguenza che alcuni esperti si sono riferiti ad un’era ‘prima del coronavirus’ (BC) e ‘dopo il coronavirus’ (AC). Continueremo a rimanere sorpresi sia dalla rapidità che dalla natura inaspettata di questi cambiamenti – poiché sono in conflitto tra loro, provocheranno conseguenze di secondo, terzo, quarto e più ordine, effetti a cascata ed esiti imprevisti. In questo modo, daranno forma a un “nuovo normale” radicalmente diverso da quello che ci lasceremo progressivamente alle spalle. Molte delle nostre convinzioni e delle nostre ipotesi su come il mondo potrebbe o dovrebbe apparire saranno spezzate nel processo”.

Già nel 2016, Schwab guardava avanti a “nuovi modi di usare la tecnologia per cambiare il comportamento” e a predire: “La portata e l’ampiezza della rivoluzione tecnologica in corso porterà a cambiamenti economici, sociali e culturali di proporzioni così fenomenali da essere quasi impossibili da immaginare”.

Un modo per far avanzare la sua agenda tecnocratica era, come abbiamo notato, attraverso le false “soluzioni” al cambiamento climatico proposte dai falsi capitalisti verdi. Sotto il titolo “Reset ambientale”, Schwab e Malleret dichiarano: “A prima vista, la pandemia e l’ambiente potrebbero sembrare solo dei cugini imparentati lontanamente, ma sono molto più vicini e più intrecciati di quanto si pensi”. Una delle connessioni è che sia la “crisi climatica” che la crisi legata ai virus sono state usate dal WEF e simili per spingere la loro agenda di governance globale. Come hanno affermato Schwab e il suo coautore, “sono di natura globale e quindi possono essere affrontate in modo adeguato solo in modo coordinato a livello globale”.


Un altro collegamento è il modo in cui “l’economia post-pandemica” e “l’economia verde” comportano profitti massicci per gran parte dei medesimi settori del grande business. Covid-19 è stata evidentemente una grande opportunità per quei capitalisti che sperano di incassare la distruzione dell’ambiente, con Schwab e Malleret a riferire: “La convinzione che le strategie dell’ESG abbiano beneficiato della pandemia e che abbiano maggiori probabilità di beneficiarne ulteriormente è confermata da vari sondaggi e rapporti. I primi dati mostrano che nel primo trimestre del 2020 il settore della sostenibilità ha superato i tradizionali finanziamenti”.

Gli squali capitalisti del cosiddetto “settore della sostenibilità” si stanno strofinando le mani con entusiasmo alla prospettiva di tutti i soldi che stanno per guadagnare dal grande azzeramento fascista di facciata di Covid, in questo modo lo Stato è strumentalizzato per finanziare i suoi ipocriti profitti.

Avvertono Schwab e Malleret: “La chiave per concentrare il capitale privato in nuove risorse di valore economico positivo per la natura sarà quella di spostare le principali leve politiche e gli incentivi della finanza pubblica in un più ampio rilancio dell’economia”.

Un Documento programmatico preparato da Systemiq in collaborazione con il World Economic Forum stima che la costruzione di un’economia positiva per la natura potrebbe rappresentare più di 10 trilioni di dollari all’anno entro il 2030… Il ripristino dell’ambiente non dovrebbe essere visto come un costo, ma piuttosto come un investimento che genererà attività economica e opportunità di lavoro”.

Considerando l’intreccio tra la crisi climatica e quella del Covid, si potrebbe ipotizzare che il piano inizialmente previsto sia stato quello di far passare il ripristino del Nuovo Normale a seguito della crisi climatica. In considerazione dell’intreccio tra la crisi climatica e quella di Covid, come delineato da Schwab, si potrebbe ipotizzare che il piano originario fosse quello di portare avanti la riorganizzazione della normalità sulla scia della crisi climatica.

Ma evidentemente, tutta quella pubblicita’ per Greta Thunberg e per la Extinction Rebellion, sostenuta dalle grandi imprese, non ha scatenato abbastanza panico sociale da giustificare tali misure. Covid-19 serve perfettamente agli scopi di Schwab, poiché l’urgenza immediata che presenta permette di velocizzare e accelerare l’intero processo senza il dovuto controllo.

Questa differenza cruciale tra le rispettive dimensioni temporali di una pandemia e quelle del cambiamento climatico e della degradazione della natura significa che il rischio di una pandemia richiede un’azione immediata, seguita da un risultato rapido, mentre il cambiamento climatico e la degradazione della natura richiedono anch’essi un’azione immediata, ma il risultato (o “ricompensa futura”, nel gergo degli economisti) seguirà solo con un certo ritardo”.

Per Schwab e i suoi amici, Covid-19 è il grande acceleratore di tutto ciò che da anni volevano imporci. Come dicono lui e Malleret: “La pandemia sta chiaramente esasperando e accelerando le tendenze geopolitiche che erano già evidenti prima che la crisi scoppiasse”. “La pandemia segnerà un punto di svolta accelerando questa transizione. Ha cristallizzato la vicenda e ha reso impossibile il ritorno allo status quo pre-pandemico”.

Riescono a malapena a nascondere la soddisfazione per la direzione che la società sta prendendo: “La pandemia accelererà ulteriormente l’innovazione, catalizzando i cambiamenti tecnologici già in atto (paragonabili all’effetto di esacerbazione che ha avuto su altre questioni globali e domestiche di fondo) e ” potenziando” ogni business digitale o la dimensione digitale di qualsiasi business”. “Con la pandemia, la ‘trasformazione digitale’ a alla quale tanti analisti si riferiscono da anni, senza essere esattamente sicuri di cosa significhi, ha trovato il suo catalizzatore. Uno dei principali effetti del confinamento sarà l’espansione e la progressione del mondo digitale in modo decisivo e molto spesso permanente.

Nell’aprile del 2020, diversi tecno leader hanno osservato quanto rapidamente e radicalmente siano state create le necessità causate dalla crisi sanitaria che hanno scatenato l’adozione di un’ampia gamma di tecnologie. Nell’arco di un solo mese, è risultato che molte aziende in termini di accettazione di tecnologie sono avanzate rapidamente di parecchi anni”.


Inutile dirlo, i lockdown in tutto il mondo hanno fornito un grande impulso finanziario alle aziende che offrono acquisti online. Gli autori raccontano: “I consumatori hanno bisogno di prodotti e, se non possono fare acquisti, inevitabilmente ricorreranno all’acquisto online. Man mano che l’abitudine prende piede, le persone che non avevano mai fatto acquisti online prima d’ora si sentiranno più a loro agio a farlo, mentre le persone che prima facevano acquisti online parzialmente faranno presumibilmente più affidamento su di essa. Questo è stato reso evidente durante i lockdown. Negli Stati Uniti, Amazon e Walmart hanno assunto complessivamente 250.000 lavoratori per tenere il passo con la crescita della domanda e hanno costruito enormi infrastrutture per la fornitura online. Questa crescita accelerata dell’e-commerce significa che i giganti dell’industria del commercio al dettaglio online usciranno dalla crisi ancora più forti di quanto non fossero nell’era pre-pandemica”.

Aggiungono: “Man mano che sempre più cose e servizi di vario tipo ci vengono forniti tramite i nostri cellulari e computer, le aziende di settori così diversi come l’e-commerce, le operazioni senza contatto, i contenuti digitali, i robot e le consegne di droni (per citarne solo alcuni) prospereranno. Non è un caso che aziende come Alibaba, Amazon, Netflix o Zoom siano emerse come ‘vincitrici’ dai lockdown.

A titolo di corollario, potremmo sostenere che non è ” per caso” che i governi che sono stati catturati e controllati dalle grandi imprese, grazie ad un gruppo come il WEF, hanno imposto una “nuova realtà” sotto la quale le grandi imprese risultano essere le “vincitrici”…

Le buone notizie ispirate da Covid non si arrestano più, per tutti i settori di attività che possono beneficiare della Quarta Repressione Industriale.

La pandemia può rivelarsi una manna per l’educazione online, sostengono Schwab e Malleret. “In Asia, il passaggio all’educazione online è stato particolarmente significativo, con un forte aumento delle iscrizioni digitali degli studenti, una valorizzazione molto più alta per le attività di educazione online e più capitale disponibile per le start-up ‘ed-tech’… Nell’estate del 2020 la direzione del trend sembra chiara: il mondo dell’istruzione, come molti altri settori, diventerà in parte virtuale”.

Hanno preso il via anche gli sport online:Per un certo periodo, l’allontanamento sociale può limitare la pratica di alcuni sport, il che a sua volta andrà a beneficio della sempre più potente espansione degli sport elettronici. La tech e il digitale non sono mai lontani”. Ci sono notizie simili dal settore bancario: “Le interazioni bancarie online sono salite al 90 per cento durante la crisi, dal 10 per cento, senza alcun calo di qualità e con una maggiore efficienza”.

Il passaggio all’attività online, ispirato da Covid, va ovviamente a vantaggio della Big Tech, che sta ottenendo enormi profitti dalla crisi, come descrivono gli autori: “Il valore di mercato complessivo delle aziende leader del settore tecnologico ha raggiunto record su record durante i blocchi, risalendo addirittura al di sopra dei livelli prima dell’inizio dell’epidemia…è improbabile che questo fenomeno si attenui in tempi brevi, anzi, al contrario”.

Questa è anche una buona notizia per tutte le imprese coinvolte, che non devono più pagare gli esseri umani per lavorare per loro. L’automazione è, ed è sempre stata, un risparmio di costi e quindi un aumento dei profitti per l’élite capitalista.

La cultura del New Normal fascista fornirà anche vantaggi lucrativi di spin-off per particolari settori commerciali, come l’industria dell’imballaggio, spiegano Schwab e Malleret. “La pandemia aumenterà certamente la nostra attenzione per l’igiene. Una nuova ossessione per la pulizia comporterà in particolare la creazione di nuove forme di imballaggio. Saremo incoraggiati a non toccare i prodotti che acquistiamo. Semplici piaceri come annusare un melone o spremere un frutto saranno disapprovati e potrebbero addirittura diventare un ricordo del passato”.


Gli autori illustrano anche quello che suona molto simile a un’agenda tecnocratica legata al profitto che sta dietro al “distanziamento sociale” che ha costituito un elemento chiave del “reset” di Covid.

Scrivono: “In una forma o nell’altra, è probabile che le misure sociali e di distanziamento fisico persistano dopo che la pandemia stessa si sarà placata, giustificando la decisione di molte aziende di diversi settori industriali di accelerare l’automazione. Dopo un po’ di tempo, le durature preoccupazioni per la disoccupazione tecnologica si ridurranno, poiché le società sottolineano la necessità di ristrutturare il posto di lavoro in modo da ridurre al minimo lo stretto contatto umano. In effetti, le tecnologie di automazione sono particolarmente adatte ad un mondo in cui gli esseri umani non possono avvicinarsi troppo o sono disposti a ridurre le loro interazioni. La nostra persistente e possibilmente permanente paura di essere infettati da un virus (COVID-19 o un altro) accelererà così l’implacabile marcia dell’automazione, in particolare nei campi più sensibili all’automazione“.

Come già detto, Schwab è stato a lungo frustrato da tutte quelle fastidiose regolamentazioni che impediscono ai capitalisti di fare tutti i soldi che vorrebbero, perché si concentrano su preoccupazioni economicamente irrilevanti come la sicurezza e il benessere degli esseri umani. Ma – urrà! – la crisi di Covid ha fornito la scusa perfetta per eliminare gran parte di questi ostacoli obsoleti alla prosperità e alla crescita.


Un settore in cui la fastidiosa burocrazia viene abbandonata è la salute. Perché uno stakeholder ragionevole può immaginarsi che un obbligo speciale di cura e attenzione possa influire sulla redditività di questo particolare settore economico?

Schwab e Malleret sono felicissimi di constatare che la telemedicina “beneficerà notevolmente” dall’”emergenza Covid”: “La necessità di rispondere alla pandemia con tutti i mezzi disponibili (e, durante l’epidemia, la necessità di proteggere gli operatori sanitari permettendo loro di lavorare a distanza) ha rimosso alcune delle barriere normative e legislative all’introduzione della telemedicina”.

L’abbandono della regolamentazione è un fenomeno generale sotto il regime globale del Nuovo Normale, come indicano Schwab e Malleret: “Fino ad oggi i governi hanno spesso rallentato il ritmo di adozione delle nuove tecnologie con lunghe riflessioni su come dovrebbe essere il miglior quadro normativo ma, come l’esempio della telemedicina e della consegna dei droni sta ora dimostrando, è possibile una drammatica accelerazione forzata dalla necessità. Durante i lockdown, un allentamento quasi globale delle normative che in precedenza aveva ostacolato il progresso nei settori in cui la tecnologia era disponibile da anni, si è improvvisamente verificato perché non c’era scelta migliore o altra scelta disponibile. Ciò che fino a poco tempo fa era impensabile è diventato improvvisamente possibile… Le nuove regole resteranno in vigore”.

Aggiungono: “L’attuale imperativo di incentivare, in ogni caso, l’”economia senza contatto” e la conseguente disponibilità dei regolatori ad accelerarla significa che non ci sono impedimenti”.

 

Senza esclusione di colpi”. Non illudetevi: questo è il linguaggio adottato dal capitalismo quando abbandona la sua pretesa di democrazia liberale e passa alla modalità fascista. Dall’opera di Schwab e Malleret si evince chiaramente che una fusione fascista tra Stato e impresa, a vantaggio di quest’ultimo, è alla base del loro grande reset

Somme di denaro fenomenali sono state trasferite dalle casse pubbliche nelle tasche ingrossate dell’1% fin dall’inizio della crisi di Covid, lo riconoscono: “Nell’aprile del 2020, proprio quando la pandemia ha iniziato ad inghiottire il mondo, i governi di tutto il mondo avevano annunciato programmi di rilancio per diversi trilioni di dollari, come se otto o nove piani Marshall fossero stati messi in atto praticamente contemporaneamente”. Continuano: “”.

Misure che sarebbero sembrate inconcepibili prima della pandemia possono benissimo diventare standard in tutto il mondo, dal momento che i governi cercano di evitare che la recessione economica si trasformi in una depressione catastrofica. “Sempre più spesso si chiederà al governo di agire come ” finanziatore in ultima istanza ” per prevenire o arginare l’ondata di licenziamenti di massa e di distruzione delle imprese innescata dalla pandemia. Tutti questi cambiamenti stanno alterando le regole del ‘gioco’ della politica economica e monetaria”.

Schwab e il suo collega accolgono con favore la prospettiva di un aumento dei poteri dello Stato per sostenere il profitto delle grandi imprese. Scrivono: “Una delle grandi lezioni degli ultimi cinque secoli in Europa e in America è questa: le crisi acute contribuiscono a rafforzare il potere dello Stato. È sempre stato così e non c’è motivo per cui debba essere diverso con la pandemia COVID-19”.

E aggiungono: “Guardando al futuro, i governi molto probabilmente, ma con diversi gradi di intensità, decideranno che è nell’interesse della società riscrivere alcune delle regole del gioco e aumentare definitivamente il loro ruolo”. L’idea di riscrivere le regole del gioco rievoca ancora una volta il linguaggio fascista, così come, ovviamente, anche l’idea di aumentare in modo permanente il ruolo dello Stato nell’aiutare il settore privato.

Vale infatti la pena di confrontare la posizione di Schwab su questo tema con quella del dittatore fascista italiano Benito Mussolini, che rispose alla crisi economica del 1931 lanciando un apposito organismo di emergenza, L’Istituto mobiliare italiano, per aiutare le imprese.

Ha dichiarato che questo è stato “un mezzo per spingere energicamente l’economia italiana verso la sua fase corporativa, cioè un sistema che fondamentalmente rispetta la proprietà e l’iniziativa privata, ma la lega strettamente allo Stato, unico in grado di proteggerla, controllarla e nutrirla”.

I sospetti sul carattere fascista del grande reset di Schwab sono confermati, evidentemente, dalle misure di polizia e di stato messe in atto in tutto il mondo per garantire il rispetto delle misure “d’emergenza” Covid. La pura forza bruta, che non si trova mai troppo al di sotto della superficie del sistema capitalista, diventa più visibile quando entra in una fase fascista, e questo diventa molto chiaro nel libro di Schwab e Malleret.

La parola “forza” viene utilizzata ripetutamente nel contesto di Covid-19. Talvolta questo avviene in un contesto di business, come nel caso delle affermazioni che “COVID-19 ha costretto tutte le banche ad accelerare una trasformazione digitale che ora è qui per rimanere” o che “il micro reset costringerà ogni azienda in ogni settore a sperimentare nuovi modi di fare business, di lavorare e di operare”.

Ma a volte si applica direttamente agli esseri umani, o ai “consumatori”, come Schwab e i suoi simili preferiscono considerare noi.

Durante i lockdowns, molti consumatori precedentemente riluttanti ad affidarsi troppo alle applicazioni e ai servizi digitali sono stati costretti a cambiare le loro abitudini quasi da un giorno all’altro: guardare film online invece di andare al cinema, farsi consegnare i pasti invece di uscire al ristorante, parlare con gli amici a distanza invece di incontrarli in carne e ossa, parlare con i colleghi su uno schermo invece di chiacchierare al distributore del caffè, fare esercizio online invece di andare in palestra, e così via…

Molti dei comportamenti tecnologici che siamo stati costretti ad adottare durante il reclutamento diventeranno più naturali grazie alla familiarità. Man mano che le distanze sociali e fisiche persistono, affidarsi maggiormente alle piattaforme digitali per comunicare, o lavorare, o chiedere consigli, o ordinare qualcosa, poco a poco, guadagnerà terreno rispetto alle abitudini precedentemente consolidate.

 

In un sistema fascista, ai singoli individui non viene offerta la possibilità di scegliere se rispettare o meno le sue richieste, come Schwab e Malleret affermano chiaramente per quanto riguarda il cosiddetto contact-tracing: “Nessuna applicazione volontaria di contact-tracing funziona se le persone non sono disposte a fornire i propri dati personali all’ente governativo che controlla il sistema; se una persona rifiuta di scaricare l’applicazione (e quindi di nascondere informazioni su una possibile infezione, movimenti e contatti), tutti ne risentiranno negativamente”.

Questo, secondo loro, è un altro grande vantaggio della crisi di Covid rispetto a quella ambientale che avrebbe potuto essere usata per imporre la loro Nuova Normalità: “Mentre per una pandemia, la maggioranza dei cittadini tenderà a concordare con la necessità di imporre misure coercitive, essi resisteranno alle politiche restrittive in caso di rischi ambientali dove le prove possono essere oggetto di controversie”.

Queste “misure coercitive”, che ci si aspetta da tutti noi, comporteranno ovviamente livelli inimmaginabili di sorveglianza fascista delle nostre vite, in particolare nel nostro ruolo di schiavi salariati.

Scrivono Schwab e Malleret: “La svolta aziendale sarà verso una maggiore sorveglianza; nel bene e nel male, le aziende osserveranno e a volte registreranno ciò che fa la loro forza lavoro. La tendenza potrebbe assumere diverse forme, dalla misurazione della temperatura corporea con telecamere termiche al monitoraggio tramite un’app di come i dipendenti si conformano alla distanza sociale”.


È anche probabile che misure coercitive di questo o quel tipo siano usate per costringere le persone a sottoporsi ai vaccini Covid attualmente in fase di preparazione.

Schwab è profondamente legata a quel mondo, essendo in “prima linea” con Bill Gates ed essendo stato acclamato dal pilastro di Big Pharma Henry McKinnell, presidente e CEO di Pfizer Inc, come “una persona veramente dedita ad una causa veramente nobile”. Non sorprende quindi che egli insista, con Malleret, sul fatto che “non si può prevedere un pieno ritorno alla “normalità” prima che sia disponibile un vaccino”. E aggiunge:”.

Così gli ” anti-Vaxxer ” si inseriscono nella lista delle minacce di Schwab per il suo progetto, insieme ai manifestanti anti-globalizzazione e anticapitalisti, ai Gilets Jaunes e a tutti coloro che sono impegnati nel “conflitto di classe”, nella “resistenza sociale” e nella ” controreazione politica”.

La maggioranza della popolazione mondiale è già stata esclusa dai processi decisionali a causa della mancanza di democrazia che Schwab vuole accentuare attraverso il suo dominio azionistico delle imprese, la sua “”, la sua “gestione totalitaria del sistema di gestione dell’esistenza umana”.

 

Ma come pensa di affrontare lo “scenario cupo” di persone che si ribellano al suo grande reset del newnormalismo e alla sua quarta rivoluzione industriale transumanista? Quale grado di “forza” e di “misure coercitive” sarebbe disposto ad accettare per assicurare l’alba della sua nuova era tecnocratica? La questione è angosciante, ma bisogna anche tener presente l’esempio storico del regime del XX secolo in cui è nato Schwab. La nuova normalità nazista di Hitler doveva durare mille anni, ma è crollata con 988 anni di anticipo rispetto all’obiettivo.

Solo perché Hitler, con tutta la sua fede nel potere, diceva che il suo Reich sarebbe durato un millennio, non significava che era così.

Solo perché Klaus Schwab e Thierry Malleret e i loro amici dicono che stiamo entrando nella Quarta Rivoluzione Industriale e che il nostro mondo sarà cambiato per sempre, non significa che

Non dobbiamo accettare la loro nuova normalità. Non dobbiamo assecondare le loro minacce. Non dobbiamo assumere i loro vaccini. Non dobbiamo lasciarci impiantare da loro gli smartphone o modificare il nostro DNA. Non dobbiamo camminare, con la museruola e sottomessi, dritti nel loro inferno transumanista.

Possiamo denunciare le loro bugie! Esporre il loro programma! Rifiutare la loro narrazione! Rifiutare la loro ideologia tossica! Respingere il loro fascismo!

Klaus Schwab non è un dio, ma un essere umano. È solo un uomo anziano. E quelli con cui lavora, l’élite capitalista globale, sono in pochi.

I loro scopi non sono gli scopi della stragrande maggioranza dell’umanità. La loro visione transumanista è ripugnante per quasi tutti quelli al di fuori della loro piccola cerchia e non hanno il consenso per la dittatura tecnocratica che cercano di imporci.

Questo, dopo tutto, è il motivo per cui hanno dovuto fare di tutto per forzarci sotto la falsa bandiera della lotta contro un virus. Hanno capito che, senza la giustificazione dell’”emergenza”, non avremmo mai accettato il loro progetto perverso.

Hanno paura del nostro potenziale potere perché sanno che se ci alziamo, li sconfiggeremo. Possiamo far crollare il loro progetto prima ancora che sia iniziato seriamente.

Noi siamo il popolo, noi siamo il 99%, e insieme possiamo riprenderci la nostra libertà dalle fauci mortali della macchina fascista!

Paul Cudenec  in The Winter Oak 5/10/2020

Traduzione a cura di Nogeoingegneria, https://www.nogeoingegneria.com

 

 

ANNO I DEL REGIME SANITARIO

 

 

Non possiamo far altro che raccomandare di leggere e rileggere questo articolo fondamentale e di collegarlo agli articoli sul Grande Reset presenti a questo link: http://www.gruppolaico.it/category/rassegna-stampa/emergenza-rassegna-stampa/

In particolare leggete:

Il Grande Reset. La Grande Risistemazione (15). Si stanno preoccupando per noi...

World Economic Forum 2021: il pranzo del Grande Reset è servito!

Il Grande Reset. La Grande Risistemazione (9). Vaccini, bugie e totalitarismo.

Il Grande Reset. La Grande Risistemazione (10). Come sono buoni e verdi i ricchi!

Pericolo mascherina (2). Manca l'aria! Manca l'intelligenza!

 

 

 

 


Calendario eventi
dicembre 2020
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli