La vicenda che ha portato al governo Monti è oscura e inquietante: non lasciamoci prendere dall’euforia, perchè Berlusconi ha dovuto andarsene: chi lo ha abbattuto sono “i mercati”, questo fantasma inventato non si sa da chi, in  verità è l’Europa capitalistica e di destra alla quale Berlusconi non dava più sufficiente garanzia di esecuzione dei vari Diktat : adesso l’ultima grave anomalia sarebbe sanata: il governo greco è presieduto da un ex dirigente della BCE e quello italiano da uno che è  rettore della Bocconi, insigne rappresentante del pensiero economico liberista. Se la vicenda è guardata con gli occhi  di Marx, non ci sono misteri: il governo è il gabinetto d’affari della borghesia, che quando  annusa pericoli spazza via il velo politico e gestisce direttamente il potere: l’analisi è da manuale. L’esecuzione è stata esemplare : l’allineamento di tv  e giornali immediato, persino le trasmissioni  di intrattenimento  si sono prodigate , cito tutte e tre le reti Rai che hanno allestito cori di sostegno senza vergogna. Persino un filino più a sinistra come Repubblica è pericoloso: dilaga il Corriere,  è a casa sua. Perchè? credo perchè in verità, se Berlusconi non ha potuto reggere con le sue bugie e i giochini epistolari, è vero però che  nessuno del  suo governo e nessuno dell’opposizione  parlamentare sarebbe stato capace di sobbarcarsi il peso di manovre impopolari,  mangiandosi così il consenso elettorale: si potrà sempre dire che il governo tecnico risponde al ”mercato” e pagherà lui, che tanto non si presenta alle elezioni. Così il sistema politico non si brucia nemmeno un’unghia e aspetta.  Si tratta di uno dei peggiori episodi di vigliaccheria politica mai visti. Tutto ciò è avvenuto violando regole e procedure addirittura su pressione del presidente della Repubblica: ormai l’Italia è una repubblica presidenziale: niente vale più come prima, dato che la massima magistratura di garanzia si è trasformata nella massima magistratura dell’esecutivo.

 Credo ci aspettino tempi oscuri e pericolosi, dato che sta accuratamente in ombra una qualsiasi analisi reale della situazione: ancora non si dice che in crisi è il capitalismo e non si appronta il minimo avvio di alternativa: che Pdl e Pd abbiano come fondamento la stessa cultura è di una evidenza solare ed essi insieme occupano così  tanto spazio istituzionale  che non ne avanza per nessuno.  La costruzione di una alternativa è lontana e difficile eppure necessaria.  Ripeto che non è il caso di stare a gingillarsi con la soddisfazione per la sconfitta personale di Berlusconi e nemmeno di fare manifestazioni per questo, cerchiamo almeno di recuperare un po’ di decenza nei comportamenti  e di non essere troppo vili nell’infierire su chi casca, dato che non siamo nemmeno stati noi a farlo cadere. La cosa davvero importante  è di dedicarsi a costruire l’alternativa culturale, senza la quale di fatto condividi i fondamenti di analisi vigenti e si vede quale resistenza (non) oppongano alla crisi, e quale orizzonte di superamento (non) indichino.  Prendiamo le distanze dal  capitalismo e dalla borghesia patriarcale  e cerchiamo di non perdere contatto con la classe e il genere: la ricostruzione, per certi versi è più difficile che nel dopoguerra, più incerta inquinata e scomposta. Tuttavia le idee ci sarebbero: difficile è trovare le gambe su cui possano camminare. 

 

Lidia Menapace, saggista e politica         dalla Lista Menapace,  14/11/2011

 

Stampa Articolo Stampa Articolo       Manda via Mail questo articolo Manda via Mail questo articolo

Calendario eventi
novembre 2011
L M M G V S D
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli