Solstizio d'Inverno presso le costruzioni megalitiche di Stonehenge ( Gran Bretagna)

Oggi 22 dicembre 2019 alle ore 04.19 UTC è il Solstizio d’Inverno. La luce riprende a crescere. Inizia un nuovo anno.

Anzi, oggi è il vero Capodanno perchè legato ai ritmi della natura: il Sole raggiunge, nel suo moto apparente lungo l’eclittica, il punto di declinazione minima. Ed avviene la notte più lunga e il giorno più corto dell’anno.

I nostri capodanno sono convenzioni legate alle varie culture e alle varie religioni e cadono in vari giorni dell’anno. Invece il Capodanno del Solstizio d’Inverno è comune a tutti gli umani perchè è un evento naturale non culturale o religioso.

Comunque in molte culture, soprattutto antiche, oggi era festeggiato e veniva celebrato con grandi fuochi, candele, falò che servivano a radunarsi per festeggiare le nozze della notte più lunga con il giorno più corto. La rinascita del mondo. Questi fuochi volevano essere come un aiuto che gli uomini davano al Sole all’inizio della sua ricrescita.

Il Solstizio d’Inverno ricalca anche la simbologia della morte e della rinascita, incarna la morte del vecchio dio Sole e la nascita del Sole giovane e pieno di vitalità ( presso l’antica Roma veniva celebrato in questi giorni il “Dies Natalis Soli Invicti” – il giorno della rinascita del Sole Invitto che ricalcava feste antichissime di svariate civiltà)

In questo giorno veniva celebrata anche la morte dei semi nella Terra, immagine della Grande Madre, che li conserverà nel suo grembo fino alla loro nascita in primavera.

Angerona

Presso la Roma arcaica oggi, 21/22 dicembre, si celebravano i Divalia dedicati alla dea Angerona ( di antichissima origine indoeuropea) per cui questa festa veniva chiamata anche Angeronalia.

Angerona era la dea del Silenzio e degli amori segreti più profondi, la dea dell’interiorità silenziosa e intima, e veniva rappresentata con l’indice della mano destra sulla labbra chiuse. Un invito che la Madre Terra ( di cui Angerona era una delle tante rappresentazioni mitiche) faceva a tutti perchè la rinascita del Sole coincidesse con una rinascita interiore, con una maggiore comprensione di sè stessi, con una maggiore capacità di percepire e ritrovare l’essenziale. Oltre il chiasso, le grida, le feste stupide, il continuo parlare a vuoto.

Così il Solstizio d’Inverno non era solo un fenomeno astronomico ma diventava ( diventa?) un evento di umanizzazione e miglioramento personale. Se la Luce riprende a crescere io debbo fare più luce dentro di me e fuori di me e sempre più avere forza per Resistere al degrado che mi circonda, politico, sociale, morale e digitale.

La via del Silenzio è quella per poter accendere, con il Sole, questa luce. E sappiamo quanto abbiamo bisogno di questo nella nostra epoca così dispersiva, caciarona, superficiale e cinica

E’ Capodanno: auguri a tutti di rigenerazione, miglioramento personale e di serio impegno resistenziale.

FORZA E ONORE!


“Migliorate voi stessi ed altrui: è questo il primo intento ed è la suprema speranza di ogni riforma, di ogni mutamento sociale.”

Giuseppe Mazzini

 

… Nel bel mezzo dell’inverno,
ho scoperto che vi era in me
un’invincibile estate.

Albert Camus

 

Gruppo Laico di Ricerca

 


Calendario eventi
dicembre 2019
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli