“Terrore sanitario” e “dittatura digitale” non sono due realtà separate ma due facce della stessa medaglia: instaurare un nuovo ordine mondiale (NWO) e una nuova spaventosa visione dell’uomo. (GLR)

 

 

Microchip: Biohax pronta a impiantare chip sottopelle a 2500 cittadini italiani

Eric Larsen, a capo della Biohax Italia, azienda leader nel campo della produzione di microchip, ha fatto sapere di essere in attesa dell’approvazione delle autorità sanitarie e del Ministero della Salute per poter diffondere la propria tecnologia anche in Italia, ossia per impiantare chip sottocutanei a circa 2500 cittadini tra Milano e Roma. Migliaia di svedesi e tedeschi si sono già fatti impiantare microchip sotto la pelle della mano e ora la Biohax è pronta ad allargare il proprio mercato agli altri Paesi europei.

Da tabù della controinformazione a tematica di moda

Quello dei microchip sottocutanei è uno dei temi più delicati e controversi nel campo della controinformazione. La tematica è sempre stata trattata come una paranoia “cospirazionista”: come succede spesso in questo settore, le notizie che vengono liquidate come “fake news” si confermano poi “vere” dopo qualche anno, dando ragione a quei ricercatori che nel frattempo, come delle novelle Cassandre, sono stati screditati come dei pazzi visionari.

La Svezia: dall’abolizione del contante al microchip

Proprio dalla Svezia sta dilagando in tutto l’Occidente una nuova tendenza che porta all’estremo l’abolizione del contante e l’utilizzo della tecnologia: farsi impiantare un microchip sottopelle contenente password, Pin, dati delle carte di credito, abbonamenti ai mezzi pubblici, biglietti del treno, chiavi di accesso a musei o altri edifici. O anche per evitare di dover usare le chiavi dell’auto.

La fiducia nei mezzi tecnologici sta portando alla graduale costituzione di una società trasparente, in cui ogni nostro movimento, acquisto, abitudine, inclinazione può essere mappato, controllato, schedato.

Un chip per eliminare password, tessere e contanti

I chip sono poco più grandi di un chicco di riso e vengono sparati da una siringa tra il pollice e l’indice della mano sinistra. Il chipping è un’operazione veloce che avviene in pochi minuti in anestesia locale. Una volta inserito sottopelle, il chip rimane invisibile a occhio nudo. La progressiva diffusione dei chip non sta avvenendo ovviamente in modo coercitivo (l’obbligo spingerebbe la popolazione a ribellarsi) ma incentivando le persone a farseli impiantare in modo volontario.

Si vuole diffondere l’idea nell’opinione pubblica che un chip sottocutaneo sia utile e comodo e che con esso si possano saltare le code alle casse, utilizzare la propria mano come badge ed eliminare password, tessere e contanti. E ovviamente contrastare l’evasione fiscale.

Quando le aziende propongono il chippaggio ai propri dipendenti: il caso di Epicenter

Non sono solo i privati a essere stati folgorati dalla moda dei microchip. Sempre più aziende fanno a gara per impiantare un chip nei propri dipendenti: una tra tutte la svedese Epicenter, impegnata nel settore high tech.

La tendenza, però, come anticipato, non è un’esclusiva svedese e si sta diffondendo a macchia d’olio in tutto l’Occidente, dal Belgio al Regno Unito, ora persino all’Italia, raggiungendo accordi con alcune imprese e sollevando le preoccupazioni dei sindacati sul controllo dei dipendenti e la riduzione dei loro diritti di privacy.

Rendere alla moda i chip per controllare la popolare

È evidente che per controllare la popolazione (e limitarne la privacy) si sta rendendo “alla moda” il chip sottocutaneo, spingendo così la popolazione a “correre” a farselo impiantare volontariamente per comodità. Fatture elettroniche, dispositivi contactless ed eliminazione progressivo del contante sono solo tappe provvisorie di questo processo.

L’imposizione o le modalità segrete hanno infatti scarso successo e basta manipolare l’opinione pubblica per gradi (secondo il principio della Rana bollita di Chomsky) promuovendo i benefici a scapito dei risvolti ambigui o addirittura pericolosi di ciò che si vuole introdurre per legalizzare qualunque idea, anche la più impensabile (come insegna la Finestra di Overton).

Siamo stati talmente ammaestrati dal potere da arrivare ad accettare qualunque “innovazione” ci venga offerta come “progresso”, senza pensare alle conseguenze di queste “mode”, come ho approfondito in Cyberuomo (Arianna Editrice).

Enrica Perucchietti      in https://enricaperucchietti.blog/ 19 maggio 2020

 

Vedi il video:

https://www.facebook.com/elena.macaluso.73/videos/548163002784471/

UzpfSTEwMDAwMDAxNjk2NzE0NTpWSzoxNDk4MjI5OTI3MDIxOTY3/

multi_permalinks=1499148840263409&notif_id=1589193622552208&notif_t=group_activity

 


Intelligenza artificiale, chip sottocutanei, clonazione, tecnosesso, trasferimento della mente, supersoldati.

Intelligenza artificiale, chip sottocutanei, clonazione, tecnosesso, trasferimento della mente, supersoldati. Tutto ciò sembrerebbe fantascienza, eppure si tratta delle più moderne innovazioni nel campo della scienza e della tecnologia. Lo scopo? Potenziare la natura umana, ibridare l’uomo con le macchine e creare un individuo geneticamente modificato totalmente artificiale e privo di legami con il mondo naturale.

Ma qual è il vero scopo di queste ricerche? Cosa comporta, per l’uomo, questa rivoluzione antropologica? La tecnologia è diventata uno strumento per traghettare l’umanità verso un orizzonte distopico? Conoscere le ricerche e gli obiettivi nel campo del post-umano può aiutarci a fermare questa deriva prima che siano le macchine a ribellarsi ai propri inventori.

Siamo sull’orlo di una rivoluzione antropologica che intende snaturare l’Uomo della propria umanità, per renderlo sempre simile a una “macchina” e al contempo più manipolabile e controllabile.

Dal darwinismo sociale al transumanesimo, la scienza è diventata uno strumento per traghettare l’umanità verso un orizzonte distopico.

È in gioco la nostra sopravvivenza: conoscere le ricerche e gli obiettivi nel campo del post-umano può aiutarci a fermare questa deriva prima che siano le macchine a ribellarsi ai propri inventori, come nei peggiori incubi.

I CONTENUTI EXTRA DEL LIBRO: VIDEO DI APPROFONDIMENTO CON L’AUTRICE. Perché un saggio sul transumanesimo. Come Hollywood ci sta abituando alle ricerche nel campo del post-umano. I microchip sono realtà e vanno di moda Gemelline cinesi con DNA modificato come i superumani di Hawking. DOCUMENTI PDF: Stiamo vivendo in una simulazione computerizzata? Il cibo del futuro: insetti e carne artificiale. La ricerca della longevità: dall’alchimia al mind uploading …E TANTO ALTRO!  (IBS)

Il libro: Enrica Perucchetti, Cyberuomo. Dall’intelligenza artificiale all’ibrido uomo-macchina,  Ed. Arianna 2019,  € 16.50


 

“Gli uomini sono diventati gli strumenti dei loro stessi strumenti.”

Henry David Thoreau (1817- 1862), filosofo e poeta statunitense

 

 


 

Articoli che vi raccomandiamo di leggere:

Leggere gli articoli al “tag” dittatura digitale

Leggere gli articoli al “tag” transumanesimo

Il Grande Reset. La Grande Risistemazione. (2)

Dittatura digitale (4). Lo schock pandemico

Dittatura digitale (2). Terrore sanitario (10). Volontà di dominio.

Non siamo più Homo Sapiens

Nell’era dei big tech siamo cittadini in libertà vigilata

“I robot domineranno il mondo”

Terrore sanitario (9). La museruola.

 

 


Calendario eventi
maggio 2020
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli