Noi siamo un paese senza memoria. Il che equivale a dire senza storia. L’Italia rimuove il suo passato prossimo, lo perde nell’oblio dell’etere televisivo, ne tiene solo i ricordi, i frammenti che potrebbero farle comodo per le sue contorsioni, per le sue conversioni. Ma l’Italia è un paese circolare, gattopardesco, in cui tutto cambia per restare com’è. In cui tutto scorre per non passare davvero. Se l’Italia avesse cura della sua storia, della sua memoria, si accorgerebbe che i regimi non nascono dal nulla, sono il portato di veleni antichi, di metastasi invincibili, imparerebbe che questo Paese è speciale nel vivere alla grande, ma con le pezze al culo, che i suoi vizi sono ciclici, si ripetono incarnati da uomini diversi con lo stesso cinismo, la medesima indifferenza per l’etica, con l’identica allergia alla coerenza, a una tensione morale.

Pier Paolo Pasolini,  Scritti corsari, 1975

 

vedi:   Salviamo la Storia. La cultura italiana si mobilita.

Il cambiamento porta molte pene

Ora fa il moderato, ma Silvio B. è stato il profeta dei populismi

La memoria necessaria

Il fascismo... è stato l'autobiografia della nazione.

Nel Paese che ha bandito la parola onestà

La memoria e la storia

La memoria riesumata del presente

25 aprile, festa della responsabilità


Calendario eventi
gennaio 2016
L M M G V S D
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli