Viviamo il tempo che non ha genio

Socrate prima di morire fa capire che per lui la vita non è il bene più prezioso. Il bene più prezioso è il futuro. Ma la nostra epoca odia il futuro.

“O Critone. dobbiamo un gallo ad Asclepio, dateglielo». Socrate, già freddo fino all’addome, a un soffio dalla morte, si scopre per pronunciare le sue ultime parole. Sul loro significato si sono arrovellate le menti migliori, per secoli, fra le tantissime, una anonima, semplice; per Socrate la vita non era il bene più prezioso. Lo era il futuro.

Socrate (470- 399 d,C.) filosofo greco

Vi era già proiettato, e quello gli avrebbe dato le soddisfazioni maggiori, per cui era essenziale non lasciare nulla in sospeso e finire, per ricominciare, rimanendo coerente con i propri principi.

Nemmeno per il Cristo, uomo, la vita era tutto, altri menti avrebbe rinnegato il Padre suo per conservarla, e non è stato tutto per i Martiri della Chiesa che la hanno ceduto in cambio del Credo.

La storia umana è, nella sostanza, una successione di cicli in cui si è alternato l’attaccamento assoluto alla vita, poi, al suo valore relativo, minore rispetto a qualcosa di più grande. I periodi più bui sono stati quelli in cui la vita era tutto, la luce ha riempito i tempi di rinascimento.

Quanti e quanti geni, in tutti i campi, hanno condotto esistenze malferme e all’ultimo anelito di vita hanno affidato il guizzo migliore del loro intelletto o del loro cuore. Van Gogh era arrivato alla certezza di non poter migliorare la propria esistenza terrena attraverso la pittura, ma la ha prodotta infaticabile, per se stesso, per noi.

L’uomo ha due modi di vivere; per il presente o per il futuro, in proprio o per gli altri. Quello, tutto, di cui noi godiamo del passato, lo dobbiamo a chi ha vissuto avendo come guida il futuro: nell’arte, la natura, la scienza. Un bosco millenario lo abbiamo perché qualcuno, magari sterile dal punto di vista riproduttivo, ha pensato ai propri figli.

È la storia che fa la differenza, alcuni la guardano con speranza, altri la temono disperati. Perché se arriverà avrà parole vere in bocca: il genio la ama, in vita non è mai stato attaccato alla vita come bene supremo unico.

Dei nostri tempi si dice che non esiste la vergogna, o la meraviglia, e molti fanno o commettono cose impensabili fino a qualche anno fa. Viviamo il tempo di chi non ha genio e perciò del futuro non gli importa nulla.

Il mediocre assiso al potere ha nella vita il bene supremo, vorrebbe che fosse eterna per prendersi i privilegi che è riuscito a ottenere. Odia tutti perché odia il futuro, teme la storia, che se verrà, porterà parole a coltello o a vanga per seppellire esistenze che non potevano lasciare il segno, e non lo lasceranno.

L’odio tracima nei nostri anni perché non sono anni popolati da geni, i pochi che ci stanno vivranno nell’ombra in attesa della giustizia futura.

I mediocri faranno di tutto per prolungarsi la vita, per allontanare la tempesta che ne polverizzerà il ricordo, non possono non essere cattivi, non possono non odiare, perché non hanno prodotto nulla di nobile da lasciare all’umanità che è l’unico bene supremo che appartiene all’uomo.

Frotte di politici, burocrati, artisti, potenti e potentucoli le loro gesta le hanno impresse negli arenili, ma non lo fermeranno il mare.

Gioacchino Criaco, scrittore       Il Riformista  15/5/2020

 

 

Seneca

“Noi non disponiamo di poco tempo, ma ne abbiamo perduto molto. La vita è lunga abbastanza e ci è stata data con larghezza per la realizzazione delle più grandi imprese, se fosse impiegata tutta con diligenza; ma quando essa trascorre nello spreco e nell’indifferenza, quando non viene spesa per nulla di buono, spinti alla fine dall’estrema necessità, ci accorgiamo che essa è passata e non ci siamo accorti del suo trascorrere.

È così: non riceviamo una vita breve, ma l’abbiamo resa noi, e non siamo poveri di essa, ma prodighi. Come sontuose e regali ricchezze, quando siano giunte ad un cattivo padrone, vengono dissipate in un attimo, ma, benché modeste, se vengono affidate ad un buon custode, si incrementano con l’investimento, così la nostra vita molto si estende per chi sa bene gestirla.”

Lucio Anneo Seneca (4 a.C.- 65 d.C.), filosofo e politico romano,    da De brevitate Vitae, I

 

 

“Lei non ha capito niente perché è un uomo medio. Un uomo medio è un mostro, un pericoloso delinquente, conformista, razzista, schiavista, qualunquista.”

Pier Paolo Pasolini (1922- 1975),  dal film La Ricotta (1963)


Pasolini

“L’Italia sta marcendo in un benessere che è egoismo, stupidità, incultura, pettegolezzo, moralismo, coazione, conformismo: prestarsi in qualche modo a contribuire a questa marcescenza è, ora, il fascismo.

Essere laici, liberali, non significa nulla, quando manca quella forza morale che riesca a vincere la tentazione di essere partecipi a un mondo che apparentemente funziona, con le sue leggi allettanti e crudeli.

Non occorre essere forti per affrontare il fascismo nelle sue forme pazzesche e ridicole: occorre essere fortissimi per affrontare il fascismo come normalità, come codificazione, direi allegra, mondana, socialmente eletta, del fondo brutalmente egoista di una società.”

Pier Paolo Pasolini (1922- 1975),  da Vie Nuove n.36, 1962

 

 

Articoli che vi raccomandiamo di leggere:

Leggere gli articoli al “tag” emergenza

Leggere gli articoli sul terrore sanitario

Terrore sanitario (5). Nuda vita.

Terrore sanitario e la gente comune.

Ferragosto: per non dimenticare cos'è la gente...

La moltitudine degli uomini erranti non costituisce nazione





Calendario eventi
maggio 2020
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli