È come un ritornello espresso in forme che vanno dall’educato, al provocatorio, dal confidenziale all’accusatorio. Ma in sostanza i nostri interlucutori americani ci chiedono come gli italiani abbiano potuto tollerare per quasi venti anni un clown che li ha esposti alla berlina in tutto il mondo; che ha avuto una larga maggioranza parlamentare con la quale ha confezionato leggi ad personam et aziendam; che si è circondato di ‘vestali’ (si fa per dire) che avevano lo scopo di tenere alto il morale del faraone; che si è scagliato contro le Istituzioni demolendole, e l’elenco continua…
Come fai a spiegare ad un americano che aveva ragione quel grande cantautore, Giorgio Gaber, che prima di morire disse: “Non ho paura di Berlusconi in sè, ho paura di Berlusconi in me.”

Il signor Berlusconi ha rappresentato e rappresenta lo stereotipo dell’italiano medio.

Quello che quando si trova all’estero deve parlare a voce alta anche nei musei, un po’ per farsi coraggio ed un po’ perché deve sempre occupare la scena; quello che bacia tutti in pubblico, uomini e donne alle quali riserva sempre il commento licenzioso e arguto; quello che pur di arrivare dove vuole fa carne di porco di tutti; che non rispetta le regole di normale convivenza ma sente il diritto di protestare; che considera i luoghi pubblici la sua pattumiera perché lui dice che paga le tasse, che invece sono pagate da una minoranza di disgraziati; quello che pretende di essere appellato col titolo di dottore mentre in tutto il mondo civile è dottore solo chi è medico o ha un PHD; quello che non rispetta la distanza di sicurezza in autostrada e sfanala a 200 all’ora tanto è sicuro che non lo beccano; (se lo beccano c’è sempre un amico che gli fa cancellare la multa); quello che bacia la mano al potente di turno e tira calci in culo ai subordinati; quello che va con le ragazzine perché chi ha i soldi deve saperli spendere; quello che non tralascia di frequentare malavitosi perché sono quelli che poi ti risolvono subito i problemi.

E le donne italiane, come hanno potuto…? Tante hanno votato per il Cavaliere e lo sostengono con adorazione perché ha fatto strame di molte conquiste del femminismo che se applicato correttamente dà un sacco di responsabilità alla donna. Mentre quelle che se lo possono permettere, grazie a madre natura, sanno che la competizione in Italia prevede le scorciatoie sessuali.

Del resto, come diceva la nota moglie di quel dirigente, “Mica si consuma…”. “Non ho paura di Berlusconi in sè, ho paura di Berlusconi in me.” Quel Berlusconi che, purtroppo, riconosco a volte in me e ne rimango atterrito.

Oscar Bartoli       in   www.criticaliberale.it 14/11/2011

 

vedi:  La rivoluzione che serve davvero: non senza competenze

Gaber 2016: cos'è destra o sinistra

Pensiero Urgente n.267)


Calendario eventi
novembre 2011
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli