11 novembre 1938

 

L’11 novembre del 1938 quando vennero approvate ed entrarono in vigore le leggi razziali in italia era un venerdi. E il 6 agosto 2001, quando entrano in vigore le nuove leggi discriminatorie sociali e “razziali” previste dal DL n.105 del 23/7/2021 verso i non vaccinati, è un venerdi. Due venerdi a distanza di 83 anni. Due venerdi neri di fascismo e di vergogna.

 

 

Due venerdi che sanno del nero del fascismo in un disgraziato paese che non si libererà mai dalla tentazione del fascismo.

Due venerdi che sanno di morte e che segnarono e segnano la regressione definitiva dell’italia verso il baratro che tutti, ripetiamo tutti ( anche quelli che per ora sono i covidioti-vaccinati-cittadini di serie A) pagheremo caramente.

Infatti il vero obiettivo di questa gestione del covid da parte dei criminali del Grande Reset è sottomettere il genere umano – con il sostegno propagandistico di autorità ed esperti prezzolati – sicuramente realizzando profitti stellari per Big Pharma e Big Money, a scapito della salute individuale e collettiva, annichilendo al contempo la libertà, la dignità umana e tutto ciò che si è faticosamente conquistato, con sacrifici immensi, con la Resistenza e il Risorgimento ( ma al covidiota-vaccinato-cittadino di serie A di tutto questo “non je ne po’ fregà de meno”).

E’ in atto a livello globale una psicosi di massa incentrata sull’ignoranza, sul conformismo e sulla volgare mediocrità generale, soprattutto basata sull’iniezione nel corpo sociale di massicce dosi di paura, oltreché di sieri sperimentali (imbottiti di sostanze artificiali per l’organismo umano) assemblati in tutta fretta, chiamati impropriamente “vaccini” che sono, invece, una micidiale terapia genica.

Siamo in una fase di consolidamento di un sistema dittatoriale globale senza precedenti nella storia (che in italia trova un laboratorio fondamentale) e che perdurerà per chissà quanto, dal momento che, a differenza delle precedenti dittature, qui manca un contro-potere e dal momento che mai si era vista una tale sottomissione addomesticata e un rimbambimento così generale.

Si sapeva di arrivare a un punto nodale nel confronto tra libertà/verità e operazione di ingegneria sociale e biotecnologica come lo è la covid-globalizzazione coatta.

Si sapeva che alberga un istinto di morte devastante nel genere umano, in questa accettazione supina del terrore sanitario dell’epoca-covid, come il filosofo Agamben spiega nell’articolo che segue e che ci pare, alla fine, il migliore tragico commento di questo venerdi nero.

Il resto è silenzio e il coraggio dei Resistenti di oggi. (GLR)

 


 

lemming

 

Uomini e lemmings

I lemmings sono dei piccoli roditori, lunghi circa 15 centimetri, che vivono nelle tundre dell’Europa e dell’Asia settentrionali. Questa specie ha la particolarità di intraprendere improvvisamente senza alcun motivo apparente delle migrazioni collettive che terminano con un suicidio in massa nelle acque del mare.

L’enigma che questo comportamento ha posto agli zoologi è così singolare che essi, dopo aver tentato di fornire spiegazioni che si sono rivelate insufficienti, hanno preferito rimuoverlo.

Ma una delle menti più lucide del XX secolo, Primo Levi si è interrogato sul fenomeno e ne ha fornito un’interpretazione convincente. Noi diamo per scontato che tutti gli esseri viventi desiderino continuare a vivere: nei lemmings per qualche ragione questa volontà è venuta meno e l’istinto che li spingeva a vivere si è rovesciato in un istinto di morte.

Io credo che qualcosa di simile stia oggi accadendo a un’altra specie di viventi, quella che noi chiamiamo homo sapiens.

Il suicidio collettivo avviene qui – come si conviene a una specie che ha sostituito all’istinto il linguaggio e a un impulso endosomatico una serie di dispositivi esterni al corpo – in modo artificioso e complicato, ma il risultato potrebbe essere lo stesso.

Gli esseri umani non possono vivere se non si danno per la loro vita delle ragioni e delle giustificazioni, che in ogni tempo hanno preso la forma di religioni, di miti, di fedi politiche, di filosofie e di ideali di ogni specie.

Queste giustificazioni sembrano oggi – almeno nella parte dell’umanità più ricca e tecnologizzata – cadute e gli uomini si trovano forse per la prima volta ridotti alla loro pura sopravvivenza biologica, che, a quanto pare, si rivelano incapaci di accettare.

Solo questo può spiegare perché, invece di assumere il semplice, amabile fatto di vivere gli uni accanto agli altri, si sia sentito il bisogno di instaurare un implacabile terrore sanitario, in cui la vita senza più giustificazioni ideali è minacciata e punita a ogni istante da malattie e morte.

E solo questo può spiegare che, benché le industrie che li producono abbiano dichiarato che non è possibile prevedere gli effetti dei vaccini a lungo termine, perché non è stato possibile rispettare le procedure previste e che i test sulla genotossicità e cancerogenicità termineranno solo nell’ottobre del 2022, milioni di persone sono state sottoposte a una vaccinazione di massa senza precedenti.

È perfettamente possibile – anche se non è in alcun modo certo – che fra qualche anno il comportamento degli uomini risulterà simile a quello dei lemmings e che la specie umana si stia in questo modo avviando alla sua estinzione.

Giorgio Agamben, filosofo    in https://www.quodlibet.it/ 28/7/2021

 

 

 

Da questo orrido “venerdi nero” il nostro sito pubblicherà in ogni articolo il link all’ottimo servizio del sito Comedonchisciotte.org che introduciamo con queste parole del giornalista Gianni Lannes:


“Esperimento riuscito su scala globale? Licenza virale di assassinare gli esseri umani. 20 mila “vaccinati”, morti in brevissimo tempo solo nell’Unione europea dopo l’esperimento covid-19: lo attestano i dati ufficiali e comunque ampiamente sottostimati della vigilanza passiva di Eudravigilance; senza contare i feriti dalle reazioni avverse e i mutilati dai prevedibili effetti collaterali. Più del fantomatico nuovo coronavirus ne uccidono i cosiddetti “vaccini”, ovvero sieri sperimentali a dir poco micidiali, nel breve, medio e lungo periodo (ancora non calcolato). “ ( 6/8/2021)

 

 

 

Le storie drammatiche dei vaccinati occultate dai grandi media

Sette mesi di sperimentazione e di effetti avversi raccolti dalla Redazione di Comedonchisciotte.org

Sono passati ormai sette mesi dall’inizio della campagna di vaccinazione contro la Covid-19. Durante questo periodo, abbiamo cercato di informare al meglio i nostri lettori: articoli di taglio scientifico e interviste a professionisti del settore medico sono stati una costante, grazie all’instancabile lavoro di tutti i membri della nostra redazione.

Il tema della sicurezza e dell’efficacia dei vaccini ha per ovvietà di cose quasi monopolizzato la discussione, con un fiorire costante di analisi, numeri, studi e grafici. Ma dietro questi “freddi” dati ci sono delle persone, e abbiamo ritenuto che fosse importante dare spazio ai loro volti e alle loro storie.

Per questo motivo, via via abbiamo raccolto i moltissimi articoli relativi ai sospetti eventi avversi da vaccino anti Covid-19, con lo scopo di pubblicarli e creare così una memoria storica di quanto sta accadendo in Italia e nel mondo. La raccolta non ha certo la pretesa di essere esaustiva: non solo abbiamo deciso di non inserire segnalazioni riportate esclusivamente sui social, ma è fisiologico che molte di esse, nonostante la buona volontà, siano sfuggite alla nostra attenzione.

Come vedrete, le fonti di questi fatti di cronaca sono le più disparate, senza distinzione di sorta: giornali locali, blog, piccoli e grandi siti esteri. Scontata, ma da evidenziare, la totale assenza dei grandi quotidiani italiani.

Naturalmente, questo spazio non ha lo scopo di dimostrare in modo scientifico e rigoroso una correlazione tra le vaccinazioni e i drammi subiti da queste famiglie. In molti casi il legame appare evidente, in altri è a prima vista solo temporale, ma ad ogni modo non possiamo e non vogliamo trarre conclusioni basandoci soltanto su poche righe pubblicate da un quotidiano locale.

Possiamo però sottolineare tutte quelle coincidenze ed anomalie ormai tristemente note: dalle esplosioni di focolai nelle RSA a ridosso delle vaccinazioni, ai medici e agli infermieri deceduti all’improvviso; dalle morti per trombosi di giovani donne in salute, alle più recenti tragedie che hanno colpito i giovanissimi.

Storie importanti da ricordare, da portare alla luce affinchè non vengano dimenticate.

Per tutte queste considerazioni, è da oggi disponibile sul sito Come Don Chisciotte una nuova sezione che raccoglie tutti questi fatti di cronaca. Per il momento, essa comprende gli articoli che vanno dal 16 dicembre 2020 alla metà del mese scorso. Sarà nostro dovere, mantenerla costantemente aggiornata.

Un ringraziamento speciale va a tutti quei lettori che non hanno mai smesso di segnalarci storie ed articoli: questo lungo lavoro, è anche merito vostro.

Di Filippo Della Santa,   Comedonchisciotte.org  5/8/2021

 

Raccolta di sospetti eventi avversi da “vaccini anti Covid-19”, in ordine cronologico, proveniente dalla stampa italiana e internazionale. Inseriti così come pubblicati in origine, anche in lingua originale non tradotta.

 

VEDI: https://comedonchisciotte.org/elenco-eventi-avversi-da-vaccino-anti-covid/

 

 


 

 

ANNO II DEL REGIME SANITARIO

 

 



Potete scaricare un volantino in PDF che sintetizza gli 8 motivi più importanti per dire NO AL VACCINO. Naturalmente è solo una sintesi che rimanda agli articoli approfonditi sui gravi pericoli dei vaccini che trovate sul nostro sito e alle migliaia di articoli/video in Rete.

Diffondetelo per aiutare chi ancora fosse dubbioso sul da farsi. Non è certo un volantino per il covidiota/ cittadino di serie A vaccinato, tamponato, mascherato: lui/lei ha già scelto da che parte stare, prono/a ed addomesticato/a. Peggio per lui/lei. (GLR)


8 MOTIVI PER DIRE NO AL VACCINO

scarica qui il volantino in PDF:

8-motivi-per-dire-no-al-vaccino

 

 

 

Scaricate questo PDF: meglio-essere-cittadini-di-serie-b

 

 


Per approfondire i temi di questo articolo leggete i tanti articoli presenti a questo link:

http://www.gruppolaico.it/category/rassegna-stampa/emergenza-rassegna-stampa/

E questi articoli per tutti:

Considerazioni al tempo del regime sanitario (24). Un lungo autunno di Resistenza.

Apartheid (7). " E l'italia giocava alle carte e parlava di calcio nei bar"

Apartheid (6). La miserabile libertà del vaccinato.

Apartheid (4). Meglio essere cittadini di serie B.

Apartheid (5). Il tempo della cattiveria.


Leggete le GLR-Notizie qui: http://www.gruppolaico.it/category/notizie/

 

Potete scaricare il PDF di questo articolo qui: 6-8-2021-un-venerdi-nero-di-fascismo-e-di-vergogna

 

 


Calendario eventi
agosto 2021
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli