Corte Costituzionale: indennizzo dovuto anche per i danni da vaccino non obbligatorio

È lecito ordinare a tutti, per legge, un vaccino? O è, piuttosto, preferibile ricorrere a un modo più “gentile”, come direbbe il premier Conte, per proporlo, anziché imporlo? I vaccini fanno davvero (sempre) bene? E se, invece, fanno (talvolta) male, è giusto che il cittadino danneggiato sia risarcito? E di questo risarcimento deve farsene carico lo Stato?

Tutte queste domande erano già scottanti prima dello tsunami Covid-19. Oggi, alla luce di quanto accaduto, sono quesiti addirittura incendiari. Specialmente se consideriamo la pressione mediatica a favore della vaccinazione anti-Coronavirus e gli investimenti miliardari sollecitati da Bill Gates. E anche lo storytelling corrente secondo cui l’unico rimedio contro il maledetto virus è, per l’appunto, il vaccino che (ancora) non c’è.

Per tutte queste ragioni, è di straordinario interesse una recente sentenza della Corte Costituzionale, la numero 118 del 23 giugno scorso, con la quale la Consulta ha dichiarato parzialmente illegittimo l’articolo 1, comma 1 della legge 25 febbraio del 1992, numero 210. Trattasi di una norma poco conosciuta e ancor meno pubblicizzata perché smentisce platealmente la favola bella dei vaccini “innocui” per definizione. Insomma, la vulgata secondo cui non c’è nulla da temere perché tali farmaci non provocano mai reazioni avverse.

Ciò è talmente falso che, da quasi trent’anni, il nostro Paese si è dotato di una legge –  la nr. 210/1992, appunto –  che prevede indennizzi a favore di quanti hanno riportato danni a seguito di vaccinazioni obbligatorie. In tutto questo tempo, lo Stato ha erogato molti soldi a favore degli sventurati incappati in menomazioni di varia natura.

Ma perché la norma in oggetto è finita all’attenzione della Corte Costituzionale? Tutto nasce dalla vicenda toccata in sorte a una donna pugliese la quale, da bambina, si era sottoposta per ben due volte, nel 2003 e nel 2004, alla somministrazione di un vaccino contro l’epatite A: un rimedio “raccomandato” (quindi, non obbligatorio) dalla Regione ai nuovi nati e ai ragazzi fino a dodici anni.

La sfortunata protagonista di questa storia, a seguito della “puntura”, risultò affetta da “lupus eritematoso sistemico”. Si rivolse quindi al Tribunale che riconobbe la sussistenza del nesso di causa tra le vaccinazioni e la successiva patologia e le riconobbe il diritto all’indennizzo da parte dello Stato.

La decisione è stata confermata dalla Corte d’Appello di Lecce, ma il Ministero della Salute non se n’è dato per inteso ed è ricorso in Cassazione onde far annullare la pronuncia. Secondo il Ministero, infatti, nessun ristoro doveva essere liquidato perché il vaccino non era affatto obbligatorio, ma solo raccomandato; e la legge 210 del 1992 riconosce il diritto, come sopra già esposto, solo a chi non ha potuto sottrarsi perché “costretto” dallo Stato.

Per tutta risposta, la Corte di Cassazione ha sollevato un’eccezione di illegittimità della legge del 1992. Secondo la Suprema Corte, infatti, essa è contraria alla nostra Carta fondamentale. Perlomeno laddove prevede il diritto all’indennizzo solo a beneficio di coloro i quali riportano pregiudizi a causa di un vaccino obbligatorio; e non anche a favore di chi – a quel vaccino – si è sottoposto “spontaneamente”. Magari sulla base di una mera “raccomandazione” della pubblica autorità. Ebbene, come anticipato in apertura, la Corte Costituzionale ha dato ragione ai giudici del palazzaccio.

Tra l’altro, sulla base di un assunto pienamente condivisibile. Meritevole di essere memorizzato, in particolare, da quanti hanno in mente di imporre per legge – o anche solo di “caldamente” consigliare a tutta la popolazione italiana – una bella vaccinazione anti-Covid.

In buona sostanza, i giudici della Consulta hanno rilevato come, nel caso di specie, la cosiddetta “raccomandazione” si era in realtà tradotta in una “ampia e insistita campagna di informazione” da parte delle autorità sanitarie. Per effetto della quale, la giovane era stata convocata presso gli ambulatori dell’ASL mediante una missiva che presentava la vaccinazione “non tanto come prestazione raccomandata, ma quasi come se fosse stata obbligatoria”.

In effetti, e a ben vedere, la differenza tra “obbligo” e “raccomandazione”, nella pratica medico-sanitaria, è assai minore di quella che separa i due concetti nei rapporti giuridici.

Tradotto: le chiamano raccomandazioni, ma in realtà qualsiasi cittadino le percepisce, recepisce e interpreta come coercizioni.

Soprattutto perché l’uomo della strada è portato, di regola, a riporre “affidamento nei confronti di quanto consigliato dalle autorità sanitarie”. Tutto ciò ha condotto la Corte Costituzionale alla declaratoria di illegittimità della norma esaminata. Anche in virtù di un principio ben preciso: il diritto all’indennizzo maturato dal paziente non risiede tanto nella circostanza dell’obbligo, quanto piuttosto in un preciso dovere di solidarietà incombente su tutta la comunità statuale.

Se i danni sono provocati da un vaccino (imposto o raccomandato che sia) la cui somministrazione è giustificata da un interesse collettivo, allora la collettività tutta deve farsi carico delle lesioni causate ai singoli.

Ora, è evidente come questa pronuncia aprirebbe scenari da monitorare se il Governo dovesse davvero intraprendere la strada, da molti auspicata, di una vaccinazione di massa contro il nuovo Coronavirus. Sia nel caso in cui si dovesse optare per un imperativo esplicito sia in quello in cui si dovesse propendere per una sorta di “moral suasion” concepita per indurre “spontaneamente” il maggior numero di persone a vaccinarsi.

Le conseguenze, in termini di costi per lo Stato, non saranno irrilevanti se si considera che il famoso vaccino anti-Covid – in fase di sperimentazione un po’ in tutto il mondo – potrebbe essere tutt’altro che sicuro. A maggior ragione se messo in commercio in tempi troppo rapidi e senza una adeguata e preventiva fase di testing.

Un allarme è stato lanciato, su Affariitaliani.it, da Maria Rita Gismondo a proposito dello studio sul mRna-1273 di Moderna pubblicato sul New England Journal of medicine: “La cosa pericolosa è che questa accelerazione possa applicarsi a un vaccino del genere, totalmente nuovo e paragonabile a tutti gli effetti a una terapia genica. La gente deve essere consapevole di quello che sta accadendo”.

Adesso l’allarme è doppio. Infatti, la “precipitazione” verso soluzioni frenetiche, e quindi potenzialmente micidiali, sarà pagata non solo in termini di salute individuale, ma anche di finanza pubblica.

Francesco Carraro   in https://scenarieconomici.it/ 9/8/2020

 

 

Presidente IRBM che produce il vaccino: «Può avere controindicazioni»

Il presidente IRBM (Istituto Ricerca Biologia Molecolare) Piero Di Lorenzo, dopo aver fatto il punto della situazione sul vaccino anti covid-19, avverte: “Tutti i vaccini, in quanto farmaci, possono avere effetti collaterali”.

Tra le aziende che stanno lavorando alla creazione del vaccino c’è l’IRBM, azienda di biotecnologia molecolare con sede a Pomezia. Il presidente dell’azienda Piero Di Lorenzo è stato intervistato ieri sera a Tg2 Post.

“Siamo in fase clinica tre – ha detto – ovvero la fase finale. Normalmente la fase uno è di massimo 100 persone (volontari sani), la fase due riguarda 700/800 persone mentre la fase tre comprende 1500 persone”.

Di Lorenzo aggiunge che questa terza fase è stata allargata grazie ai quarantamila volontari sani testati in Gran Bretagna, Sudafrica, Brasile e Stati Uniti. Il giornalista e conduttore Luca Salerno ha chiesto quale potrebbero essere i tempi per avere il vaccino disponibile.

“Fortunatamente – ha risposto il presidente – la nostra partnership di Oxford si è arricchita di una multinazionale come AstraZeneca. Questo ha significato una potenza di fuoco dal punto di vista della sperimentazione e della produzione fatta a rischio, molto importante”.

AstraZeneca è un’azienda globale biofarmaceutica, impegnata nella ricerca, nello sviluppo e nella commercializzazione di farmaci.

“Noi ci aspettiamo la fine della fase tre – continua Di Lorenzo – per fine settembre metà ottobre. C’è già un’organizzazione per la produzione su vasta scala e ci aspettiamo che questa disponibilità possa esserci già entro fine anno”.

Come spesso accade quando si parla di vaccini, si evitano di menzionare le possibili reazioni avverse. Una regola quasi consolidata che però, in questo caso, è stata sfatata proprio da Di Lorenzo.

“C’è un errore di base – dice il presidente di IRBM – che è quello della comunicazione. Quando si dice che non è vero che il vaccino ha delle controindicazioni e degli effetti collaterali. Non è vero, il vaccino è un farmaco e come farmaco può avere delle controindicazioni”.

E aggiunge: È necessario che queste controindicazioni siano assolutamente sotto controllo e che, nella bilancia del dare e dell’avere alla salute, possano essere positivi”.

Il presidente IRBM dovrebbe farsi una chiacchierata con Claudio Cricelli, il presidente della Società Italiana di Medicina Generale. Giusto qualche settimana fa disse: “So come è fatto il vaccino, so che non ha effetti collaterali”.

Pietro Di Martino   in www.oltre.tv 8 Agosto 2020

 

 

Vaccini, si può obbligare la somministrazione? ► MICHETTI: “PER LA COSTITUZIONE NON SI PUÒ FARE”

Vedi e ascolta: https://www.youtube.com/watch?v=FhONAYBzlVk

20/7/2020

 

 

735 medici alzano la voce: “No a Vaccini obbligatori”

Vedi e ascolta: https://www.youtube.com/watch?v=U72PDdF9o7o

4/6/2020


 

ANNO I DEL REGIME SANITARIO

 

 

“Il solo scopo di questa propaganda [dei vaccini] non è quello di rendere sicura la salute e il benessere dei bambini, ma garantire il regolare flusso di profitti ai medici e alle case farmaceutiche.“

Herbert Shelton (1895- 1985), saggista, attivista e pacifista statunitense


 

 

Articoli che vi raccomandiamo di leggere per approfondire:

Clikka sotto al “tag” emergenza infinita

Clikka sotto al “tag” terrore sanitario

Pericolo vaccino: transumanesimo e potere

Virus e inquinamento: un contributo contro l'ignoranza dilagante.

Terrore sanitario (29). Malafede e terrorismo.

Terrore sanitario (20). Un inquietante futuro

Terrore sanitario (19). Incubo vaccino.

Pensiero urgente n.286) Disubbidienza civile.

Pensiero Urgente n.182) Essere consapevoli.



Calendario eventi
agosto 2020
L M M G V S D
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli