La dichiarazione del presidente della Commissione Europea José Barroso sul razzismo potrebbe essere la pietra miliare per la costruzione dell’Europa degli esseri umani e delle genti. Questa è la sua sintesi riportata da APCOM: «L’obbiettivo comune dell’Unione europea è costruire «un’area di libertà, sicurezza e giustizia»….«razzismo e xenofobia non hanno posto in Europa». «Gli immigrati legali troveranno in Europa un posto in cui i diritti umani sono rispettati e garantiti»,ha spiegato Barroso, precisando che « chiunque in Europa deve rispettare la legge».”«E i governi devono rispettare i diritti umani, inclusi quelli delle minoranze» ha aggiunto il presidente della Commissione europea. Queste parole assumono particolare valore e significato simbolico perché sono espresse da un esponente moderato della politica europea.Barroso nel suo paese, il Portogallo milita nel partito socialdemocratico che in Europa a dispetto del nome fa parte del gruppo popolare ed è di fatto un partito moderato. Esiste oggi nella UE un vasto schieramento trasversale che esprime una totale ripulsa di ogni forma di razzismo, xenofobia ed omofobia. Le donne e gli uomini che ne fanno parte sono lucidamente consapevoli delle devastazioni provocate dal nazifascismo, ma non solo.
L’Europa ha sulla propria coscienza il più vasto e feroce crimine della Storia, il colonialismo. Non si da un futuro e un ruolo per il vecchio Continente se non si innesta sulla radice sana e rigogliosa dei diritti universali dell’ uomo. Le forze reazionarie che per ragioni di calcolo miope si ispirano alle eredità tossiche della discriminazione mirano a demolire il sogno di una sola Europa del diritto e dell’accoglienza per precipitarla in un atroce incubo già sperimentato.

Moni Ovadia     l’Unità 11 settembre 2010

Calendario eventi
settembre 2010
L M M G V S D
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930EC
Cerca nel Sito
Newsletter
In carica...In carica...


Feed Articoli