(Traduzione dall’inglese)

La Cina e la Russia stanno inviando aiuti medici in Italia e in altri paesi colpiti dal coronavirus, ma i loro motivi non sono così altruistici.

Le catastrofi umanitarie di solito forniscono brevi ritocchi alla cooperazione globale. Le vite umane assumono un ruolo da protagonista raro, e talvolta persino avversari geopolitici si aiutano a vicenda. Dopo i devastanti terremoti che hanno colpito l’Iran nel 2003 e nel 2012, anche gli Stati Uniti hanno chiesto aiuto. Ma durante la pandemia di coronavirus, i due più energici samaritani – Russia e Cina – stanno usando la loro apparente assistenza per guadagni geopolitici.

A seguito di una recente telefonata tra il presidente russo Vladimir Putin e il primo ministro italiano Giuseppe Conte, il governo russo ha inviato in Italia nove aeromobili e oltre 100 esperti, insieme a forniture mediche. Non avendo inizialmente ricevuto alcun aiuto dagli altri Stati membri dell’Unione Europea, nella disperazione l’Italia, il quarto contribuente al bilancio dell’UE, si era rivolta alla Russia. (Germania, Francia e Austria da allora hanno inviato milioni di maschere per il viso in Italia; la Repubblica Ceca ha inviato alcune migliaia di tute protettive. La Germania ha portato diverse decine di pazienti italiani e francesi negli ospedali tedeschi. La Polonia ha inviato dodici medici.)

Quando arrivò la tanto attesa consegna russa, tuttavia, gli italiani hanno scoperto che la stragrande maggioranza delle forniture era inutile per il trattamento del coronavirus. Era come un complotto di Occupied, la serie televisiva norvegese di successo su una misteriosa acquisizione della Norvegia.

Di queste forniture russe, l’80% era completamente inutile o di scarsa utilità per l’Italia. In altre parole, la consegna era più simile a un pretesto ”, ha detto un funzionario del governo italiano al principale quotidiano La Stampa. Secondo il funzionario, la consegna russa conteneva, ad esempio, attrezzature per la disinfezione batteriologica e un laboratorio sul campo per la sterilizzazione chimico-biologica, non i ventilatori e i dispositivi di protezione individuale così disperatamente necessari agli italiani.

L’aiuto del Cremlino è davvero piuttosto insolito. Gli esperti medici sono stati inviati dal ministero della difesa russo, non dal ministero della salute, ha riferito La Stampa. Inoltre, molti sono alti funzionari biologici, chimici e nucleari nel ramo medico delle forze armate russe, quasi mai i medici di prima linea normalmente inviati per aiutare a combattere una crisi umanitaria.

Al momento della stesura di questo documento, gli ufficiali russi hanno sede nell’area di Bergamo in Italia. Secondo una lettera dell’ambasciatore russo pubblicata su La Stampa, gli esperti russi inizialmente sanificheranno strutture abitative assistite sovraffollate. Bergamo, la città italiana più colpita dal coronavirus, si trova a meno di due ore da Vicenza, sede di un’importante base militare americana.

Gli ufficiali viaggiano “lungo le strade della NATO”, ha osservato un conduttore televisivo russo. Nella sua lettera, l’ambasciatore – che ha confermato la competenza biologica, chimica e nucleare degli ufficiali – ha sottolineato che i russi stanno rischiando la vita. Ha ragione: gli esperti russi in prima linea a Bergamo potrebbero soccombere al coronavirus. Ad oggi, COVID-19, la malattia causata dal coronavirus, ha causato la morte di 51 medici italiani. La presenza di personale militare russo in un paese della NATO, tuttavia, specialmente nei pressi di una base aerea americana, fa temere che i russi useranno il loro soggiorno per raccogliere informazioni.

Ciò che rende la missione ancora più sbalorditiva è il fatto che l’Italia è uno dei principali contribuenti delle truppe alle attuali operazioni fuori area della NATO e ha 166 soldati di stanza in Lettonia come parte della presenza avanzata della NATO, uno sforzo per scoraggiare la Russia. Più o meno nello stesso momento in cui gli ufficiali russi arrivarono in Italia, i jet della NATO intercettarono un aereo militare russo vicino allo spazio aereo della NATO. L’Italia, membro fondatore della NATO, sta quindi combattendo la sua peggiore crisi post-Seconda Guerra Mondiale con l’aiuto del principale avversario della NATO.

Ciò solleva ulteriori domande circa lo scopo della visita dei russi e se influenzerà gli atteggiamenti italiani nei confronti della NATO. Riferendosi alle forniture russe, Conte ha insistito che non lo farà: “È inconcepibile che il nostro accordo geopolitico sarebbe condizionato da questa attrezzatura”, ha detto al Senato il 26 marzo.

Nel frattempo, la Cina ha inviato forniture mediche e anche un po ‘di personale medico. Le autorità cinesi hanno fatto un grande affare con un volo del 12 marzo che trasportava, come annunciato dal ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio, 31 tonnellate di equipaggiamento, tra cui 40 ventilatori. Dall’inizio del volo, i cinesi hanno inviato alcune ulteriori forniture, tra cui 30 ventilatori il 25 marzo. Ma per l’Italia, dove quasi 100.000 persone sono state infettate dal coronavirus e più di 10.000 ne sono state uccise, questo è una goccia nel secchio.

Se i cinesi fossero stati veri amici dell’Italia, avrebbero inviato decine di migliaia di ventilatori. Inoltre, le forniture cinesi non erano esattamente un regalo di beneficenza. Mentre alcuni provenivano dalla Croce Rossa cinese, gli italiani dovevano acquistarne altri . Per aggiungere la beffa al danno, all’incirca nello stesso momento in cui è arrivato il primo volo, i media statali cinesi hanno iniziato a far circolare una voce secondo cui l’epidemia di COVID-19 aveva effettivamente avuto origine in Italia.

La Cina ha inviato forniture anche ad altri paesi. Le consegne sono, tuttavia, irrisorie per un governo con una produzione massiccia a sua disposizione e il cui pasticcio dell’epidemia iniziale ha portato il virus a diventare globale. Un milione di maschere per il viso qui, alcune centinaia di migliaia lì e alcuni dottori non fanno molto per un paese che ha rappresentato il 50% della produzione globale di maschere per il viso nel 2019 e la cui produzione giornaliera di maschere per il viso è salita alle stelle, a 110 milioni a febbraio. Al contrario, l’Albania, un paese povero con meno di 3 milioni di abitanti, ha inviato agli italiani 30 medici e infermieri .

L’assistenza della Cina è anche nettamente modesta rispetto all’assistenza della Germania (che ha più di 60.000 infezioni da coronavirus) e altri paesi europei stanno tardivamente fornendo i loro vicini più colpiti. Ma per la Cina l’importo dell’aiuto necessario non sembra avere importanza: Pechino sta usando le consegne come un’opportunità di pubbliche relazioni.

Con grande fanfara, le maschere sono state spedite in Spagna, Francia, Serbia e UE in uno spettacolo molto pubblico di soft power cinese. Il 20 marzo la Repubblica Ceca ha ricevuto le consegne di Pechino su un aereo militare cinese, un evento ampiamente coperto dai media favorevoli al regime. Un giorno dopo la televisione di stato cinese CGTN ha pubblicato un video di YouTube che mostra il caricamento di un treno che trasporterà lì ulteriori attrezzature mediche.

Ripetitori 5G

Non sorprende che la Svezia non abbia ricevuto assistenza dalla Cina. Invece uno degli ospedali del paese ha dovuto assicurarsi finanziamenti filantropici per acquistare attrezzature mediche cinesi. La Svezia sembra essere la bête noire europea della Cina, il risultato del suo sostegno al libraio prigioniero di Hong Kong Gui Minhai, diventato cittadino svedese negli anni ’90. Ma Paesi Bassi, Spagna e Italia hanno ricevuto maschere da Huawei, il gigante delle telecomunicazioni desideroso di ulteriori contratti 5G in Europa.

Sebbene un aereo avrebbe raggiunto gli spagnoli disperati (circa 85.000 infezioni da coronavirus, oltre 7000 morti) molto più rapidamente, Pechino si è assicurata che le forniture cinesi attualmente in viaggio per la Spagna viaggiassero in treno lungo la rotta Belt and Road, un viaggio che dura 17 giorni .

Le forniture donate valgono circa $ 49.325, ha riferito orgogliosamente CGTN. Non c’è stata una tale fanfara sulla decisione di Madrid di acquistare da Pechino circa 473 milioni di dollari di forniture mediche, compresi i test del coronavirus che si sono rivelati difettosi, o gli 1,3 milioni di maschere che gli olandesi hanno acquistato dalla Cina, metà delle quali si sono rivelate allo stesso modo difettose .

La Spagna e l’Italia sono considerate obiettivi morbidi per l’influenza cinese all’interno dell’UE. D’altra parte, la Serbia, sebbene il suo tasso di infezione sia attualmente piuttosto basso, è da lungo tempo candidato all’adesione all’UE la cui fedeltà la Cina vuole assicurarsi. Per quanto riguarda le donazioni alla Repubblica Ceca, che a malapena è un focolaio di coronavirus, il paese è diventato un recente obiettivo degli sforzi cinesi di influenza.

Confronta il comportamento di Mosca e di Pechino con l’assistenza che i paesi forniscono abitualmente durante le catastrofi umanitarie.  Quando il Giappone è stato colpito da un terremoto nove anni fa, 50 paesi hanno immediatamente offerto assistenza. Includevano l’arcirivale Cina, che ha inviato aiuti per un valore di 4,5 milioni di dollari. In effetti, durante le catastrofi umanitarie la geopolitica è normalmente sospesa e il buon samaritano prende il sopravvento.

Durante il terremoto del 2012 in Iran, il governo degli Stati Uniti ha revocato le sanzioni, consentendo alle organizzazioni americane di inviare forniture. Quando il sottomarino argentino San Juan è scomparso tre anni fa, la Royal Navy – il pilastro dello sforzo bellico britannico contro l’Argentina nelle Isole Falkland nel 1982 – si unì alla missione di ricerca e salvataggio. La Royal Navy ha anche aiutato a cercare sottomarini russi dispersi, incluso il Kursk che ha causato la morte di 118 sommergibilisti 20 anni fa. E quando il coronavirus è scoppiato in Cina, l’UE e il governo degli Stati Uniti hanno rapidamente donato molte tonnellate di forniture mediche.

Mentre la Cina vuole sia vendere beni che allontanare i paesi dalla solidarietà dell’UE e della NATO, gli sforzi della Russia sono di natura più oscura. Qualunque sia la vera natura della presenza russa a Bergamo, l’invio di ufficiali militari russi in risposta a un’emergenza sanitaria non è chiaramente un atto altruistico; è una mossa che a lungo termine danneggerà la NATO.

“Nel momento del bisogno, la persona che ti aiuta è un amico”, ha detto il sottosegretario agli Esteri Manlio di Stefano  alla radio italiana il 27 marzo, chiamando i timori degli aiuti russi e cinesi “idiozia”.

Il buon biblico samaritano dà agli estranei bisognosi senza aspettarsi nulla in cambio. Cina e Russia hanno introdotto una nuova categoria di aiuti umanitari: il cattivo samaritano. I cinesi e i russi potrebbero offrire una mano, ma a differenza delle Scritture, si aspettano qualcosa in cambio.

I veri buoni samaritani devono dimostrare ai bisognosi e al mondo che esistono ancora. La NATO ha iniziato a utilizzare il suo programma di capacità di trasporto aereo strategico per trasportare le forniture di coronavirus agli Stati membri. Ma questo non è abbastanza per contrastare l’avanzata dei cattivi samaritani.

Se uno stato membro della NATO perdesse anche pochi cittadini in un attacco militare, l’alleanza risponderebbe immediatamente con tutte le sue forze. Spedirebbe attrezzature, truppe e comandanti da tutti i suoi stati membri in prima linea. La pandemia di coronavirus non è chiaramente l’attacco convenzionale per cui la NATO è stata istituita per contrastare, ma è la crisi più devastante dell’Italia da quando la NATO è stata fondata. Ciò che serve è una missione buon samaritano: un massiccio sforzo della NATO che invia forniture mediche e medicinali alla micidiale prima linea a Bergamo e oltre. Ciò metterebbe i cattivi samaritani al loro posto.

Elisabeth Braw           in  foreignpolicy.com   30/3/2020     

(link dell’articolo originale: https://foreignpolicy.com/2020/03/30/russia-china-coronavirus-geopolitics/)

 

 

Orbán approfitta dell’emergenza coronavirus per smantellare la democrazia in Ungheria

Il Parlamento ungherese, con 137 voti favorevoli e 53 contrari, ha deliberato il 30 marzo le misure per il contrasto al coronavirus, che includono anche pieni poteri per il premier Victor Orban. Il primo ministro non solo avrà la facoltà di governare per decreto e di abrogare leggi senza passare dall’aula, ma le elezioni sono sospese sine die, così come le riunioni del Parlamento. È inoltre previsto il carcere per chi farà propaganda contro le decisioni del governo. Al momento l’Ungheria ha 492 casi confermati di COVID-19 su una popolazione di circa 10 milioni di abitanti.

L’esecutivo promette che si tratta di una misura temporanea, ma la mozione dell’opposizione che chiedeva un limite massimo di 90 giorni è stata respinta. I partiti di minoranza hanno gridato al “golpe” e alla “dittatura”, ma il portavoce di Orbán, Zoltán Kovács, ha dichiarato che il “90% degli ungheresi è d’accordo sullo stato di emergenza”.

La Commissione europea ha espresso preoccupazione per la strada autoritaria intrapresa da Orbán, mentre secondo il Consiglio d’Europa “uno Stato d’emergenza illimitato e incondizionato non può garantire il rispetto di regole e valori della democrazia”.

Fidesz, il partito del primo ministro, era già stato sospeso dal PPE, il gruppo europarlamentare di cui faceva parte, ed ora sembra che Orbán sia deciso a fondare un nuovo gruppo sovranista insieme a Lega e Fratelli d’Italia. Matteo Salvini ha plaudito su Twitter la decisione del parlamento ungherese, definendola “libera scelta”, mentre secondo Giorgia Meloni anche in Italia “si limita la libertà a colpi di decreto”.

Di Redazione        in The Vision 31/3/2020

 

 



 

Articoli che vi raccomandiamo di leggere:

Leggere gli articoli al “tag” emergenza

Per gli altri articoli sugli “aiuti russi” leggi al “tag” russia

Gli sciacalli nostrani ed esteri (8). Contro l'Occidente.

Così ha vinto la Cina (tranquilli è fantapolitica...)

Caro Mattarella, intervenga in difesa dei diritti costituzionali oggi calpestati

Che figata la Cina autoritaria!

La voglia di Uno che ci liberi dalle nostre libertà


 


Calendario eventi
aprile 2020
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli