La disobbedienza civile diviene un dovere sacro quando lo Stato diviene dispotico o, il che è la stessa cosa, corrotto. E un cittadino che scende a patti con un simile Stato è partecipe della sua corruzione e del suo dispotismo… La disubbidienza civile è la forma più pura di agitazione costituzionale.

La disubbidienza civile è la violazione deliberata, pubblica e non violenta di una o più leggi ritenute ingiuste (o incostituzionali), accompagnata dalla disposizione a sottomettersi volontariamente alla pena prevista per detta violazione.

Per praticare la disobbedienza civile abbiamo bisogno anche di una perfetta disciplina e dell’educazione all’obbedienza volontaria. La disobbedienza civile è l’espressione attiva della non-violenza. La disobbedienza civile distingue la non-violenza del forte dalla non-violenza passiva, cioè negativa, del debole. E come la debolezza […] anche la non-violenza passiva non può servire alla realizzazione dei nostri fini.

Mahatma Gandhi (1869- 1948), filosofo, politico e Animatore sociale indiano

 

 

Articoli che vi raccomandiamo di leggere:

Una grande anima: GANDHI

L'uomo della disubbidienza civile:  HENRY DAVID THOREAU

Pensiero Urgente n. 45)

Pensiero Urgente n. 36)

Democrazia e Disobbedienza, una sfida su cui riflettere

Terrore sanitario (8). Contro il dissenso.

La democrazia e il diritto di Resistenza

Una proposta di Resistenza



Calendario eventi
giugno 2020
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli